CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

Guerra Israele-Palestina: il mondo non può restare a guardare questo massacro

Gedeone Levy 14 ottobre 2023

Due milioni di persone indifese a Gaza non hanno nessun posto dove scappare, nessun posto dove nascondersi e nessun modo per salvare i propri figli

Un bambino palestinese riceve cure mediche dopo essere stato colpito da un attacco aereo israeliano a Deir Al Balah, Gaza, il 14 ottobre 2023 (Reuters)

Mentre scriviamo queste righe, Israele ha informato le Nazioni Unite che più di un milione di persone nel nord della Striscia di Gaza, compresi i residenti di Gaza City, devono evacuare le proprie case. Non c’è nessun posto dove andare a Gaza – né per 10.000 persone, né per 100.000 e certamente non per un milione.

Evacuare un milione di esseri umani entro 24 ore è impossibile, illegale, disumano e poco pratico.

In altre parole, Israele minaccia di commettere un crimine di guerra come non se ne vedevano dai tempi della Nakba del 1948. 

Molto probabilmente si tratta solo di chiacchiere e minacce; Alla fine Israele potrebbe non invadere Gaza e un milione di persone potrebbero non essere sfollate. In ogni caso, quasi mezzo milione sono i nuovi senzatetto a seguito dei bombardamenti senza precedenti sui quartieri di Gaza da parte dell’aeronautica israeliana.

Questi sono giorni bui. Giorni bui per gli israeliani, che sabato scorso si sono svegliati con una realtà che ha capovolto la loro concezione del mondo che avevano abbracciato per anni. 

Gli israeliani credevano che il loro esercito fosse onnipotente, il più forte del mondo; che lo stanziamento di 3,5 miliardi di shekel (1 miliardo di dollari) nella barriera attorno a Gaza sarebbe sufficiente a garantire la sicurezza dei residenti del sud di Israele. 

Credevano di avere il sistema di intelligence più sofisticato del mondo, uno che conosce, sente e vede tutto. Israele è dotato di una tecnologia miracolosa che vende a mezzo mondo e vanta risorse umane d’élite, come la celebre Unità 8200 dell’esercito , geni nati che chiaramente non potevano essere sorpresi da nessuno. 

Realtà diversa

Poi, la recinzione attorno a Gaza è stata sfondata da un trattore obsoleto e l’intero concetto è crollato. Si scopre che l’intelligence israeliana non sapeva nulla di un’enorme operazione pianificata da più di un anno ; l’esercito si è presentato molto tardi sui luoghi delle incursioni di Hamas.



Metà dell’esercito israeliano sta attualmente sorvegliando i coloni nella Cisgiordania occupata e tutte le loro capricciose attività. Per la festa di Sukkot, diversi battaglioni sono stati spostati dal confine di Gaza a Huwwara, vicino a Nablus, per proteggere una festa di vendetta iniziata da un membro estremista del parlamento israeliano. 

Tutti i residenti di Gaza sono diventati potenziali vittime di una violenza che perfino loro, per quanto già conoscano l’orrore e la sofferenza, non conoscevano in precedenza.

Le immagini mediatiche di fedeli ebrei seduti su una strada nel mezzo di una città palestinese , che ondeggiano da una parte all’altra come tante fronde di palma rituali, sono state tra le più grottesche degli ultimi tempi. Il grottesco ha presto lasciato il posto alla catastrofe: a causa di questa provocatoria provocazione criminale da parte dei coloni, gli abitanti del sud di Israele non avevano nessuno che li proteggesse quando le forze di Hamas hanno invaso.

Sabato scorso Israele si è reso conto di una realtà diversa, che dovrebbe finalmente estinguere l’arroganza e l’autocompiacimento del Paese. Ciò dovrebbe dimostrare, una volta per tutte, l’impossibilità di evitare qualsiasi conseguenza se si continua a imprigionare a tempo indefinito più di due milioni di persone in una gabbia gigante, mentre altri tre milioni di persone vivono a tempo indeterminato sotto la tirannia militare. 

Dopotutto c’era un prezzo da pagare. Sabato scorso Israele si è svegliato con un orrore dopo l’altro.  

Israele rimase scioccato e cercò vendetta. Quel desiderio ora è soddisfatto. Mentre scrivo, tutti i residenti di Gaza sono diventati potenziali vittime di una violenza che perfino loro, per quanto già conoscano l’orrore e la sofferenza, non conoscevano in precedenza. 

Trauma della Nakba

Migliaia e forse decine di migliaia di palestinesi a Gaza non vivranno ancora per molti giorni. Le loro case, le loro vite e il loro mondo saranno completamente distrutti. 

Coloro che sono costretti a evacuare ricorderanno sicuramente come i loro genitori e i loro nonni furono costretti a evacuare centinaia di villaggi nella loro terra natale nel 1948, senza potervi più ritornare. Il trauma della Nakba si risveglierà ora, in tutta la sua intensità, a Gaza.

Israele non deve fraintendere la simpatia e la solidarietà che gran parte del mondo esterno gli sta attualmente dimostrando.

La comunità internazionale non permetterà che Israele si scateni a Gaza a spese di due milioni di persone indifese che non hanno nessun posto dove scappare, nessun posto dove nascondersi e nessun modo per salvare i propri figli.

Non hanno ospedali per curare i loro malati; nessun posto dove prendersi cura delle loro anime distrutte. Il fatto che Hamas non si sia occupata di tutto ciò non esonera Israele dalle sue responsabilità. 

Gran parte della responsabilità ora ricade sulla comunità internazionale. Le visite di alti funzionari americani ed europei e il discorso straordinariamente comprensivo del presidente degli Stati Uniti Joe Biden non dovrebbero indurci in errore.

"
Donne Palestinesi fuggono con i loro averi durante la Nakba (Creative commons)

Deve essere chiaro che, nonostante la comprensibile e amichevole simpatia umana espressa, la risposta di Israele non può essere sfrenata.

Mentre stavo scrivendo queste righe, un residente di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, mi ha chiamato chiedendomi di inviare un articolo ad Haaretz, il giornale per il quale scrivo. “Non so se sarò ancora vivo tra qualche ora”, ha detto. “In questo momento, nessuno a Gaza sa se sarà vivo tra un’ora, ma per favore pubblicate l’articolo anche se venissi ucciso.”

Ad un certo punto, queste atrocità dovranno essere fermate – e quella fase è molto vicina.

Le opinioni espresse in questo articolo appartengono all’autore e non riflettono necessariamente la politica editoriale di Middle East Eye.

Gideon Levy è editorialista di Haaretz e membro del comitato editoriale del giornale. Levy è entrato ad Haaretz nel 1982 e ha trascorso quattro anni come vicedirettore del giornale. Ha ricevuto il Premio giornalistico Euro-Med nel 2008; il Premio per la Libertà di Lipsia nel 2001; il Premio dell’Unione dei giornalisti israeliani nel 1997; e il Premio dell’Associazione dei Diritti Umani in Israele per il 1996. Il suo nuovo libro, La punizione di Gaza, è appena stato pubblicato da Verso.

traduzione a cura di Alessandra Mecozzi

PalestinaCeL

VIEW ALL POSTS

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato