CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

Perché i soldati israeliani condividono video sugli orrori del loro genocidio a Gaza?

Decenni di impunità, non solo per il regime israeliano ma anche per gli individui israeliani colpevoli di crimini di guerra, ci hanno portato a questo punto.

  • Yara Hawari è la Palestine Policy Fellow di Al-Shabaka, la Rete per la politica palestinese.

24 gennaio 2024

Soldati israeliani si filmano mentre deridono palestinesi

Dall’inizio del genocidio a Gaza in ottobre, i soldati israeliani hanno pubblicato quelli che possono essere descritti solo come “snuff video” sulle piattaforme dei social media. Nei video si vedono soldati – spesso allegramente – commettere crimini di guerra contro i palestinesi.

In un video , un soldato israeliano vestito con un costume da dinosauro carica proiettili di artiglieria in un carro armato e balla mentre i proiettili vengono sparati in direzione di Gaza. In un altro video, un soldato viene filmato mentre dedica un’esplosione alla figlia di due anni per il suo compleanno. Pochi secondi dopo, un edificio residenziale palestinese alle sue spalle viene fatto saltare in aria. Altri video mostrano soldati israeliani che danno fuoco alle scorte di cibo palestinesi durante una campagna per affamare la popolazione e prendono in giro civili palestinesi spogliati, radunati e bendati  .

C’è stato shock e indignazione per i video pubblicati sui social media, da parte dei palestinesi e dei loro alleati e molti hanno sottolineato che i video dovrebbero essere usati come prova nel caso contro il regime israeliano per genocidio davanti alla Corte internazionale di giustizia dell’Aia. In effetti, quest’ultima aggressione a Gaza è stata una delle atrocità più documentate visivamente della storia. E l’intento genocida non è mai stato espresso così apertamente  sia dai soldati che dai leader politici.

Anche coloro che sostengono il regime israeliano sembrano scioccati dalla sfacciataggine con cui i soldati israeliani condividono questi video. L’emittente britannica Piers Morgan , ad esempio, ha chiesto su X, ex Twitter: “Perché i soldati israeliani continuano a filmarsi mentre fanno questo genere di cose volgari e insensibili? Perché i loro comandanti non li fermano? Li fa apparire indifferenti quando così tanti bambini a Gaza vengono uccisi”. Per Morgan, a quanto pare, il problema non è quello che fanno i soldati, ma piuttosto il fatto che si filmano mentre lo fanno.

Le persone meno informate sul contesto potrebbero trovare strano che questi soldati si siano implicati in crimini così orribili senza pensarci due volte. Ma coloro che hanno una conoscenza più approfondita del progetto coloniale dei coloni sionisti in Palestina sanno che decenni di impunità non solo per il regime israeliano ma anche per gli individui israeliani colpevoli di crimini di guerra ci hanno portato a questo punto.

In effetti, il regime israeliano ancora non ha affrontato gravi conseguenze da parte di stati terzi per i crimini che ha commesso contro il popolo palestinese sin dal suo inizio. Invece, gode di eccezionali relazioni diplomatiche e commerciali con gran parte del mondo occidentale ed è stato il maggiore destinatario degli aiuti degli Stati Uniti. Invece di essere evitato dalle istituzioni e dagli eventi globali, è incluso e celebrato: dall’Eurovision alle Olimpiadi.

E c’è un altro aspetto dell’impunità israeliana che viene spesso trascurato: i soldati israeliani ammettono abitualmente i crimini orribili che commettono contro i palestinesi per pulirsi la coscienza e assolversi dalla responsabilità personale, ma non si trovano mai di fronte adover rispondere della propria responsabilità.

Gli stessi israeliani descrivono la pratica come “ yorim ve bochim” , che dall’ebraico significa “sparare e piangere”. Uno dei passatempi preferiti della sinistra sionista, è al centro della scena in dozzine di film e documentari israeliani.

Prendiamo il celebre film Tantura, che prende il nome da un villaggio di pescatori palestinese che fu massacrato nel 1948. In questo film, diversi veterani israeliani parlano con disinvoltura del fatto di aver ucciso centinaia di civili palestinesi. Altri ammettono apertamente di aver preso parte alla pulizia etnica, ma tutti vengono descritti come individui complicati, traumatizzati dal trauma che hanno inflitto ai palestinesi.

“Yorim ve bochim” è sintetizzato anche nel lavoro della ONG israeliana Breaking the Silence.  Coccolata dall’Occidente liberale, l’organizzazione dei veterani dell’esercito israeliano cerca di esporre la realtà dei “Territori occupati” fornendo uno spazio ai soldati israeliani per raccontare in modo confidenziale le loro esperienze nell’esercito israeliano e talvolta ammettere di aver preso parte ad abusi sistematici. e distruzione. Le testimonianze sul suo sito web sono incredibilmente difficili da leggere, soprattutto in questo momento in cui vediamo cosa sta succedendo a Gaza. Eppure da nessuna parte questa organizzazione richiede assunzione di responsabilità o affronta come potrebbe essere la giustizia per i palestinesi di cui i soldati con cui lavorano hanno sistematicamente abusato per decenni.

La realtà è che negli ultimi sette decenni e mezzo c’è stata totale impunità per gli abusi e i massacri dei palestinesi. Il genocidio in corso a Gaza e il modo in cui viene così sfacciatamente condiviso sui social media dagli autori è una manifestazione di tale impunità. L’unico modo per garantire che ciò finisca e non accada mai più è ritenere responsabili non solo coloro che hanno preso parte al genocidio, ma anche coloro che ne sono complici.

Yara Hawari è la Palestine Policy Fellow di Al-Shabaka, la Rete per la politica palestinese.

Le opinioni espresse in questo articolo appartengono all’autore e non riflettono necessariamente la posizione editoriale di Al Jazeera.

Traduzione a cura della redazione


PalestinaCeL

VIEW ALL POSTS

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato