CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

INVITO AD AGIRE DA ALKAMANDJATI

Da Ramzi Aburedwan – Al Kamandjati

La scuola Al Kamandjati (il violinista) basata a Ramallah ma diffusa in altre città della Palestina è stata creata da Ramzi Aburedwan per insegnare musica ai ragazzi/e palestinesi dei campi profughi. Ramzi stesso è cresciuto in uno di essi, Al Amari (Ramallah). L’associazione omonima è nata nel 2002. Cultura è Libertà è da anni partner di Al Kamandjati per progetti dedicati a bambini/e

Oggi ricorre il 45esimo giorno dall’inizio del genocidio in corso. Come avrete visto, il bilancio delle vittime aumenta di giorno in giorno. Non voglio tirare fuori ancora numeri, non siamo numeri, dietro questi numeri ci sono esseri umani veri, storie umane vere, famiglie vere in via di estinzione. Nonostante la strategia dell’occupante di disumanizzare il mio popolo, con l’assedio disumano che gli è stato imposto da più di 16 anni, il popolo di Gaza è riuscito a creare una società ricca, piena di vita, piena di amore, piena di arti. Vorrei ricordarvi che il popolo di Gaza è uno dei popoli più creativi ed istruiti sulla Terra. In effetti, il tasso di alfabetizzazione a Gaza è uno dei più alti al mondo, oltre il 97% della popolazione è alfabetizzata e istruita. Tra questi, artisti geniali, ingegneri, agricoltori, pescatori, insegnanti, scienziati, musicisti, infermieri, medici, UMANI!
Rivolgo questo messaggio soprattutto ai miei amici e amiche, artisti, colleghi, conoscenti e, ovviamente, a tutti e tutte coloro che vogliono unirsi. Di seguito troverete le parole pronunciate da persone care delle vittime palestinesi dopo il loro assassinio. Chiedo che usiate la vostra arte per creare un’opera d’arte da questo, attraverso la musica, la pittura, la scultura, la poesia, il teatro e la danza. L’elenco può continuare, ogni arte performativa e visiva!
Rendiamo omaggio a questi UMANI con le nostre abilità un’ultima volta:
“Lei! Quella è la mia mamma, la riconosco dai capelli”
“Torna a trovarmi nei miei sogni! Mi manchi terribilmente”
“Voglio che la mia mamma sia viva”
“Si chiama Youssef, ha sette anni, capelli ricci, pelle bianca ed è bellissimo!”
“I bambini sono morti, se ne sono andati senza mangiare…”
“Vogliono vendicarsi di noi attraverso i nostri figli? Andrà tutto bene…”
“Caro Dio, dimmi se hai visto mia mamma”
“Non volevi fare il giornalista, piccolo?”
“Mio Dio! Cosa dirò a mia mamma?”
“C’è un sopravvissuto?”
“Per favore torna indietro, yamma!”
“Voglio la mia mamma, voglio la mia mamma!”
“Ti prego! Per favore riportami solo uno dei suoi capelli”
“Ti prego! Riportami mia figlia!”
“Sacrificio per Gerusalemme, sacrificio per Al Quds!”
“Voglio che rimanga tra le mie braccia, voglio che rimanga tra le mie braccia!”
“Porterò mio padre in macchina per seppellirlo!”
“Avrei dovuto restare con te”
“Con chi spettegolerò adesso, mamma?”
“Dimmi solo che sei vivo!”
“Volevo festeggiare il suo compleanno”
“Voglio andare con lei, voglio seppellirla con le mie stesse mani”
“Ti prego svegliati, piccolo, ti prego di dirmi che è solo uno scherzo”
“Giuro che era vivo”
“Voglio solo giocare, voglio solo giocare! Questo è tutto”
“Sarai un uccello del paradiso, yamma”
“Vi prego di cercare i miei tre figli! Forse uno di loro è vivo!”
“Sei andata in pezzi, yamma, amore mio”
“Ieri ho messo il padre in un sudario, oggi tocca a lei”
“Ti ho portato, piccola mia, tre bottiglie di latte, pensavo che volessi vivere e berle!”

1) Cambia la NARRATIVA: “Tutto è iniziato il 7 ottobre”Questo perché non ha precedenti vedere israeliani presi in ostaggio/uccisi. È normale sentire di civili palestinesi gettati nelle carceri israeliane o uccisi. Tutto ciò che ha preceduto il 7 ottobre è stato quindi ignorato. Nessuno si chiede PERCHÉ? Trattiamo i sintomi o la malattia? I media mainstream hanno monopolizzato l’informazione. Distorce la verità, trasmette informazioni distorte e crea false narrazioni. È nostro dovere condividere le informazioni reali trasmesse da chi è sul campo.
Ecco alcuni account Twitter, Facebook, Instagram che vi esorto a seguire e CONDIVIDERE
@AlQudsnewsnetwork su Instagram e Telegram 
@Motaz_azaiza su Instagram 
@Eye.on.Palestine su Instagram e Twitter 
@Palestinianyouthmovement su Facebook, Instagram, Twitter
@Theimeu su Instagram, Twitter e Facebook
@Mohammmedelkurd su Instagram, Twitter e Facebook
@MikoPeled su Instagram e Twitter   Collegamenti importanti:

Electronic Intifada    Law 4 Palestine     Institute for Middle East Understanding    TRT World
 Per favore continuate a chiamare e inviare email ai vostri parlamentari nazionali ed europei per il cessate il fuoco ORA:

Trova le proteste attraverso:

https://www.uscpr.org
https://www.jewishvoiceforpeace.org 
https://www.adalahjusticeproject.org 
https://www.codepink.org 
Altri strumenti importanti:
https://www.visualizingpalestine.org 
https://www.palestinelegal.org
2) DONA
Nessun importo è troppo piccolo, nessun importo è troppo grande: puoi alleviare le sofferenze contribuendo attraverso l’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente (UNRWA).Emergenza GazaDato che gli aiuti umanitari internazionali hanno difficoltà ad entrare a Gaza a causa degli ostacoli frapposti dell’occupazione, ecco un link alla Taawon foundation che ha creato un fondo specifico, come anche quello dell’appello dei Palestinesi Uniti, due organizzazioni che lavorano per fornire aiuti di emergenza alla popolazione di Gaza.
3) BOICOTTAGGIOAnche il boicottaggio dei marchi che partecipano attivamente alla colonizzazione è un ottimo strumento. Il boicottaggio è l’unico movimento di resistenza pacifica su cui puoi fare affidamento per fare pressione sui marchi. Vi invito a visitare il sito web del Movimento BDS per maggiori informazioni su come e cosa boicottare.
4. KIT DI STRUMENTI
Troverai in allegato un kit di strumenti completo e accurato realizzato dal Collettivo femminista palestinese che illustra e descrive in dettaglio le azioni digitali che puoi realizzare per aiutare la Palestina.KIT DI STRUMENTI
5. RISORSE AUDIOVISIVEL’attuale situazione in Palestina ha spinto un gran numero di registi a rendere i propri film sulla Palestina disponibili gratuitamente online, oltre ai film precedentemente disponibili. Eccone alcuni:

Film documentari (oltre 300 film)
Lungometraggi (25 film)
Film d’animazione (5 film)Grazie in anticipo, qualunque cosa farete sarà di aiuto. Manteniamo il popolo palestinese nei nostri pensieri e nelle nostre preghiere, e attraverso l’AZIONE. 

PalestinaCeL

VIEW ALL POSTS

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato