CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

“Abbiamo vertigini, siamo stanchi, esausti” – Come i palestinesi di Gaza parlano della carestia diffusa

17 aprile 2024 

Palestinesi sfollati a Rafah. (Foto: Mahmoud Ajjour, The Palestine Chronicle)

Di Abdallah Aljamal – Gaza

Io e la mia famiglia eravamo esposti al rischio di morire di fame. Ho perso più di 25 chili di peso, mia moglie ne ha persi più di 10.

La guerra israeliana in corso contro Gaza, entrata nel suo settimo mese consecutivo, ha ucciso e ferito oltre 120.000 palestinesi.

Oltre agli incessanti attacchi israeliani, la guerra e l’assedio totale imposto alla Striscia hanno provocato anche numerose malattie ed epidemie.

Inoltre, la continua guerra della fame ha portato a una significativa e pericolosa perdita di peso per la maggior parte della popolazione di Gaza.

https://www.palestinechronicle.com/killed-in-uniform-the-gaza-medic-who-saw-his-murder-in-a-dream/embed/#?secret=gnocDj9RQ6#?secret=CvWUEzr4QG

Secondo le Nazioni Unite, “i dati indicano che “l’intera popolazione” di Gaza – circa 2,3 milioni di persone – sta affrontando alti livelli di insicurezza alimentare “acuta”. Ciò include 1,11 milioni di persone che soffrono di “catastrofica” insicurezza alimentare”.

Non sono stato risparmiato dalle difficoltà della guerra. Come cittadino palestinese, prima di essere giornalista, ho vissuto quello che ha vissuto il resto della gente di Gaza. 

Vivo con i miei figli sotto l’intenso bombardamento israeliano. 

Io e la mia famiglia eravamo esposti al rischio di morire di fame. Ho perso più di 25 chilogrammi di peso, mia moglie ha perso più di 10 chili. Anche i miei figli hanno perso molto peso, nel mezzo di una disastrosa carenza di cibo in ogni zona dell’enclave.

Abbiamo parlato con altri residenti di Gaza, che stanno vivendo le stesse orribili condizioni. 

https://www.palestinechronicle.com/gazas-holiday-massacres-will-nuseirat-be-destroyed-next/embed/#?secret=UQ4RDR2FMW#?secret=aVatKgXlWt

I bambini vengono prima di tutto 

“La nostra casa è stata gravemente danneggiata dopo il bombardamento della casa del nostro vicino nel campo di Nuseirat, nel centro della Striscia di Gaza”, ha detto Noor al-Hawajri al Palestine Chronicle.

“Abbiamo deciso di fuggire, insieme a migliaia di persone, nella città meridionale di Rafah dopo che l’occupazione ha invaso il campo. Durante questo periodo abbiamo perso molto peso a causa della mancanza di cibo”, ha continuato.

“Ho perso più di 15 chilogrammi e la mia anziana madre ne ha persi più di 30 a causa del dolore per la perdita della nostra casa per gli attacchi aerei israeliani e per la scarsità di cibo”.

“Quando sono stato sfollato nelle tende nella città di Rafah, ho perso almeno 20 chilogrammi”, ci ha detto Khalil Rouss.

https://www.palestinechronicle.com/the-mayor-is-dead-why-israel-killed-the-beloved-engineer-of-maghazi/embed/#?secret=rhWAacnqj5#?secret=a2RXTpfprY

“Non c’è cibo da mangiare, né acqua da bere. La situazione nelle tende è catastrofica e pericolosa, e i rischi ambientali sono molto significativi”, ha aggiunto.

Rouss ha detto che “chiunque passi per la città di Rafah può vedere a prima vista che malattie, stanchezza, esaurimento e perdita di peso hanno afflitto tutti gli sfollati nelle tende”.

“Riusciamo a malapena a consumare un pasto molto piccolo al giorno e, se disponibile, diamo priorità ai nostri bambini rispetto a noi stessi, perché possiamo sopportare la fame, ma i più piccoli non possono sopportare la fame e la sete”.

“Vertigini, stanchezza, esaurimento”“ Vivo da cinque mesi in una scuola per sfollati nella città di Rafah. Ho perso 18 kg, mio ​​figlio Muhammad ne ha persi più di dieci e mio figlio più giovane ha perso così tanto peso che posso vedere chiaramente la sua cassa toracica”, ha detto Umm Muhammad Bakr al Palestine Chronicle.

“Cerchiamo di fornire un pasto ai nostri figli ogni giorno, ma in alcuni giorni non riusciamo a farlo. La malattia e la debolezza hanno colpito tutti. Ci sentiamo costantemente storditi, stanchi ed esausti”, ha continuato.

https://www.palestinechronicle.com/we-will-teach-our-children-in-tents-israels-war-on-gaza-schools-mosques-continues/embed/#?secret=Mx9ONhlHzA#?secret=bJaebXZiXE

“Vivo in una classe, insieme a decine di donne e bambini. Ogni famiglia ha circa due o tre metri per dormire”, ha detto Bakr. 

“Speriamo di trovare cibo per noi e per i nostri figli, speriamo di tornare alle nostre case e speriamo che la guerra finisca”.

(The Palestine Chronicle)

– Abdallah Aljamal è un giornalista residente a Gaza. È corrispondente per The Palestine Chronicle nella Striscia di Gaza.

I link contengono altri articoli (in inglese) dello stesso giornalista

Traduzione a cura della redazione

PalestinaCeL

VIEW ALL POSTS

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato