Warning: Creating default object from empty value in /home/customer/www/palestinaculturaliberta.org/public_html/wp-content/themes/helpinghands/framework/admin/ReduxCore/inc/class.redux_filesystem.php on line 29
Una casa divisa: un palestinese, un colono e la lotta per Gerusalemme est - Palestina Cultura Libertà
CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

Una casa divisa: un palestinese, un colono e la lotta per Gerusalemme est

Gli sforzi per allontanare i palestinesi da Sheikh Jarrah hanno posto le basi per la recente guerra di Gaza. Una dinamica simile si profila in un quartiere vicino.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 00-Jerusalem-House01-articleLarge-v3.jpg
Nasser Rajabi e sua madre, sulla soglia sottostante, condividono una casa a Gerusalemme est con coloni ebrei.Credito…Dan Balilty per il New York Times

Di Patrick Kingsley7 giugno 2021

GERUSALEMME — Pochi posti a Gerusalemme Est mostrano la lotta per la città più intimamente di una casa di quattro piani in uno stretto vicolo nel distretto di Silwan. Nasser Rajabi, un palestinese, e la sua famiglia vivono nel seminterrato, al terzo piano e parte del secondo.

Boaz Tanami, un colono israeliano, e la sua famiglia vivono al primo piano e al resto del secondo.

Ciascuno rivendica il diritto di viverci. Ognuno vuole l’altro fuori.

Un tribunale israeliano ha stabilito che un trust ebraico possiede l’edificio e ha ordinato lo sfratto del signor Rajabi, ma la sentenza è in appello.

Il caso non è solo una disputa su una singola proprietà: fa parte di uno sforzo dei coloni ebrei per cementare il controllo ebraico su Gerusalemme est, un processo che molti palestinesi vedono come una lenta forma di pulizia etnica. Una disputa simile nel vicino quartiere di Sheikh Jarrah, che potrebbe portare allo sgombero dei palestinesi per fare spazio ai coloni, ha portato a proteste, scontri e infine alla guerra lo scorso mese tra Israele e Hamas, uccidendo più di 240 persone.

Presa da Israele nel 1967 ma ancora considerata territorio occupato da gran parte del mondo, Gerusalemme est rimane un punto infiammabile costante tra israeliani e palestinesi..

Lunedì sera, il primo ministro Benjamin Netanyahu, in lotta per la sua vita politica, stava valutando se consentire ai gruppi ebraici di estrema destra di marciare nelle aree palestinesi della città alla fine di questa settimana, una decisione che molti temono porterà a un nuovo attacco di violenza . E il procuratore generale di Israele ha detto che non sarebbe intervenuto nella disputa di Sheikh Jarrah, che potrebbe accelerare gli sgomberi.

Come Sheikh Jarrah, Silwan ha il potenziale per diventare un punto infiammabile.

Da 17 anni le famiglie Rajabi e Tanami condividono la casa con disagio.

Il mese scorso la famiglia Rajabi ha condiviso un pasto Iftar, interrompendo il digiuno del giorno del Ramadan.
Il mese scorso la famiglia Rajabi ha condiviso un pasto Iftar, interrompendo il digiuno del giorno del Ramadan.Credito…Dan Balilty per il New York Times

Le due famiglie si parlano a malapena, tranne quando i Tanami fanno cadere accidentalmente biancheria o giocattoli dal loro balcone sulla terrazza al piano di sotto dei Rajabis, costringendo le famiglie a negoziare un imbarazzante passaggio di consegne.

Il signor Tanami ha installato una gigantesca stella di David illuminata al neon sul suo balcone, a soli 10 metri sopra la terrazza del signor Rajabi.

Il signor Rajabi ha risposto erigendo la sua mezzaluna islamica al neon.

In una notte recente, il signor Rajabi ha alzato lo sguardo dalla sua terrazza per vedere il signor Tanami sul suo balcone, che scriveva messaggi sul suo telefono, lo schermo che gli illuminava il viso.

“Come dovrei parlargli?” ha chiesto il signor Rajabi, 48 anni. “È un vicino? O qualcuno che vive in una casa che non è sua?”

Il signor Tanami ha rifiutato diverse richieste di colloqui.

Come le due famiglie siano finite nella stessa casa è complicato.

I parenti del signor Rajabi hanno costruito la casa e la sua famiglia l’ha acquistata da loro nel 1975, ha detto il suo avvocato. Negli anni ’80 la famiglia lo divise in due parti e vendette un appartamento al primo e al secondo piano ad una famiglia palestinese. Quella famiglia lo ha poi venduto a un terzo proprietario palestinese.

Quel terzo proprietario ha venduto l’appartamento a un’organizzazione di coloni nel 2000, ha detto l’organizzazione. Ma secondo il signor Rajabi, il terzo proprietario gli ha venduto l’appartamento nel 2004.

Nel marzo 2004, pochi giorni prima che il signor Rajabi pianificasse di trasferire parte della sua famiglia nell’appartamento, il gruppo di coloni una notte ha preso possesso dell’appartamento, ha chiuso fuori il signor Rajabi e ha permesso al signor Tanami di prendere il suo posto.

Agenti di polizia israeliani sul tetto della casa di un colono a Silwan.  I coloni affermano di aver bisogno della protezione della polizia dalla violenza palestinese.  I palestinesi dicono che la polizia ei coloni sono gli aggressori.
Agenti di polizia israeliani sul tetto della casa di un colono a Silwan. I coloni affermano di aver bisogno della protezione della polizia dalla violenza palestinese. I palestinesi dicono che la polizia ei coloni sono gli aggressori.Credito…Dan Balilty per il New York Times

I tribunali israeliani hanno stabilito che i coloni avevano acquistato l’appartamento legalmente.

In una sentenza separata, un tribunale ha affermato che anche un trust ebraico ha diritto all’intero edificio perché il terreno apparteneva al trust prima della fondazione dello stato israeliano nel 1948. Il trust è rimasto inattivo per anni. Ma nel 2001 un tribunale ha nominato tre nuovi fiduciari per gestire i suoi beni, essenzialmente rilanciando l’organizzazione.

Rivendicando tutta la terra detenuta dal trust nel 19° secolo, la rinata organizzazione vuole impossessarsi non solo della proprietà del signor Rajabi, ma dell’intero quartiere.

I coloni ebrei si sono già trasferiti in altre cinque case vicino o nel vicolo del signor Rajabi. Ora stanno spingendo per sfrattare più di 80 altre famiglie, per un totale di circa 700 persone, una mossa che trasformerebbe un quartiere palestinese di Silwan in uno ebraico.

I tribunali hanno già approvato lo sgombero di altre sei case in casi anch’essi in appello.

Ateret Cohanim, un gruppo di coloni che ha guidato il rilancio del trust e sostenuto i residenti come il signor Tanami, afferma che gli ebrei avevano il diritto di vivere nella proprietà perché vivevano lì non solo durante il 19° secolo, ma anche nell’antichità.

“Ci è stata promessa questa terra da Dio, siamo stati tenuti in esilio per 2000 anni e ora siamo tornati a casa”, ha detto Daniel Luria, portavoce di Ateret Cohanim. “Non c’è mai stato un popolo palestinese qui. Non c’è mai stato uno stato palestinese qui”.

Coloni israeliani passano davanti a una famiglia palestinese a Silwan.
Coloni israeliani passano davanti a una famiglia palestinese a Silwan.Credito…Dan Balilty per il New York Times

Alla fine degli anni ’30, il sito fu abbandonato. I documenti mostrano che le autorità britanniche, che allora governavano la Palestina, hanno evacuato i residenti ebrei, temendo che fossero esposti a un’insurrezione araba. Dopo che gli inglesi se ne andarono e la Giordania occupò la Cisgiordania nel 1948, le famiglie palestinesi si trasferirono nella zona disabitata.

Israele ha conquistato la Cisgiordania dalla Giordania nel 1967, e in seguito ha annesso Gerusalemme Est, una rivendicazione non riconosciuta dalla maggior parte dei paesi, che la considerano territorio occupato come il resto della Cisgiordania.

In tutta Gerusalemme est, gruppi di coloni, spesso sostenuti dalla legge israeliana, stanno portando avanti battaglie di sfratto in aree strategiche.

Secondo Peace Now , un gruppo che si oppone all’occupazione, circa 3.000 palestinesi in 200 proprietà di Gerusalemme Est vivono sotto la minaccia di sfratto . Si stima inoltre che circa 20.000 case palestinesi siano minacciate di demolizione perché i loro proprietari le hanno costruite senza ottenere una licenza edilizia, che spesso viene negata ai palestinesi.

La legge israeliana consente inoltre agli ebrei di reclamare le proprietà a Gerusalemme est che erano di proprietà ebraica prima del 1948. Non esiste alcun diritto equivalente per le centinaia di migliaia di palestinesi che fuggirono dalle loro case quell’anno.

L’ingresso di ebrei e l’uscita di palestinesi viola anche la legge internazionale che governa i territori occupati, afferma l’ufficio per i diritti delle Nazioni Unite . Israele dice che Gerusalemme est non è occupata, quindi la legge non si applica.

L’obiettivo, affermano i leader dei coloni, è stabilire una presenza ebraica sufficientemente ampia a Gerusalemme est da garantire che non possa mai diventare la capitale di un futuro stato palestinese.

“Il modo per farlo è mettere strati intorno” alla Città Vecchia di Gerusalemme, ha detto Aryeh King, vicesindaco di Gerusalemme e leader dei coloni. “Strati di cosa? Strati di ebrei. Perché? Perché mettendo gli strati, potremmo evitare in futuro qualsiasi divisione della città, qualsiasi modo di dare parte di Gerusalemme al nostro nemico”.

Coloni israeliani sul tetto di una casa a Silwan.
Coloni israeliani sul tetto di una casa a Silwan.Credito…Dan Balilty per il New York Times

Uno di questi strati si trova a Silwan, un quartiere palestinese a sud-est della Città Vecchia che si estende sui fianchi di una ripida vallata.

Il signor Rajabi e il signor Tanami vivono sul versante orientale della valle, in un quartiere noto ai palestinesi come Batan al-Hawa e ad alcuni israeliani come il villaggio yemenita.

Dalle loro finestre puoi vedere lo scintillio della Cupola della Roccia, il santuario costruito dove i musulmani credono che il profeta Maometto sia asceso al cielo. Vicino al santuario si trova la Moschea di al Aqsa, anch’essa sacra ai musulmani. E il complesso è costruito sulle rovine del Secondo Tempio, un sito sacro agli ebrei, che ha trasformato le aree circostanti come Silwan in aree ambite dai coloni ebrei.

L’arrivo dei coloni nell’area ha trasformato il vicolo stretto e un tempo oscuro in una zona di conflitto di basso livello. Gli agenti di polizia antisommossa pattugliano, mentre le guardie private, finanziate dallo stato, scortano i coloni da e verso le loro porte d’ingresso.

I coloni affermano di essere vittime della violenza palestinese e che la presenza della polizia è necessaria per la loro protezione.

“Pietre, bottiglie molotov, blocchi di cemento”, ha detto il signor Luria, il portavoce di Ateret Cohanim. “Stiamo parlando di enormi quantità di aggressioni e odio rivolti verso l’ebreo perché è ebreo”.

I palestinesi del quartiere parlano di frequenti detenzioni, incursioni nelle loro case e l’uso da parte della polizia di gas lacrimogeni e granate assordanti. Durante un recente scontro, una bomboletta di gas lacrimogeno è volata sulla terrazza del signor Rajabi, danneggiando una poltrona.

“Si vive in un costante stato di paura”, ha detto il signor Rajabi.

Qualche settimana fa era seduto sulla sua terrazza mentre gli ebrei in una proprietà vicina celebravano la riunificazione di Gerusalemme nel 1967, una commemorazione annuale offensiva per i palestinesi.

“Più case possediamo a Gerusalemme”, ha detto un oratore a una piccola folla, “maggiore è la connessione che abbiamo con Dio”.

Ufficiali di polizia israeliani passano davanti al signor Rajabi, fuori dalla casa in cui vive a Gerusalemme est.
Ufficiali di polizia israeliani passano davanti al signor Rajabi, fuori dalla casa in cui vive a Gerusalemme est.Credito…Dan Balilty per il New York Times

Esasperato dalla situazione, il signor Rajabi ha deciso diversi anni fa di trasferirsi altrove a Gerusalemme est. Dal momento che è difficile per i palestinesi ottenere il permesso di costruire – uno studio dell’ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari lo ha descritto come “praticamente impossibile” – ha costruito una nuova casa senza ottenere il permesso giusto.

Le autorità l’ hanno demolita di conseguenza, ha detto, e quando l’ ha ricostruito, è stato demolito di nuovo.

“Questo è il processo di pulizia etnica”, ha detto. “Stanno cercando di spingerci, attraverso mezzi di legge, fuori da Gerusalemme”.

Fleur Hassan-Nahoum, un altro vicesindaco, ha riconosciuto che “per anni non sono stati concessi permessi” ai residenti di Gerusalemme Est che cercavano di costruire nuove case e ha affermato che la sua amministrazione ha iniziato a rendere il processo più semplice.

Ma ha detto che la legge sulla rivendicazione delle terre ha necessariamente favorito gli ebrei per proteggere il carattere di Israele.

“Questo è uno stato ebraico”, ha detto. “Ed è uno stato che protegge gli ebrei di tutto il mondo quando ne hanno avuto bisogno, quando ne hanno ancora bisogno. E le politiche che sono state definite, sono state redatte con questo in mente”.

Ha aggiunto: “Questa è l’essenza del nostro Paese”.

Adam Rasgon, Myra Noveck e Dan Balilty hanno contribuito alla redazione.

PalestinaCeL

VIEW ALL POSTS

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato