CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

Gli argomenti giuridici per imporre l’embargo a Israele

Gli Stati hanno la responsabilità di agire quando la pace internazionale è minacciata. Gli atti genocidi di Israele chiaramente lo fanno.

  • Shahd Hammouri Docente di diritto internazionale presso l’Università del Kent

Pubblicato il 3 aprile 2024

Sono passati quasi sei mesi da quando Israele ha lanciato il suo più recente attacco a Gaza, che ha ormai raggiunto proporzioni genocide. L’esercito israeliano ha ucciso più di 33.000 palestinesi, ferito più di 75.000 e cancellato edifici civili e infrastrutture in tutta la Striscia.

Israele sta attualmente violando le misure provvisorie della Corte Internazionale di Giustizia (ICJ) che richiedono la protezione dei diritti dei palestinesi, e la risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che chiede un cessate il fuoco.

Le sue atrocità a Gaza sono parte integrante del colonialismo di insediamento che viola i più basilari principi giuridici internazionali e rappresenta una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionali. In un contesto del genere, tutte le dichiarazioni di condanna sono prive di significato se non sono seguite dall’azione.

Secondo il diritto internazionale, quando la pace internazionale è minacciata e viene commesso un genocidio, gli stati e le aziende hanno il dovere di agire. Tra le misure a cui possono ricorrere figurano gli embarghi  come forma di pressione economica per fermare le violazioni del diritto internazionale.

Nel caso di Israele, tali misure sono necessarie per costringere il Paese a porre fine alle sue violazioni e per proteggere il popolo palestinese da ulteriori atrocità.

Una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale

Quando si considera la questione giuridica degli embarghi contro Israele, è importante capire in quali contesti sono applicabili. Secondo il diritto internazionale, gli Stati membri sono tenuti ad agire quando esiste una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale, ovvero quando si verificano violazioni che superano la linea rossa al centro della Carta delle Nazioni Unite.

Dalla creazione di Israele nel 1948, che comportò l’espropriazione e la pulizia etnica della popolazione indigena palestinese, il conflitto armato non si è fermato. Il progetto coloniale di insediamento dei coloni israeliani  ha provocato continue proteste da parte dei palestinesi e di altre popolazioni della regione, causando tensioni geopolitiche e ostilità.

Dall’inizio dell’ultimo attacco israeliano a Gaza in ottobre, ci sono stati continui timori di ricadute regionali. Più recentemente, il rischio di una proliferazione della guerra è stato accresciuto dallo sfacciato attacco israeliano al consolato iraniano a Damasco – una grave violazione del diritto internazionale.

È ormai più che chiaro che il prolungamento delle illegalità commesse da Israele costituisce una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale. Questa posizione è stata convalidata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che ha più volte sottolineato che la continuazione del conflitto israelo-palestinese costituisce una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale, anche nelle risoluzioni 67/23 del 2012 e 70/17 del 2015.

Nella sua decisione del 2004 sul caso israeliano del “muro di separazione”, l’ICJ ha anche dichiarato che le violazioni del diritto internazionale da parte di Israele rappresentano una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionali.

Più in generale, il crimine di apartheid costituisce una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale ai sensi della Convenzione per la prevenzione dell’apartheid ( PDF) . Anche il genocidio , l’aggressione  utilizzata per sopprimere la richiesta di autodeterminazione di un popolo e la colonizzazione  sono considerati minacce alla pace e alla sicurezza internazionali. Israele è stato ripetutamente accusato di tutto ciò.

Di fronte a una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale, gli stati hanno il dovere di rispondere per proteggere la popolazione colpita con tutti i mezzi disponibili, compresi gli embarghi economici contro le industrie che facilitano l’economia di guerra dello stato dominante.

Come chiaramente stabilito dalla Corte Internazionale di Giustizia nella sua decisione sul caso Bosnia-Erzegovina contro Serbia e Montenegro ( PDF ), gli Stati hanno il dovere di “impiegare tutti i mezzi ragionevolmente a loro disposizione, in modo da prevenire il più possibile il genocidio”.

Le misure provvisorie recentemente emesse dalla Corte Internazionale di Giustizia nel caso Sud Africa contro Israele fungono da avviso legale per gli stati  e altri attori: il rischio di genocidio è qui e i vostri doveri sono vanno attivati.

Il dovere di prevenire il genocidio si aggiunge al dovere di non esserne complici, compreso il divieto di vendere armi. Questo obbligo è ulteriormente rafforzato dal Trattato sul commercio delle armi che obbliga gli esportatori di armi a non trasferire armi che potrebbero essere utilizzate per violare il diritto umanitario internazionale.

Come recentemente accertato ( PDF ) dal relatore delle Nazioni Unite sui territori palestinesi occupati, il genocidio di Israele è parte integrante di una più ampia politica coloniale di insediamento di negazione del diritto dei palestinesi all’autodeterminazione. In caso di tale diniego, il commento al progetto di articoli della Commissione di diritto internazionale (ILC) sulla responsabilità degli Stati sottolinea che “il non riconoscimento collettivo [della situazione creata dalla grave violazione come legge] sembrerebbe essere un prerequisito per qualsiasi concertazione risposta della comunità contro tali violazioni e segna la risposta minima necessaria da parte degli Stati alle violazioni gravi”.

Il mancato riconoscimento, a cui fa riferimento l’ILC, può assumere la forma di qualsiasi mezzo legale, compresi gli embarghi economici, purché tutelino ( PDF ) i diritti umani della popolazione civile locale. Secondo l’Accordo generale sulle tariffe doganali e sul commercio del 1948, tali sanzioni non costituirebbero una violazione del diritto commerciale internazionale in quanto sono necessarie per proteggere la vita umana, la morale pubblica e gli interessi di sicurezza.

Inoltre, le risoluzioni dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite emanate nell’era della decolonizzazione ribadiscono chiaramente  il dovere degli Stati membri di agire per porre fine alla colonizzazione e all’apartheid. In particolare nella Risoluzione 3236 del 1974 , l’Assemblea Generale ha lanciato un appello: “a tutti gli Stati e alle organizzazioni internazionali affinché estendano il loro sostegno al popolo palestinese nella sua lotta per ripristinare i suoi diritti, in conformità con la Carta”. Tale sostegno è stato esteso al popolo sudafricano sotto forma di embargo contro il governo dell’apartheid.

Per quanto riguarda la responsabilità aziendale, secondo i Principi Guida delle Nazioni Unite per le imprese e i diritti umani, le aziende hanno il dovere di non trarre vantaggio o contribuire alle violazioni del diritto internazionale sui diritti umani e del diritto umanitario. Questo dovere è stato ribadito in relazione agli insediamenti israeliani nei documenti che portano al database delle Nazioni Unite sulle imprese coinvolte negli insediamenti israeliani .

Le udienze pubbliche delle Nazioni Unite per le società transnazionali e il processo di Norimberga,  tra gli altri, dimostrano la possibilità di gravi ripercussioni per le società che traggono vantaggio o contribuiscono a minacce alla pace e alla sicurezza internazionali.

Sanzionare Israele

La storia ha ripetutamente dimostrato che gli stati coloniali smetteranno di sottomettere le popolazioni colonizzate solo quando il loro dominio non sarà più economicamente e politicamente sostenibile. Come ha sottolineato il politologo algerino Brahim Rouabah, i francesi non hanno lasciato l’Algeria per buona volontà: lo hanno fatto perché il loro progetto di colonizzazione era diventato troppo costoso. Un caso più recente che illustra questo punto è quello del Sud Africa, dove il regime dell’apartheid è caduto dopo che le sanzioni internazionali ne avevano minacciato l’economia.

La capacità di Israele di continuare a condurre la guerra contro Gaza dipende dalle importazioni di armi e munizioni straniere, la cui produzione implica complesse catene di approvvigionamento.

Le materie prime possono provenire da uno Stato, le armi possono essere prodotte in un altro, possono poi essere esportate da un terzo e trasportate attraverso un quarto.

Paesi diversi come India, Canada, Giappone, Belgio, Germania, Cipro e altri sono coinvolti in questo processo. I pezzi di ricambio di cui Israele ha bisogno per i suoi aerei da caccia F-16 e F-35 di fabbricazione statunitense provengono da stati come i Paesi Bassi , l’Australia  e il Regno Unito .

Ciascuno di questi stati ha la capacità di influenzare lo stato israeliano imponendo un embargo su armi e materiali a duplice uso.

Allo stesso modo, la continuazione del sistema complessivo di dominio di Israele attraverso le gravi illegalità dell’apartheid , dell’annessione di fatto , della colonizzazione e del genocidio  si basa sulla sua capacità di mantenere un buon posizionamento nel mercato globale.

Israele ha visto una crescita nei settori del petrolio, del gas , dell’energia verde  e della tecnologia, nonché nell’agricoltura, che sono profondamente interconnessi con il sostentamento delle sue gravi illegalità e dipendono dal commercio estero. L’eliminazione di un elemento dalla catena di approvvigionamento di qualsiasi grande industria potrebbe portare a un effetto domino che può destabilizzare o debilitare l’economia di guerra israeliana.

Gli embarghi dovrebbero iniziare con le industrie che facilitano lo sforzo bellico, come le industrie delle armi e del petrolio e del gas. Questa è la lezione appresa dalla lotta giuridica internazionale contro il regime di apartheid in Sud Africa.

Una risoluzione dell’Assemblea Generale a tal fine incoraggerebbe ulteriormente gli Stati ad adempiere ai propri obblighi legali internazionali. Il contenzioso strategico locale, l’attivismo politico e degli azionisti e il lobbying parlamentare dovrebbero concentrarsi sull’urgenza di attuare gli obblighi statali e aziendali.

Le ruote di questo processo stanno già girando. Alla fine di febbraio, gli esperti delle Nazioni Unite hanno affermato  che le esportazioni di armi verso Israele dovevano cessare immediatamente. Questo appello è stato ripreso dal rappresentante della Palestina, Nada Tarboush, alla riunione del gruppo di lavoro sul trattato sul commercio delle armi a Ginevra.

I singoli paesi hanno iniziato ad agire. La Colombia ha sospeso ogni commercio di armi con Israele, il Regno Unito ha interrotto la manutenzione degli aerei da combattimento F-35 israeliani sul suo territorio, il parlamento canadese ha votato per congelare le nuove licenze di vendita di armi a Israele e il governo regionale vallone del Belgio ha bloccato le licenze per l’esportazione per munizioni verso Israele. Il governo norvegese ha sconsigliato il commercio con gli insediamenti israeliani.

Le aziende hanno anche risposto ad appelli e procedimenti legali internazionali, come il caso della Corte internazionale di giustizia contro Israele. La Itochu Corporation, uno dei più grandi conglomerati commerciali giapponesi, ha deciso di tagliare i legami con la compagnia israeliana di armi Elbit.

Recentemente è stata lanciata una coalizione palestinese che chiede un embargo su petrolio e gas, in seguito alla comunicazione di lettere di cessazione e desistenza alle società petrolifere e del gas che cercano di trarre profitto dal saccheggio israeliano delle risorse marittime palestinesi.

Se vogliamo credere in un futuro con pari diritti, autodeterminazione e risarcimenti per il popolo palestinese in linea con i principi fondamentali della Carta delle Nazioni Unite, questi sforzi devono essere portati avanti e ampliati. Il risultato di tali sforzi potrebbe non essere visibile nel prossimo futuro, ma come hanno dimostrato i casi del Sud Africa e dell’Algeria, se c’è una volontà, c’è un modo – anche nelle ore più buie.

Le opinioni espresse in questo articolo appartengono all’autore e non riflettono necessariamente la posizione editoriale di Al Jazeera.


  • Shahd Hammouri La dott. Shahd Hammouri è docente di diritto internazionale presso l’Università del Kent e consulente legale internazionale. La sua ricerca è focalizzata sulle economie di guerra e sulla teoria critica. È autrice del libro di prossima pubblicazione “Corporate War Profiteering and International Law”.

Traduzione a cura della redazione

PalestinaCeL

VIEW ALL POSTS

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato