CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

Il nuovo modello di resistenza palestinese: come l’anno scorso ha ridefinito la lotta per la libertà palestinese

Ramzy Baroud per The Palestine Chronicle 8 giugno

Quello che è avvenuto tra maggio 2021 e maggio 2022 non è altro che un cambio di paradigma nella resistenza palestinese. Grazie alla natura popolare e inclusiva della mobilitazione palestinese contro l’occupazione israeliana, la resistenza in Palestina non è più una preferenza ideologica, politica o regionale.

Nel periodo compreso tra la firma degli Accordi di Oslo nel 1993 e solo pochi anni fa, il muqawama – o resistenza – palestinese è stato costantemente messo sul banco degli imputati, spesso criticato e condannato, come se una nazione oppressa avesse la responsabilità morale di selezionare il tipo di resistenza per soddisfare i bisogni e gli interessi dei suoi oppressori.

In quanto tale, la resistenza palestinese è diventata una cartina di tornasole politica e ideologica. L’Autorità Palestinese di Yasser Arafat e, in seguito, Mahmoud Abbas, ha (chiesto) fatto appello alla “resistenza popolare”, ma sembra che non capisse nemmeno cosa significasse effettivamente la strategia, e certamente non era disposta ad agire in base a tale appello.

La resistenza armata palestinese è stata completamente rimossa dal proprio contesto storico; in effetti, il contesto di tutti i movimenti di liberazione nel corso della storia, ed è stato trasformato in un uomo di paglia, istituito da Israele e dai suoi alleati occidentali per condannare il “terrorismo” palestinese e presentare Israele come una vittima di fronte a una minaccia esistenziale.

Con la mancanza di una definizione palestinese centralizzata di resistenza, anche i gruppi e le organizzazioni della società civile pro-palestinese hanno delimitato il loro rapporto con la lotta palestinese basandosi sul sostegno di alcune forme di resistenza palestinese e sulla condanna di altre.

L’argomento secondo cui solo le nazioni oppresse dovrebbero avere il diritto di scegliere il tipo di resistenza che potrebbe accelerare la loro salvezza e libertà è caduto nel vuoto.

La verità è che la resistenza palestinese ha preceduto l’istituzione ufficiale di Israele nel 1948. I palestinesi e gli arabi che hanno resistito al colonialismo britannico e sionista hanno utilizzato molti metodi di resistenza che hanno percepito come strategici e sostenibili. Non c’era alcun rapporto tra il tipo di resistenza e l’identità religiosa, politica o ideologica di coloro che resistevano.

Questo paradigma ha prevalso per molti anni, a cominciare dal Movimento Fidayeen dopo la Nakba , la resistenza popolare alla breve occupazione israeliana di Gaza nel 1956, e l’occupazione ultra decennale e l’assedio iniziati nel 1967. La stessa realtà si è espressa nella resistenza palestinese in Palestina storica nel corso dei decenni; la resistenza armata è diminuita e rifluita, ma la resistenza popolare rimase intatta. I due fenomeni sono sempre stati intrinsecamente legati, in quanto il primo è stato sostenuto anche dal secondo.

Il Movimento Fatah, che domina l’odierna Autorità Palestinese, è stato formato nel 1959 sul modello dei movimenti di liberazione in Vietnam e Algeria. Riguardo al suo collegamento con la lotta algerina, il manifesto di Fatah recitava : “La guerriglia in Algeria, iniziata cinque anni prima della creazione di Fatah, ha una profonda influenza su di noi. […] Simboleggiano il successo che sognavamo”.

Questo sentimento è stato sostenuto dalla maggior parte dei movimenti palestinesi moderni poiché si è rivelato una strategia di successo per la maggior parte dei movimenti di liberazione del sud. Nel caso del Vietnam, la resistenza all’occupazione statunitense si è svolta anche durante i colloqui politici a Parigi. La resistenza clandestina in Sud Africa è rimasta vigile fino a quando non è diventato chiaro che il regime di apartheid del paese era in procinto di essere smantellato.

La disunione palestinese, tuttavia, che era un risultato diretto degli accordi di Oslo, rendeva insostenibile una posizione unificata palestinese sulla resistenza. L’idea stessa di resistenza divenne soggetta ai capricci politici e agli interessi delle fazioni. Quando, nel luglio 2013, il presidente dell’AP Abbas ha condannato la resistenza armata, stava cercando di conquistare punti politici con i suoi sostenitori occidentali e di gettare ulteriormente i semi della divisione tra il suo popolo.

La verità è che Hamas non ha inventato, né possiede la proprietà della resistenza armata. Nel giugno 2021, un sondaggio, condotto dal Palestine Center for Policy and Survey Research (PSR), ha rivelato che il 60% dei palestinesi sostiene “un ritorno agli scontri armati e all’Intifada”. Affermandolo, i palestinesi non stavano necessariamente dichiarando fedeltà ad Hamas. La resistenza armata, sebbene con uno stile e una capacità diversi, esiste anche in Cisgiordania, ed è ampiamente sostenuta dalle stesse Brigate dei Martiri di Al-Aqsa di Fatah. I recenti attacchi israeliani alla città di Jenin, nel nord della Cisgiordania, non miravano all’eliminazione di Hamas, della Jihad islamica o dei combattenti socialisti, ma di Fatah.

La copertura mediatica distorta e la falsa rappresentazione della resistenza, spesso da parte delle stesse fazioni palestinesi, hanno trasformato l’idea stessa di resistenza in una rissa politica e di fazione, costringendo tutte le persone coinvolte a prendere posizione sulla questione. Il discorso sulla resistenza, tuttavia, ha cominciato a cambiare nell’ultimo anno.

La ribellione del maggio 2021 e la guerra israeliana contro Gaza, nota tra i palestinesi come Intifada dell’Unità , sono servite da cambio di paradigma. Il linguaggio si è unificato; i riferimenti politici egoistici si sono rapidamente dissipati; i quadri di riferimento collettivi iniziarono a sostituire quelli provvisori, regionali e di fazione; la Gerusalemme occupata e la Moschea di Al-Aqsa sono emerse come simboli unificanti della resistenza; una nuova generazione iniziò ad emergere e iniziò rapidamente a sviluppare nuove piattaforme.

Il 29 maggio, il governo israeliano ha insistito per consentire alla cosiddetta ” Marcia delle bandiere ” – una manifestazione di massa di estremisti ebrei israeliani che celebrano la presa della città palestinese di al-Quds – di passare ancora una volta attraverso i quartieri palestinesi della Gerusalemme est occupata . Questa è stata proprio l’occasione che ha istigato la violenza dell’anno precedente. Consapevole dell’imminente violenza che spesso deriva da tali provocazioni, Israele ha voluto imporre i tempi e determinare la natura della violenza. Ha fallito. Gaza non ha sparato razzi. Invece, decine di migliaia di palestinesi si sono mobilitati in tutta la Palestina occupata, consentendo così la crescita della mobilitazione popolare e del coordinamento tra numerose comunità. I palestinesi si sono dimostrati in grado di coordinare le loro responsabilità, nonostante i numerosi ostacoli, le difficoltà, anche difficoltà logistiche.

Gli eventi dell’ultimo anno sono una testimonianza che i palestinesi stanno finalmente liberando la loro resistenza dagli interessi delle fazioni. Gli scontri più recenti mostrano che i palestinesi stanno persino sfruttando la resistenza come obiettivo strategico. Muqawama in Palestina non è più una violenza “simbolica” o presumibilmente “casuale” che riflette la “disperazione” e la mancanza di orizzonte politico. Sta diventando più definita, matura e ben coordinata.

Questo fenomeno deve essere estremamente preoccupante per Israele, poiché i prossimi mesi e anni potrebbero rivelarsi fondamentali per cambiare la natura del confronto tra i palestinesi ei loro occupanti. Considerando che la nuova resistenza è incentrata su movimenti locali, di base e orientati alla comunità, ha possibilità di successo di gran lunga maggiori rispetto ai tentativi precedenti. È molto più facile per Israele assassinare un combattente che sradicare i valori della resistenza dal cuore di una comunità.

– Ramzy Baroud è un giornalista e redattore di The Palestine Chronicle. È autore di sei libri. Il suo ultimo libro, curato insieme a Ilan Pappé, è “La nostra visione per la liberazione: i leader palestinesi coinvolti e gli intellettuali parlano”. Il Dr. Baroud è un ricercatore senior non residente presso il Center for Islam and Global Affairs (CIGA). Il suo sito web è www.ramzybaroud.net

traduzione a cura di Alessandra Mecozzi

PalestinaCeL

VIEW ALL POSTS

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato