CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

Israele distrugge condutture idriche con i bulldozer nella Cisgiordania occupata

15 dicembre 2022  MEMO Middle East Monitor

Una ragazza palestinese riempie bottiglie di acqua di sorgente in Cisgiordania, Israele [Nedal Eshtayah/Apaimages]Una ragazza palestinese riempie bottiglie di acqua di sorgente in Cisgiordania, 21 febbraio 2017 [Nedal Eshtayah/Apaimages]

L’esercito di occupazione israeliano ha distrutto le principali condutture idriche nel villaggio di Al-Auja, nel nord-est di Gerico, ha riferito l’agenzia di stampa Wafa .

La distruzione è vista come parte delle azioni dello stato dell’apartheid per controllare tutte le fonti d’acqua nei territori palestinesi occupati.

I residenti locali hanno detto che i soldati dell’occupazione hanno fatto irruzione nel villaggio e hanno saldato l’unica conduttura che fornisce acqua a più di 1.200 persone e hanno usato un bulldozer per schiacciarlo sotto la terra.

Negli ultimi anni, gli abitanti del villaggio di Ein Al-Auja hanno subito le campagne di demolizione e persecuzione israeliane e ripetuti attacchi e violazioni da parte di coloni e soldati illegali.

Il supervisore dell’Organizzazione Al-Baidar per la difesa dei diritti dei beduini, Hasan Mleihat, ha affermato che la comunità è una delle più grandi della Cisgiordania ed è oggetto di frequenti aggressioni e violazioni da parte dei soldati e dei coloni israeliani.

Ha anche notato che tali assalti hanno lo scopo di sfollare la comunità e sequestrare la loro acqua e terra per fare spazio alla costruzione di insediamenti coloniali.

Israele viola il diritto internazionale distruggendo e saccheggiando le risorse idriche nella Palestina occupata. Quindi utilizza l’acqua rubata per aumentare la fornitura agli insediamenti israeliani illegali, che hanno una domanda e un tasso di consumo molto più elevati. Lo stato discrimina palesemente non aumentando o addirittura proteggendo le forniture idriche alle comunità palestinesi.

Mleihat ha osservato che le restrizioni israeliane costringono i palestinesi ad acquistare l’acqua direttamente dallo stato di occupazione, anche se ciò impedisce loro di costruire i propri pozzi o di impegnarsi in altri progetti per migliorare l’accesso all’acqua dolce.

Come centinaia di altre città e villaggi palestinesi in Cisgiordania, il villaggio di Al-Auja si trova nell'”Area C” secondo gli Accordi di Oslo , ponendolo sotto il pieno controllo militare e amministrativo israeliano.

traduzione a cura della redazione

PalestinaCeL

VIEW ALL POSTS

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato