CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

55° giorno dell’Operazione Al-Aqsa Flood: i palestinesi di Gaza stanno ancora una volta contando le ore che mancano alla ripresa dei bombardamenti

I palestinesi di Gaza non ricevono aiuti sufficienti e gli ospedali nel nord di Gaza non ricevono ancora carburante. Israele sembra determinato a continuare il suo attacco a Gaza nonostante le pressioni degli Stati Uniti per una tregua prolungata.

DI LEILA WARAH    

Palestinesi camminano tra le macerie nel campo profughi di Jabalia, nel nord della Striscia di Gaza, il 29 novembre 2023. (Foto: Mohammed Alaswad/APA Images)PALESTINESI CAMMINANO TRA LE MACERIE NEL CAMPO PROFUGHI DI JABALIA, NEL NORD DELLA STRISCIA DI GAZA, IL 29 NOVEMBRE 2023. (FOTO: MOHAMMED ALASWAD/APA IMAGES)

Vittime: 

  • Oltre 15.000 morti*, tra cui 6.150 bambini, e 33.000 feriti nella Striscia di Gaza.
  • 247 palestinesi uccisi nella Cisgiordania occupata e a Gerusalemme est
  • Israele rivede il numero stimato delle vittime del 7 ottobre riducendolo da 1.400 a 1.200

*Questa cifra è stata confermata dall’ufficio stampa governativo di Gaza. Tuttavia, a causa di interruzioni nelle reti di comunicazione all’interno della Striscia di Gaza (in particolare nel nord di Gaza), il Ministero della Sanità di Gaza non è stato in grado di aggiornare regolarmente i suoi dati. Alcuni gruppi per i diritti umani stimano che il numero delle vittime si avvicini a 20.000.

Sviluppi chiave: 

  • Le forze israeliane hanno ucciso 104 bambini palestinesi nella Cisgiordania occupata nel 2023, di cui 64 dal 7 ottobre, afferma Defense for Children Palestine. 
  • Ufficio stampa di Gaza: 70 giornalisti uccisi dal 7 ottobre.
  • Le forze israeliane hanno ucciso giovedì mattina Fadi Moayad Badran, 21 anni, davanti alla prigione di Ofer, a Ramallah. 
  • I cecchini israeliani a Gaza sono stati ripresi in un video (verificato da Al Jazeera) mentre prendevano di mira palestinesi disarmati nel sesto giorno della tregua umanitaria. 
  • Secondo la polizia israeliana, tre persone sono state uccise durante una sparatoria alla fermata dell’autobus a Gerusalemme da parte di due uomini armati palestinesi, anch’essi uccisi sul posto. 
  • Sedici prigionieri sono stati rilasciati da Hamas mercoledì sera, seguiti da trenta donne e bambini palestinesi rilasciati dalla prigione israeliana, tra cui l’attivista palestinese Ahed Tamimi, 22 anni. 
  • Hamas dice che tre prigionieri, Kfir Bibas di 10 mesi, suo fratello di quattro anni e la loro madre, sono stati uccisi durante un precedente bombardamento israeliano. La dichiarazione deve ancora essere verificata da Israele.
  • Ministero della Salute palestinese: Il Centro Noura Al Kaabi per i pazienti in dialisi nel nord di Gaza ha ripreso le operazioni mercoledì. 
  • Il segretario di Stato americano Antony Blinken è arrivato a Tel Aviv mercoledì sera per incontrare i leader israeliani; ha intenzione di visitare anche la Cisgiordania occupata e gli Emirati Arabi Uniti durante il suo viaggio.
  • La PRCS è “profondamente preoccupata” per Awni Khattab, il capo del Centro medico di emergenza Khan Younis a Gaza, di cui non si sa ancora dove si trovi dopo essere stato arrestato dalle forze israeliane nove giorni fa.
  • In Cisgiordania, l’agenzia Wafa News ha riferito che giovedì le forze israeliane hanno circondato l’ospedale governativo Thabet Thabet a Tulkarem, fermando e perquisendo ambulanze e sottoponendo a interrogatori gli operatori del pronto soccorso. 
  • È emerso un video del momento in cui le forze israeliane hanno sparato al bambino di 9 anni morto a Jenin, dove lo si vede scappare prima di essere colpito alla schiena; è stata descritta come una “esecuzione a sangue freddo”.

” Conto le ore che mancano alla ripresa dei bombardamenti.”

Meno di un’ora prima delle 7 di questa mattina, quando stava per scadere la tregua di sei giorni tra Hamas e Israele, con l’aiuto di mediatori esterni è stata raggiunta una proroga di 24 ore. 

Nel frattempo, la popolazione di Gaza attende la continuazione degli incessanti bombardamenti israeliani. 

“Il primo giorno di pausa ho ripulito la casa di mia sorella dalle macerie. I due successivi ho fatto la fila per il gas da cucina. Ora sto contando le ore che mancano alla ripresa dei bombardamenti. Sono estremamente preoccupato”, ha detto Tarneem in una testimonianza condivisa da Medical Aid for Palestine.

Durante la pausa di sei giorni, la Mezzaluna Rossa Palestinese (RPC) “ha distribuito con successo 254 camion di aiuti” ; tuttavia, solo 21 sono stati consegnati nel nord di Gaza. 

Quasi 500.000 palestinesi nel nord di Gaza hanno ancora “un disperato bisogno” di ulteriori aiuti, afferma PRC. 

L’agenzia delle Nazioni Unite per l’infanzia “ha rifiutato il permesso” per il trasporto di carburante a Gaza City, nel nord di Gaza, che è “fondamentale per alimentare la pompa dell’acqua”, ha affermato il Comune di Gaza.

Marwan Abu Sada, primario chirurgo dell’ospedale al-Shifa di Gaza City, ha detto ad Al Jazeera che, nonostante la tregua, molti pazienti non sono ancora in grado di accedere all’assistenza sanitaria. 

“Dal cessate il fuoco, non è arrivato nulla all’ospedale”, ha detto. “Penso che la maggior parte degli aiuti medici vadano agli ospedali del sud, [ma] nelle aree settentrionali non arriva nulla, solo cibo, acqua e altre cose”, ha detto. 

In una dichiarazione rilasciata alla RPC sono state delineate le numerose sfide che hanno dovuto affrontare per ricevere e distribuire aiuti umanitari in tutta Gaza e in particolare nel nord. 

“Il processo è lungo e i ritardi potrebbero costringere il personale e i volontari a lavorare fino all’alba per completare il trasporto e lo scarico nel nord e tornare al sud per lavorare su nuovi camion”, ha affermato PRC, invitando la comunità internazionale a facilitare l’ingresso di maggiore assistenza e di “aprire altri punti di passaggio”.

La RPC ha dichiarato di essere “profondamente preoccupata” per Awni Khattab, il capo del Centro medico di emergenza Khan Younis a Gaza, di cui non si sa ancora dove si trovi dopo essere stato arrestato dalle forze israeliane nove giorni fa.

“La PRCS ritiene le autorità israeliane responsabili della sicurezza di Khattab e chiediamo il suo rilascio immediato insieme ad altri tre operatori sanitari che sono in arresto”, ha affermato il gruppo. 

“Non c’è nessun posto sicuro a Gaza e nessun posto sarà sicuro finché questa pausa umanitaria non si trasformerà in un cessate il fuoco duraturo”, ha detto il portavoce dell’UNICEF James Elder su X.

Francesca Albanese, relatrice speciale delle Nazioni Unite sui territori palestinesi occupati, rileva che nessun palestinese nei territori palestinesi occupati è al sicuro, in risposta all’uccisione del bambino di nove anni Adam Samer al-Ghoul mercoledì a Jenin. 

È emerso un video del momento in cui le forze israeliane hanno sparato al ragazzo uccidendolo, in cui lo si vede scappare prima di essere colpito alla schiena; è stata descritta come una “esecuzione a sangue freddo”.

“Nessun palestinese è al sicuro sotto l’occupazione israeliana”, ha detto Albanese .

Il cambio di approccio degli Stati Uniti nei confronti di Israele

Mercoledì sera, il segretario di Stato americano Antony Blinken è arrivato a Tel Aviv per incontrare i leader israeliani e discutere ulteriori scambi tra Hamas e Israele, nonché come aumentare gli aiuti umanitari in entrata a Gaza.

Blinken visiterà anche la Cisgiordania occupata e gli Emirati Arabi Uniti durante il suo terzo viaggio in Medio Oriente dal 7 ottobre.

Secondo Al Jazeera, lo scopo del viaggio di Blinken è trovare un modo per raggiungere un cessate il fuoco duraturo e il rilascio di tutti i restanti prigionieri detenuti all’interno di Gaza, oltre a un piano d’azione per il futuro di Israele e Palestina. 

“Abbiamo assistito nell’ultima settimana allo sviluppo molto positivo degli ostaggi che tornano a casa e si riuniscono alle loro famiglie”, ha detto Blinken in un incontro con il presidente israeliano Isaac Herzog a Tel Aviv.

“Ha anche consentito un aumento degli aiuti umanitari destinati ai civili innocenti di Gaza che ne hanno disperatamente bisogno. Quindi, questo processo sta producendo risultati. È importante e speriamo che possa continuare. Non vedo l’ora di avere conversazioni dettagliate con il governo israeliano sulla via da seguire a Gaza”, ha continuato. 

Tuttavia, i politici israeliani hanno chiarito che sono impegnati a continuare il loro attacco a Gaza. 

“Fin dall’inizio della guerra mi sono posto tre obiettivi: l’eliminazione di Hamas, il ritorno di tutti i nostri rapiti e la garanzia che Gaza non costituisca mai più una minaccia per Israele. Questi tre obiettivi rimangono in vigore”, ha affermato Benjamin Netanyahu in una dichiarazione video. 

“Negli ultimi giorni sento una domanda: una volta esaurita questa fase di restituzione dei rapiti, Israele tornerà a combattere? Quindi la mia risposta è un sì inequivocabile”, ha aggiunto Netanyahu.

“Non c’è modo di non tornare a combattere fino alla fine. Questa è la mia politica, l’intero governo sta dietro ad essa, i soldati stanno dietro ad essa, il popolo sta dietro ad essa – questo è esattamente ciò che faremo”, ha detto. 

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha affermato che le forze israeliane “nell’aria, sulla terra e in mare sono pronte a riprendere i combattimenti”.

“Con Netanyahu pubblicamente in disaccordo con gran parte di ciò che gli americani dicono essere le loro linee rosse [su Gaza], Biden si affermerà diplomaticamente”, ha detto l’analista politico William Lawrence ad Al Jazeera.

“Non ho alcun dubbio che Netanyahu sappia che i suoi giorni politici potrebbero essere contati dalla durata di questo conflitto”, ha continuato.

“Vuole che la guerra ricominci il più presto possibile e che duri il più a lungo possibile”, ha aggiunto.

«Questa non è una guerra; questa è una carneficina che niente e nessuno può giustificare.’

Molti leader internazionali chiedono ancora che la tregua temporanea, inizialmente di quattro giorni ma estesa a 7, diventi un cessate il fuoco permanente nonostante il continuo rifiuto di queste richieste da parte di Israele.

Il ministro degli Esteri palestinese Riyad al-Maliki afferma che la tregua a Gaza “deve diventare un cessate il fuoco, un cessate il fuoco permanente”.

“Non si può permettere che i massacri riprendano. Questa non è una guerra, questa è una carneficina che niente e nessuno può giustificare. Bisogna porre fine a tutto ciò”, ha detto al-Maliki al Consiglio di Sicurezza.

“Il pericolo è che se questa… tregua scade, torneranno al massacro sulla scala che abbiamo visto, il che è insopportabile”, ha detto ai giornalisti presso la sede delle Nazioni Unite il ministro degli Esteri dell’Arabia Saudita, il principe Faisal bin Farhan Al Saud, mentre chiedeva una tregua permanente. cessate il fuoco. 

Il primo ministro del Qatar, Sheikh Mohammed bin Abdulrahman Al Thani, ha dichiarato al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che il diritto internazionale dovrebbe essere “applicato giustamente”.

“I doppi standard applicati dalla comunità internazionale riguardo alle carneficine e ai crimini perpetrati dall’occupazione israeliana contro i civili e le infrastrutture civili… sono una macchia sulla coscienza dell’umanità”, ha affermato.

Inoltre, altri deputati statunitensi si stanno unendo alle richieste di cessate il fuoco, inclusa la deputata Debbie Dingell . 

“Negli ultimi giorni abbiamo assistito al successo degli sforzi diplomatici volti a sospendere i combattimenti e a rilasciare gli ostaggi, e dobbiamo consolidare questi sforzi con un cessate il fuoco duraturo che assicuri il rilascio immediato di tutti gli ostaggi rimanenti detenuti da Hamas e avvii un flusso costante e sostanziale di aiuti umanitari a Gaza”, ha affermato Dingell .

“Fino a quante altre vite finite si dovrà arrivare? Quanti altri bambini devono essere uccisi? Quante altre famiglie dovranno essere traumatizzate e distrutte? Non c’è niente di umanitario, amici miei, nel concedere a civili innocenti qualche giorno di riposo prima che vengano bombardati di nuovo”, ha detto la deputata palestinese americana Rashida Tlaib in un evento fuori dalla Casa Bianca.

“Il bombardamento di civili e bambini innocenti è ripugnante e vergognoso. Il rifiuto di sostenere un cessate il fuoco e la fine della violenza e degli omicidi è ripugnante e vergognoso. Il nostro presidente che chiede al Congresso di finanziare più bombe che vengono sganciate su civili innocenti è ripugnante e vergognoso”, ha continuato Tlaib.

La sparatoria a Gerusalemme fornisce ulteriori armi ai civili israeliani. 

Giovedì mattina alla fermata dell’autobus a Gerusalemme, tre persone sono state uccise e 16 ferite da due uomini armati palestinesi, anch’essi uccisi sul posto, secondo la polizia israeliana. 

Subito dopo l’incidente, le forze israeliane hanno fatto irruzione nel quartiere di Sur Baher, nella Gerusalemme est occupata, hanno fatto irruzione nella casa dei due sospetti palestinesi e hanno arrestato i loro familiari per interrogarli, ha riferito Al Jazeera, citando Wafa. 

Il ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben-Gvir, che ha iniziato a distribuire migliaia di fucili d’assalto agli israeliani dopo il 7 ottobre, dando priorità a quelli nella Cisgiordania occupata e a Gerusalemme est, sta sfruttando l’incidente della sparatoria per promuovere il suo programma per armare la popolazione israeliana. 

“Le armi salvano vite umane”, ha detto Ben-Gvir su X.

“Nonostante le critiche di tutti i tipi di partiti, continuerò questa politica di distribuzione di armi ovunque, sia ai pronto soccorso che ai civili”, ha affermato il ministro ultranazionalista di estrema destra che spesso incoraggia la violenza contro i palestinesi garantendo allo stesso tempo l’impunità ai coloni israeliani. 

Subito dopo la sua dichiarazione, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto su X che il governo avrebbe continuato a distribuire armi ai civili, sottolineando di aver apprezzato che un civile armato presente sulla scena, insieme a due soldati, avesse ucciso gli uomini armati.

“Il governo da me guidato continuerà ad espandere la distribuzione di armi ai cittadini. Questa è una misura che si dimostra sempre valida nella guerra contro il terrorismo omicida”, ha affermato.

Da allora Hamas ha rivendicato i due uomini armati come propri membri. 

“L’operazione è arrivata come una risposta naturale ai crimini senza precedenti commessi dall’occupazione”, ha affermato il gruppo in una nota, citando la campagna militare israeliana a Gaza e il trattamento dei prigionieri politici palestinesi detenuti nelle carceri israeliane.

traduzione a cura della redazione

PalestinaCeL

VIEW ALL POSTS

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato