Warning: Creating default object from empty value in /home/customer/www/palestinaculturaliberta.org/public_html/wp-content/themes/helpinghands/framework/admin/ReduxCore/inc/class.redux_filesystem.php on line 29
Nuove elezioni in Israele tra vaccini, generali e cannibalismo politico - Palestina Cultura Libertà
CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

Nuove elezioni in Israele tra vaccini, generali e cannibalismo politico

di Jonathan Lis Chaim Levinson Aaron Rabinowitz Jack Khoury da Haaretz nella foto Prime Minister Benjamin Netanyahu after delivering a statement at the Knesset in Jerusalem, December 22, 2020. Credit: Yonatan Sindel / AP

Netanyahu esibirà vaccini COVID e pace, Kahol Lavan* potrebbe cadere nell’oblio e la Lista congiunta sta affrontando una scissione mentre Israele si prepara per la sue quarte elezioni in due anni

La Knesset si è sciolta automaticamente alla fine della giornata di martedì dopo che il governo non è riuscito a far passare un bilancio 2020 e non ha nemmeno approvato la legislazione che proroga la scadenza del 22 dicembre prevista dalla legge attuale. L’elezione di un nuovo parlamento, il quarto in due anni, è prevista per la fine di marzo. Fino alla formazione di un nuovo governo, Benjamin Netanyahu rimarrà in carica come primo ministro provvisorio.

I partiti politici del paese, compreso un nuovo partito guidato dall’ex politico del Likud Gideon Sa’ar e forse altre figure nuove della politica nazionale, si stanno già preparando per la campagna, dopo che le tre elezioni precedenti non sono riuscite a produrre un governo di maggioranza – o nel caso del governo uscente, non è riuscito a produrre una coalizione di governo stabile.

Questo è quanto programmato dai partiti:

Likud

Il Likud, a prima vista, sembra giocare su un campo vuoto: un grand partito di fronte ad alcune di medie dimensioni. Eppure queste potrebbero essere le sue elezioni più impegnative. Netanyahu ha già lanciato la sua campagna elettorale, che si concentrerà sugli accordi di normalizzazione con Emirati Arabi Uniti, Bahrein, Sudan e Marocco. Il premier sosterrà sicuramente anche di aver portato personalmente in Israele i vaccini contro il coronavirus.

In precedenza, nonostante i vari tentativi, il Likud di Netanyahu non ha mai affrontato una sfida da destra. Le uniche battaglie riguardavano elettori centristi per pochi seggi. Ma ora Netanyahu è apparentemente minacciato da due partiti di destra, entrambi con un certo grado di popolarità – Naftali Bennett’s di Yamina e Gideon Sa’ar’s di New Hope. In passato, Netanyahu è stato in grado di abbattere Yamina, ma il coronavirus ha rafforzato la posizione di Bennett. Sa’ar, nel frattempo, è ancora un enigma. I sondaggi lo adulano, ma non ha ancora affrontato una crisi politica o una perdita di slancio.

La questione principale che Netanyahu deve affrontare è se tenere o no primarie nel Likud. Da un lato, questo gli darebbe l’opportunità di sbarazzarsi dei membri della Knesset che sospetta di slealtà, e di promuovere i lealisti. D’altra parte, teme che figure indipendenti come Danny Danon e Haim Bibas ce la potrebbero fare a formare un ticket. È quindi piuttosto contro le primarie, ma annullarla richiede un complicato processo interno al partito. Apparentemente prenderà una decisione sulla questione entro questa settimana.

Kahol Lavan*

Alternate Prime Minister Benny Gantz at the Knesset, December 2020.
Alternate Prime Minister Benny Gantz at the Knesset, December 2020. Credit: Danny Shem Tov / Knesset Spokesperson’s Office

Il leader del partito Benny Gantz ha concluso la sua carriera politica? Si prevede che Kahol Lavan subirà un sostanziale cambiamento nella prossima campagna elettorale, se deciderà di candidarsi. A partire da ora, il partito, che era la seconda più grande componente del governo uscente, la prossima volta potrebbe trovarsi fuori dalla Knesset.

L’ultimo sondaggio di opinione di Channel 13 News ha dato al partito solo cinque seggi alla Knesset. Benny Gantz, l’attuale primo ministro supplente e ministro della Difesa, intende continuare a guidare il partito, ma non è chiaro se i suoi partner, Gabi Ashkenazi e Avi Nissenkorn, stiano pianificando di farlo anche loro. Anche altri membri del caucus possono andarsene. Alcuni di loro stanno valutando le loro opzioni in altri partiti, mentre Gantz sta progettando di utilizzare l’infrastruttura organizzativa del Partito laburista, che è stato suo alleato nelle ultime elezioni, per condurre una campagna efficace e riabilitare la sua immagine.

Ha in programma di affermare di essere l’unico candidato nel campo di centrosinistra che potrebbe formare il prossimo governo con il sostegno dei partiti ultraortodossi. “Yair Lapid non può formare un governo in Israele. Lo sanno tutti ”, ha detto Gantz in interviste televisive il mese scorso. “Credo che Kahol Lavan, con alcune alleanze che potrebbero formarsi su tutta la linea, sarà il partito più grande, quello che forma il governo. Sto guidando il campo di Kahol Lavan e continuerò a farlo. Sono l’unico che può formare un governo di unità. Sono pronto a collaborare con chiunque voglia partecipare. Sto andando avanti e altri mi verranno dietro, ha detto.

New Hope

Gideon Sa'ar at a Knesset Constitution, Law and Justice Committee meeting, July 2020.
Gideon Sa’ar at a Knesset Constitution, Law and Justice Committee meeting, July 2020. Credit: Adina Wolman / Knesset Spokesperson’s Office

Gideon Sa’ar, nel frattempo, sta godendo di sondaggi favorevoli e ha dimostrato la sua capacità di influenzare aiutando a far naufragare il tentativo di Netanyahu di rinviare le elezioni. Sta cercando diligentemente un generale dell’esercito da aggiungere al suo ticket e sarebbe felice se il parlamentare del Likud Avi Dichter, un ex capo del servizio di sicurezza Shin Bet, lo raggiungesse. L’ingresso di Sa’ar in gara ha quasi immediatamente privato Bennett degli elettori che si sono spostati – persone deluse dal Likud, in gran parte a causa della sua gestione del coronavirus, che si era temporaneamente parcheggiato con Yamina. Mentre Sa’ar ha reclutato il popolare parlamentare del Likud Yifat Shasha-Biton e ha guidato le mosse alla Knesset, Bennett è stato colto alla sprovvista.

Joint List

La situazione della lista congiunta può essere più difficile ora che in qualsiasi momento negli ultimi cinque anni. Rovesciare un governo di destra avrebbe dovuto essere un risultato politico impressionante da mostrare ai suoi elettori, ma in realtà il ticket entrerà nelle elezioni ferito e fratturato. I disaccordi tra la Lista araba unita, guidata da Mansour Abbas, e gli altri tre partiti che compongono la Lista congiunta – Hadash, Balad e Ta’al – renderanno difficile per il partito presentare un fronte unito. In colloqui interni, i membri della Lista Congiunta esprimono il timore che le controversie influenzeranno drammaticamente l’affluenza alle urne e causeranno anche il passaggio di alcuni elettori arabi ai partiti ebraici.

Un’altra questione è se la Lista congiunta si divide e si presenta come due tickets separati, come ha fatto nell’aprile 2018. Ciò potrebbe aumentare il disgusto degli elettori e allontanare ancora più persone. E se si divide, dovrà decidere se ogni ticket dovrebbe contenere due parti, come ha fatto nel 2018, o se la Lista degli Arabi Uniti dovrebbe funzionare da sola e le altre tre insieme. Prima delle ultime elezioni la Lista congiunta ha affermato che se avesse vinto 15 seggi, sarebbe stata in grado di apportare un cambiamento sostanziale alla politica israeliana e di estromettere il governo Netanyahu. Ma in realtà, i suoi 15 seggi non hanno ottenuto quasi nulla, anche se non è solo colpa della Joint List.

Gli arabi israeliani che voteranno nel marzo 2021 dovranno confrontarsi con una mappa politica nazionalista più di destra; ridotta sicurezza personale; una legge sullo Stato-nazione che presumibilmente sarà confermata dall’Alta Corte di giustizia; promesse di piccoli miglioramenti nelle procedure di pianificazione e costruzione; e il coronavirus, che ha fortemente influenzato la comunità socialmente ed economicamente, oltre al suo impatto sanitario.

Yesh Atid **

Il leader dell’opposizione Yair Lapid, a capo di Yesh Atid, è stato attento a chiarire nelle ultime settimane che correrà per essere il prossimo primo ministro del paese, a capo del suo partito o come leader di un gruppo più ampio in vista delle elezioni. La campagna di Yesh Atid dovrebbe concentrarsi sul suo risultato chiave: la sua insistenza a non entrare a far parte del governo di Netanyahu, a differenza dei suoi ex partner in Kahol Lavan.

Opposition leader Yair Lapid, July 2020.
Opposition leader Yair Lapid, July 2020. Credit: Adina Wolman / Knesset Spokesperson’s Office

Una questione chiave che sarà presto risolta è se la sua alleanza con Moshe Ya’alon di Telem continuerà. Un altro legislatore che dovrebbe andarsene è Ofer Shelah, che ha sfidato la leadership di Lapid e ha cercato di forzare le primarie sulla questione. Sebbene i recenti sondaggi non mostrino Lapid come uno dei principali contendenti per il ruolo di primo ministro, è stato irremovibile nel rifiutare il suggerimento di rinunciare al primo posto a favore di qualcun altro, come ha fatto quando ha ceduto il primo posto. in una lista congiunta, a Gantz nelle ultime elezioni.

Yesh Atid non ha un sistema di primarie. La sua identità è plasmata dallo stesso Lapid. Non è ancora chiaro se si separerà da alcuni degli attuali dirigenti del partito, ma potrebbe coinvolgere i deputati di Kahol Lavan che stanno attualmente valutando il loro futuro in politica.

I partiti Ultra-Ortodossi

Durante le ultime tre elezioni, i partiti ultraortodossi si erano decisamente impegnati a favore di Netanyahu. Entrambi i partiti Haredi – Shas e United Torah Judaism – firmarono ripetutamente promesse di fedeltà a Netanyahu, e Shas arrivò persino a mettere la sua foto sui cartelloni della sua campagna. Da colloqui con fonti dei partiti Haredi, non sembra che cambierà molto prima delle prossime elezioni. L’unica cosa veramente nuova nell’arena politica è il partito Nuova Speranza fondato da Gideon Sa’ar, e questa mossa non dovrebbe fare la differenza per gli Haredim.

“Continueremo dichiaratamente con Netanyahu fino alla fine”, ha detto una fonte di una delle parti. “Non saremo certamente noi a incoronare Gideon Sa’ar”. La fonte ha detto che l’unica possibile coalizione che Sa’ar potrebbe guidare sarebbe un insieme di partiti il cui unico programma comune è “solo non Bibi [Netanyahu]”. “Una simile coalizione rimarrebbe unita per poche settimane, perché nel momento in cui Netanyahu lascerà Balfour [la residenza del primo ministro], non ci sono basi per una partnership”, ha detto. “Quindi la linea di fondo è che dovremo vedere il giorno dopo le elezioni quali sono i risultati e vedere se c’è una maggioranza [di destra] di 61 seggi alla Knesset insieme a Bennett”.

La fonte ha aggiunto che se Sa’ar non ottiene almeno 30 seggi, “entrerà di corsa nella coalizione di Netanyahu”, anche se questa volta Netanyahu dovrebbe pagare un prezzo elevato. “Netanyahu ha stabilito il precedente di 15 seggi degni di rotazione [del premier]. Sa’ar chiederà almeno questo, e ha esperienza sufficiente per non essere Bibi in grado di ribaltarlo “.

Yamina

Naftali Bennett ha esitato per mesi su due questioni fondamentali, e il pubblico lo ha capito. Uno è se entrerà a far parte di un governo Netanyahu. L’altro è cosa fare con il suo collega di Yamina, Bezalel Smotrich.

Yamina head Naftali Bennett.
Yamina head Naftali Bennett. Credit: Ohad Zwigenberg

Da un lato, le continue opinioni di Smotrich, espresse con la stessa certezza come se Dio stesso parlasse attraverso di lui, irritano Bennett. Dall’altro, essere schiacciati tra Sa’ar e un partito religioso guidato da Smotrich alla destra di Yamina non è una ricetta per diventare primo ministro.

Yisrael Beiteinu

Yisrael Beiteinu, guidato da Avigdor Lieberman, intende mantenere la sua parola di non aderire a un governo guidato da Netanyahu. Lieberman cercherà di raccogliere voti concentrandosi sulla base laica e di destra del partito mentre cerca di indebolire i partiti ultraortodossi. Lieberman sa che quel partito della Nuova Speranza di Sa’ar potrebbe attirare alcuni elettori di Yisrael Beiteinu, sebbene Lieberman sia rimasto stabile nei sondaggi. Yisrael Beiteinu dovrebbe spingere per un governo che includa i partiti sionisti, salvo il Likud guidato da Netanyahu. Sembra che Lieberman non apporterà alcuna modifica alla sua lista di partito.

Meretz

Il partito di sinistra Meretz ha cercato negli ultimi mesi di decidere il suo approccio alle prossime elezioni – se correre indipendentemente o come parte di una lista multipartitica (come ha fatto nelle ultime due elezioni come parte dell’Unione Democratica, e con Labor-Gesher). Il crollo di Kahol Lavan e del partito laburista ha rafforzato la presenza di Meretz nei recenti sondaggi, che hanno indicato fino a sette seggi del partito alla Knesset

Meretz intende ora consolidare la sua base di elettori prendendo di mira specifici segmenti delusi dell’elettorato – persone che hanno votato per Kahol Lavan di Gantz come voto “strategico” e elettori delusi del Partito laburista, poiché si profila la prospettiva che il Labour, il cui precursore del quale ha fondato il paese, potrebbe scomparire dalla mappa politica.

Nelle ultime settimane, Meretz ha discusso se creare una leadership ebreo-araba congiunta e si è appellato in misura maggiore all’elettorato arabo, nel tentativo di ottenere sostegno lì. I sondaggi hanno dimostrato che una tale mossa non ecciterebbe gli elettori e non è chiaro se rafforzerebbe la posizione del partito alla Knesset. Il partito ora deve decidere se tenere le primarie per i leader del partito e della coalizione. Il membro della Knesset Yair Golan ha recentemente annunciato che si unirà a Meretz e ha espresso il suo sostegno al suo attuale leader, Nitzan Horovitz.

Se il partito decide sulle elezioni interne, queste potrebbero essere tenute tra i suoi 1.000 membri del comitato centrale, piuttosto che le primarie in cui tutti gli iscritti al partito registrati avrebbero un voto. Un’altra opzione allo studio è il reclutamento di personaggi noti, tra cui forse ex membri del Partito Laburista o candidati della comunità araba.

Labor Party

È dubbio che il Partito laburista sarà in grado di candidarsi in modo indipendente alle prossime elezioni. Il fatto che Amir Peretz e Itzik Shmuli abbiano aderito al governo di Netanyahu nonostante il loro impegno pubblico a non farlo, ha completamente distrutto il sostegno al partito, che probabilmente ora non gli dà abbastanza voti per varcare la soglia elettorale dei quattro seggi. Lo scorso novembre, un congresso del partito ha autorizzato Peretz a negoziare con Kahol Lavan sulla corsa elettorale congiunta, il che potrebbe dare al partito un punto d’appoggio nella prossima Knesset, ma data la posizione di Gantz nei recenti sondaggi, è dubbio che una simile scommessa porti da qualche parte.

Il partito ha anche istituito un organo per eleggere un nuovo presidente e scegliere una lista di candidati alla Knesset anziché tenere le primarie. Il parlamentare della Knesset Merav Michaeli ha presentato ricorso all’Alta Corte di giustizia con l’affermazione che la decisione era illegale e ha chiesto lo svolgimento delle primarie prima delle prossime elezioni.

Altri attori di centro sinistra

Insieme ai partiti “tradizionali”, altri attori possono modificare la mappa politica. Il sindaco di Tel Aviv Ron Huldai sta segnalando la sua intenzione di candidarsi al centro sinistra e i deputati Ofer Shelah e Merav Michaeli potrebbero essere alla ricerca di una nuova sede politica, in un partito esistente o in uno nuovo. Altri parlamentari attuali ed ex Kahol Lavan e laburisti stanno facendo lo stesso. Un dirigente del partito ha valutato questa settimana che, visti i sondaggi deludenti, che prevedono incrementi significativi per il blocco di destra, il campo di centro-sinistra non si presenterà nel suo format attuale alle prossime elezioni. Invece i partiti cercheranno alternative più fresche per instillare qualche speranza nei loro elettori frustrati.

  • Kahol Lavan vuol dire Blu e Bianco
  • ** Yesh Atid vuol dire C’è un futuro

Traduzione a cura di Alessandra Mecozzi da https://www.haaretz.com/israel-news/.premium.HIGHLIGHT-this-israeli-election-will-feature-vaccines-generals-and-political-cannibalism-1.9394410

PalestinaCeL

VIEW ALL POSTS

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato