CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

“La sinistra israeliana non vuole che gli arabi facciano parte della lotta”

Dopo 34 anni di copertura della società araba per Haaretz, il giornalista veterano Atallah Mansour è ora più timoroso che mai

Atallah Mansur.  'Non ero nelle tasche di nessuno né ero un portavoce di una comunità in particolare.  Ho fatto il mio lavoro come giornalista».

Atallah Mansur. ‘Non ero raccomandato da nessuno né ero un portavoce di una comunità in particolare. Ho fatto il mio lavoro come giornalista». Credito: Gil Eliyahu

Sheren Falah Saab 9 febbraio 2023

Tutto è iniziato in un piccolo caffè nel villaggio di Jish, nell’Alta Galilea. Sei anni dopo la costituzione dello Stato di Israele, Atallah Mansour aveva 20 anni. Un giovane ambizioso, che dirigeva la sezione locale del movimento giovanile Hanoar Haoved. Mansour stava parlando con il proprietario del bar, cercando di ignorare tutto ciò che lo circondava – la povertà, l’ignoranza, la mancanza di lavoro e il governo militare – ma quel giorno si sentiva particolarmente frustrato.

Le sue frustrazioni lo portarono a scrivere una lettera a David Ben-Gurion , descrivendo i propri guai e la situazione dei giovani arabi. Il primo ministro, che all’epoca incontrava raramente gli arabi, comprese subito il valore storico della lettera di Mansour e gli rispose nel giro di pochi giorni. “Sono molto contento del desiderio di unità che pulsa in ogni riga della tua lettera”, scrisse, invitandolo a un incontro nella sua casa di Sde Boker sulla possibilità di formare un movimento giovanile congiunto ebraico-arabo.

Mansour scrisse dell’incontro sul settimanale Haolam Hazeh . Ha detto che voleva raccontare ai lettori l’importanza di una partnership tra ebrei e arabi attraverso un movimento giovanile. “Non ho mai pensato di farmi pagare per un articolo di giornale, volevo semplicemente scrivere dell’incontro. È così che ho iniziato a lavorare nei media ebraici”, dice oggi a proposito del momento critico che lo ha portato a lavorare come giornalista per Haaretz.

La lettera che David Ben-Gurion ha inviato a Mansour.
n ha inviato a Mansour. Credito: Gil Eliyahu

Questo mese Mansour ha ricevuto un dottorato honoris causa dall’Università di Tel Aviv in riconoscimento del suo lavoro pionieristico nei media e del suo contributo per portare la comunità araba nella società israeliana preservando la sua identità araba.

Mansour, il primo giornalista arabo a lavorare nei media israeliani, ha iniziato la sua carriera ad Haaretz nel 1958 e ha coperto la società araba nei successivi 34 anni. “Non ero raccomandato da nessuno né ero un portavoce di una comunità in particolare. Ho fatto il mio lavoro come giornalista”, dice.

‘La maggior parte delle mie amicizie con gli ebrei sono con persone provenienti da circoli di sinistra. Queste sono relazioni basate sul rispetto, ma gli ebrei e gli arabi sono come l’olio e l’acqua, non si mescolano davvero’.

Fin dall’inizio, ha compreso le sfide insite nel coprire la comunità araba per i media israeliani. Ricorda una manifestazione di attivisti comunisti arabi nel maggio 1958 a Nazareth , che coprì per Haolam Hazeh.

“La stampa ebraica ha descritto gli scontri tra gli attivisti e la polizia in modo unilaterale, come se gli arabi fossero criminali. Ero molto arrabbiato perché ero lì e mi ero reso conto che non era quello che era realmente successo”, dice. Mansour ha scritto una lettera ai redattori di Haaretz, e poi ha incontrato il caporedattore Gershom Schocken , che gli ha offerto un lavoro al giornale come reporter per gli affari arabi.

David Ben Gurion.  "Sono molto contento del desiderio di unità che pulsa in ogni riga della tua lettera".
David Ben Gurion.  “Sono molto contento del desiderio di unità che pulsa in ogni riga della tua lettera”. credito Fritz Cohen/CPO

Guardare da lontano

Il mio incontro con Mansour è avvenuto nella sua casa di Nazareth diversi giorni dopo un’altra tornata di proteste contro la rivoluzione giudiziaria pianificata dal governo Netanyahu. Come molti arabi israeliani, esprime paura e incertezza riguardo al piano. Dice che rispetto a tutti gli altri eventi della sua lunga carriera, compresa la seconda guerra del Libano e la seconda intifada, “la situazione questa volta è diversa da qualsiasi cosa abbia visto”.

“I cambiamenti che questo governo di destra sta proponendo non sono avvenuti all’improvviso, ma hanno avuto luogo gradualmente e per un lungo periodo di tempo”, dice. “Nel luglio 2018, hanno presentato la legge sullo stato-nazione [Legge fondamentale su Israele come Stato-nazione del popolo ebraico, che secondo i critici trasforma i non ebrei in Israele in cittadini di seconda classe] – quello è stato il primo punto di rottura.

“ La Dichiarazione di Indipendenza tiene conto delle minoranze, tra cui quelle arabe, e riconosce il principio di uguaglianza, dignità umana e libertà, anche se solo in teoria. Ma la legge dello Stato-nazione non riguarda la parità di diritti per le minoranze – anche i drusi che prestano servizio nell’esercito non sono menzionati. La legge dello stato-nazione cancella le minoranze: non siamo più considerati alla pari. Questa è la cosa peggiore che sia successa, non solo a livello di legge. Abbiamo visto le conseguenze di ciò e sono di vasta portata.

Cosa ne pensi del nuovo governo?

“Nel contesto delle relazioni tra ebrei e arabi, penso che siamo su un pendio scivoloso e pericoloso”.

Sei preoccupato?

“Chiaramente sì. La rivoluzione giuridica danneggerà i diritti degli arabi. Se un arabo esce in strada e viene attaccato, nessuno lo proteggerà: sarà come un insetto la cui vita non ha valore. Porterà Israele indietro in ogni modo, anche politicamente: gli israeliani proiettano un’immagine di essere illuminati e cercano di proteggere i diritti delle minoranze, ma il cambiamento che sta avvenendo danneggerà anche il carattere dello stato e tutto ciò che sostiene quando si tratta di gli arabi”.

Un documento prodotto da 'Haolam Hazeh', in cui si spiega che Mansour lavora come giornalista per il settimanale.
Un documento prodotto da ‘Haolam Hazeh’, in cui si spiega che Mansour lavora come giornalista per il settimanale. Credito: Gil Eliyahu

Gli arabi israeliani sono quasi del tutto assenti dalle proteste.

“La sinistra israeliana non vuole che gli arabi prendano parte alla lotta, certamente non pubblicamente. Ancora non vedono gli arabi come partner legittimi. Se io come arabo voglio essere un partner ed esprimere solidarietà e unirmi alla lotta, e loro mi dicono di no, cosa si aspettano che faccia? I manifestanti arabi vogliono esprimere il loro dolore e non solo quello degli ebrei. Impossibile protestare senza menzionare la questione palestinese. Deve essere una lotta congiunta ebraica e araba perché dobbiamo arrivare a una soluzione e a un accordo politico con i palestinesi”.

“Mi addolora che gli stessi arabi non siano uniti, e non solo in Israele.”

Se la sinistra israeliana non vuole la cooperazione con gli arabi, quali opzioni restano?

“La maggior parte delle mie amicizie con gli ebrei sono con persone provenienti da circoli di sinistra. Queste sono relazioni basate sul rispetto, ma gli ebrei e gli arabi sono come l’olio e l’acqua: in realtà non si mescolano. Fino al 1967, la sinistra si è preoccupata dei tentativi di stringere rapporti reciproci con gli arabi e ha fatto uno sforzo considerevole, ma la sinistra è stata indebolita dall’ascesa al potere della destra. Guardo la sinistra che rimane oggi e vedo come si è sciolta, come sapone. Se riuscisse a fermare la rivoluzione giuridica, forse le darebbe nuova linfa».

Gli arabi non hanno qualche responsabilità per questo fenomeno?

Atallah Mansur.  "Le questioni che preoccupano la società araba sono cambiate, così come la natura della copertura mediatica".
Atallah Mansur. “Le questioni che preoccupano la società araba sono cambiate, così come la natura della copertura mediatica”. Credito: Gil Eliyahu

“Mi addolora che gli stessi arabi non siano uniti, e non solo in Israele. Guarda i paesi del mondo arabo, ad esempio la Siria. I rifugiati siriani non trovano riparo nei paesi arabi e la gente vede ancora Bashar Assad come un leader legittimo. Mi addolora vedere crepe sociali e politiche; anche a Gaza e in Cisgiordania sono l’uno contro l’altro. I leader arabi non sono riusciti a unificare il mondo arabo e loro stessi sono corrotti – e questo include l’Autorità palestinese”.

Anche la Joint List si sciolse.

“Ciò è accaduto come parte dei cambiamenti in atto nella società araba. Ho votato per la Lista Unita – è l’unica scelta che mi rimane – ma nel corso degli anni abbiamo visto indebolirsi il sostegno ad Hadash [le cui radici sono nel Partito Comunista]. Una volta erano forti come il sole; oggi sono a malapena un lume di candela. Nel frattempo, le tendenze musulmane si sono rafforzate in tutto il mondo arabo: la United Arab List e Mansour Abbas fanno parte di quel fenomeno”.

Tuttavia, ha fatto la storia unendosi a una coalizione.

“Vuole essere sotto i riflettori anche se il prezzo per farlo è limitarsi ai diritti civili, senza parlare della questione palestinese. Sono dubbioso che si riferiscano a se stessi come alla Lista Araba Unita, perché è una lista che non contiene cristiani né drusi. Per me non ha alcun valore significativo un partito che afferma di essere unito e che contiene solo musulmani”.

I manifestanti prendono parte a una manifestazione contro la rivoluzione giuridica a Tel Aviv a gennaio.  "Continuano a non vedere gli arabi come partner legittimi".
 manifestanti prendono parte a una manifestazione contro la rivoluzione giuridica a Tel Aviv a gennaio. 
“Continuano a non vedere gli arabi come partner legittimi”. Credito: Tomer Applebaum

Kibbutznik arabo

Mansour, vedovo e padre di tre figli, è nato nel 1934 a Jish (noto come Gush Halav in ebraico) in una famiglia greco-cattolica. Nonostante la sua età avanzata, scrive regolarmente e attualmente sta lavorando a un libro in ebraico. “Non mi pento di nulla di ciò che ho fatto, voglio solo finire il libro il prima possibile e chiudere il cerchio”, dice e sorride: “Ho persino chiesto di essere sepolto nel villaggio di Jish”.

Oltre a lavorare per Haaretz, Mansour è stato anche uno dei fondatori del quotidiano arabo Al-Sinnara, che ha diretto per un decennio. Ha anche pubblicato otto libri in ebraico, arabo e inglese, tra cui un romanzo del 1966 intitolato “In a New Light” (Karni Publishers). L’eroe, un giovane arabo il cui padre è stato assassinato, viene adottato da un ebreo e va a vivere in un kibbutz. Il libro ha creato una tempesta nella stampa araba e israeliana. Newsweek ha salutato Mansour come un profeta non celebrato. Nel 1992, insieme al giornalista Uzi Benziman, ha pubblicato il libro “Subtenants” (Keter Publishing), che affronta lo stato civile degli arabi israeliani e la politica del governo nei loro confronti.

Nei suoi scritti, Mansour abbraccia i suoi ricordi d’infanzia e descrive il paesaggio dei villaggi palestinesi che furono occupati durante la Guerra d’Indipendenza e di cui oggi non rimane traccia. Nel maggio 1948, quando aveva 14 anni, suo padre lo mandò in Libano per frequentare una scuola della Croce Rossa per i bambini profughi palestinesi. “Gli ebrei avevano conquistato Safed e mio padre mi disse che sarebbero venuti anche nel nostro villaggio, ed era preoccupato e voleva che continuassi a studiare, così mi propose di andare in Libano”, ricorda.

L’anno successivo, prima che avesse completato gli studi, suo padre gli disse di tornare perché presto il confine sarebbe stato chiuso. Mansour tornò a casa e rimase legalmente in Israele fino al 1960, quando fece domanda e ottenne la cittadinanza israeliana.

Dopo essere tornato dal Libano, Mansour ha dovuto acclimatarsi alla nuova realtà degli arabi in Israele. Nel 1950 iniziò a studiare in una scuola superiore nel kibbutz Shaar Ha’amakim come parte di un programma per addestrare giovani arabi a diventare attivisti del partito per il Mapam, il partito socialista dei lavoratori. “Non ho mai pensato che gli ebrei fossero miei nemici. Quando ho visto che erano già qui, ho capito che dovevo trovare un modo per convivere con la nuova realtà”, dice. “Non ero contrario al Mapam, ma non ne facevo nemmeno parte. Ero tra persone che non la pensavano come me, ma non avevo molte opzioni: o scappare o integrarmi e ambientarmi”.

Il suo tempo nel kibbutz è servito solo a sottolineare il suo senso di alienazione. “Eravamo 18 giovani arabi. Ci chiamavano ‘il garin arabo’ [gruppo centrale]. Dovevamo unirci al lavoro del kibbutz. Nel tempo libero mi sedevo nella sala di lettura del kibbutz e leggevo i giornali ebraici. Per me era importante imparare l’ebraico e capire come vivevano gli ebrei nel kibbutz. Non volevo restare lì, non era un’opzione. Ho saputo che gli ebrei erano stati avvertiti di non avvicinarsi a noi arabi. Non mi sentivo di appartenere a questo posto e siamo stati divisi in due gruppi.

Dopo aver completato gli studi, ha diretto il ramo del movimento giovanile Hanoar Haoved a Jish. A poco a poco si rese conto che gli arabi erano “ai margini dei margini”. I suoi sentimenti di alienazione crebbero quando Ben-Gurion organizzò una grande conferenza nel 1954, dove invitò i giovani a unirsi a Hanoar Haoved e a colonizzare il Negev, ma non si preoccupò di invitare gli arabi. Fu allora che decise di scrivere la sua lettera al primo ministro.

I resti di Suhmata, che era un villaggio palestinese, situato a 25 chilometri a nord-est di Acri.
 resti di Suhmata, che era un villaggio palestinese, situato a 25 chilometri a nord-est di Acri. Credito: Gil Eliyahu

Il fatto che abbia risposto è stato un po’ una sorpresa perché molti palestinesi gli hanno inviato lettere dopo la Guerra d’Indipendenza e non hanno ricevuto risposta. Ben-Gurion ha persino evitato di ricevere delegazioni arabe o di visitare i loro villaggi.

“Scrissi in ebraico e usai anche la terminologia politica che lui stesso usava all’epoca, la lingua del Mapai, che guidava”, dice Mansour. “Ma non era solo una questione di parole. Volevo lanciare un messaggio da giovane arabo coinvolto in quanto stava accadendo nel Paese e che non accettava di restare ai margini».

Questo giovane Mansour è diventato il giornalista Mansour, che rifiuta di scendere a compromessi sull’obiettivo di integrare gli arabi israeliani in tutti i settori della vita, compresa la politica. In un articolo di Haaretz del 2019, ha parlato del tono sprezzante che i politici israeliani usano nei confronti degli arabi. “[Il primo ministro Menachem] Begin e il suo stile e modi mi hanno scioccato e mi hanno fatto cambiare opinione su di lui. Ricordo il suo stile colto ogni volta che sento il primo ministro e il suo principale rivale e mi gira la testa per la profondità dell’abisso in cui è caduto il governo dello Stato di Israele. Benjamin Netanyahu e Benny Gantz non sono pronti a rivolgere una sola frase colta ai rappresentanti arabi alla Knesset”. Per quanto riguarda Netanyahu, Mansour afferma: “Mente agli arabi e non ha alcuna reale intenzione di rivolgersi adeguatamente alla società araba e ai suoi bisogni”.

Cari ebrei

I primi articoli pubblicati da Mansour su Haaretz hanno provocato molte reazioni da parte dei lettori. “Pensavano che fossi un ebreo iracheno. Gli ci è voluto del tempo per capire che ero un arabo. Dal mio punto di vista, scrivere è stato un modo per unire i due popoli”, dice. Nei suoi rapporti, ha scritto dei cambiamenti che si sono verificati all’interno della società araba dopo la fine del regime militare. Uno dei suoi articoli riguardava l’apertura di una nuova strada nel villaggio di Ein Mahil e un altro sulla vendita di carne di maiale a Nazareth e le polemiche che ne seguirono. Dice: “Oggi guardo le stesse notizie che ho pubblicato e sono stupito di averle scritte”.

Perché?

“Perché guardando indietro, riconosco che una volta c’era una completa disconnessione tra ebrei e arabi. Abbiamo fatto molta strada insieme da allora. Oggi viviamo in una realtà in cui gli arabi sono parte integrante dello spazio israeliano e sono in contatto con gli ebrei. Squadre mediche negli ospedali, più istruzione superiore tra gli arabi: le questioni che preoccupano la società araba sono cambiate, così come la natura della copertura mediatica”.

Il politico Mansour Abbas.
Il politico Mansour Abbas. Credito: Tomer Applebaum

Come esattamente?

“È impossibile confrontare ciò che era allora con ciò che è adesso. Quando lavoravo, gli ebrei non conoscevano arabi e non sapevano nulla della loro vita. Forse l’unico arabo con cui hanno parlato è stato il venditore del negozio. Oggi ci sono giornalisti arabi nei media israeliani – questo ai miei occhi segna un cambiamento significativo”.

Lei stesso ha incontrato reazioni razziste?

“Alla fine degli anni ’70, i membri del Mapai mi invitarono a cena a Upper Nazareth. Sono arrivato con 10 minuti di ritardo. Poco prima di entrare nella stanza, ho sentito come parlavano degli arabi e della loro paura che gli arabi prendessero il controllo di Nazareth Alta. Uno dei membri ha affermato di dover approvare una legge che impedisca agli arabi di acquistare case nelle comunità ebraiche. Ho detto loro che forse la soluzione migliore sarebbe stata organizzare una delegazione in Sud Africa, per sapere come i bianchi trattano i neri, ed è così che avrebbero potuto poi trattare noi. Si sono scusati, ma sono rimasto molto ferito.”

Nonostante gli sconvolgimenti nei rapporti tra ebrei e arabi, Mansour rimane ottimista: “Dal 1948 al 1990, c’è stato un cambiamento positivo nell’atteggiamento dello Stato nei confronti degli arabi in tutte le aree. Israele ha gradualmente allentato le restrizioni che imponeva agli arabi e noi arabi abbiamo anche costruito una relazione di partenariato con gli ebrei”.

Molti credono che le rivolte del maggio 2021 nelle città miste ebraico-arabe siano state un colpo mortale all’illusione della convivenza.

“Quando cammini per Haifa e altre città miste, vedi manifesti che dicono ‘arabi ed ebrei rifiutano di essere nemici’. Nessuno li ha strappati, e per me questo significa tutto. Ci sono persone qui che si rifiutano di essere nemiche l’una dell’altra. È importante esaminare queste relazioni nel corso della storia. Gli arabi sono sempre di più nello spazio israeliano e non c’è altra scelta che continuare a vivere insieme e trovare un modo per collaborare. Gli ebrei non spazzeranno via gli arabi, e viceversa – gli arabi non spazzeranno via gli ebrei”.

Credi ancora nella soluzione dei due Stati? Pensi che sia uno scenario realistico?

“Non c’è altra soluzione che due stati. Ma se davvero non c’è disponibilità a risarcire le famiglie che sono state espulse da qui, non accadrà mai. La pace ha un prezzo e Israele deve fare uno sforzo. L’annessione, se avverrà, alla fine danneggerà lo Stato di Israele: non sarà più lo stesso paese. Per quanto tempo i Palestinesi possono rimanere senza uguaglianza? Il numero di arabi quando fu istituito lo stato era di circa 160.000. Oggi siamo 2 milioni e stiamo ancora lottando per la piena uguaglianza dei diritti”.

Traduzione a cura della redazione

PalestinaCeL

VIEW ALL POSTS

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato