CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

Archive for Gennaio, 2021

La lotta continua delle donne palestinesi …

di * Najla M. Shahwan /OP-ED /20 Marzo 2020 Mentre il mondo celebrava la giornata delle donne, l’8 marzo, le donne palestinesi continuavano a lottare per l’uguaglianza di genere e per i loro diritti, sacrificati da due circostanze principali forse tra loro connesse: l’occupazione israeliana e il controllo patriarcale nella

LEGGI TUTTO

Dare ai palestinesi la possibilità di uno sguardo alla loro casa

Amjad Ayman Yaghi The Electronic Intifada 14 January 2021 Tarek Bakri consente ai palestinesi nel mondo uno sguardo sulla loro terra Sono passati più di sette decenni dalla Nakba, la pulizia etnica della Palestina del 1948. Le persone espulse dalle forze sioniste in quel momento – se sono ancora in vita

LEGGI TUTTO

L’inverno porta nuovi disastri a Gaza

Ola Mousa The Electronic Intifada 26 gennaio 2021 L’inverno picchia duro a Gaza. Le forti piogge degli ultimi mesi a partire da novembre hanno provocato l’allagamento di case e strade, soprattutto nei numerosi campi profughi di Gaza. Nel campo profughi di al-Shati (Beach) di Gaza City, Baha Hamad, 40 anni, stava osservando

LEGGI TUTTO

La Commissione Elettorale Centrale palestinese invita l’Unione Europea a inviare osservatori alle prossime elezioni

24 Gennaio 2021 PC Palestinian Chronicle La Commissione Elettorale Centrale palestinese (CEC) ha diramato oggi, 24 di gennaio 2021, un invito ufficiale al Parlamento Europeo e alla Unione Europea (EU) ad osservare le prossime elezioni palestinesi. Sven Kuhn von Burgsdorff ha ricevuto l’invito durante l’incontro con la presidente della Commissione

LEGGI TUTTO

Come una campagna diffamatoria israeliana sta strappando fondi ai contadini palestinesi

Gruppi di pressione israeliani stanno prendendo di mira le fonti di finanziamento di un’importante unione agricola palestinese – sostenendo, in modo sospetto, che ha legami con i “terroristi”. Altre organizzazioni palestinesi stanno affrontando gli stessi attacchi.  Alex Kane e Mariam Barghouti  25 gennaio, 2021 da +972 Magazine Il 20 luglio, l’Unione

LEGGI TUTTO

Come è successo che la bandiera israeliana è diventata un simbolo dei nazionalisti bianchi

L’ammirazione del movimento nazionalista bianco negli Stati Uniti per i valori suprematisti dello stato ebraico ben si adatta al suo profondo antisemitismo. di Ben Lorber, 22 Gennaio 2021 da +972 Magazine Quando a migliaia si sono ritrovati a Washington il 6 di gennaio per il fatidico rally a sostegno di

LEGGI TUTTO

Israele/Palestina. 122 intellettuali scesi in campo per difendere il diritto di dire la verità

di Nino Lisi già pubblicato il 18 gennaio su Articolo21.org  Il rischio di un falso si aggira per l’Europa, anzi per il mondo. L’insegue una  lettera di 122 intellettuali per prevenirlo o smascherarlo.La questione è delicata, molto delicata, perché il rischio è legato ad una definizione proposta dall’ IHRA .

LEGGI TUTTO

Sciopero di lavoratori palestinesi alla Yamit: chiediamo urgente sostegno internazionale

7 gennaio 2021 by New Unions Il 1 ° gennaio 2021, quando il mondo celebrava il nuovo anno, 75 lavoratori palestinesi della fabbrica Yamit Sinoun di una colonia israeliana hanno iniziato uno sciopero aperto chiedendo all’azienda di rispettare i loro diritti. L’azienda produce sistemi di filtraggio dell’acqua per il mercato globale e

LEGGI TUTTO

Adesso siamo tutti di “un unico Stato”

L’argomentazione ideologica sul futuro di Israele e della Palestina nasconde il fatto che negli ultimi dieci anni abbiamo vissuto nella realtà di un unico stato. Negli ultimi giorni prima delle seconde elezioni israeliane del 2019, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha annunciato una conferenza stampa speciale. La speculazione era alta:

LEGGI TUTTO

O fedeltà o silenzio, per i registi palestinesi in Israele

di Suha Arraf +972 Magazine 15 gennaio 2021 nella foto Mohammad Bakri al tribunale distrettuale di Lod 21 dicembre 2020 La persecuzione di Israele nei confronti dell’attore e regista Mohammad Bakri riflette il suo desiderio di censurare le storie dell’occupazione mentre si vanta di essere una “democrazia”. Di Suha Arraf,

LEGGI TUTTO

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato