Warning: Creating default object from empty value in /home/customer/www/palestinaculturaliberta.org/public_html/wp-content/themes/helpinghands/framework/admin/ReduxCore/inc/class.redux_filesystem.php on line 29
'Napoli antisionista': artista italiano pluripremiato parla della Palestina e del perché ha lasciato il fotogiornalismo - Palestina Cultura Libertà
CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

‘Napoli antisionista’: artista italiano pluripremiato parla della Palestina e del perché ha lasciato il fotogiornalismo

Il murale raffigurante i lavoratori palestinesi in fila a un posto di blocco militare israeliano vicino a Betlemme nella Cisgiordania occupata, appare nella città italiana di Napoli, dal noto artista e fotografo italiano, Eduardo Castaldo. 
(Foto: in dotazione)


Di Romana Rubeo e Ramzy Baroud da Palestine Chronicle

Il 1 ° aprile, un murale è apparso nella città italiana di Napoli, raffigurante lavoratori palestinesi allineati a un checkpoint militare israeliano vicino alla città occupata di Betlemme, in Cisgiordania. Si chiama “Benvenuti a Betlemme”.

Il murale, che è diventato rapidamente popolare in città e sui social media, è stato opera di un noto artista e fotografo italiano, Eduardo Castaldo .

Castaldo, che è un fotografo cinematografico e televisivo, non è il tipico artista, poiché dedica parte del suo tempo e dei suoi sforzi a sostenere le lotte per i diritti umani, l’uguaglianza e la giustizia, specialmente in Palestina e in tutto il Medio Oriente.

È appropriato che Castaldo sia di Napoli, una città dell’Italia meridionale con profondi legami storici e culturali con la Palestina e il mondo arabo. Poiché la cultura italiana stessa aveva influenzato il mondo arabo, anche a Napoli si possono individuare numerosi segni della cultura araba, dal dialetto napoletano alla musica e alla danza, al cibo e molto altro ancora.

Inoltre, la stessa Napoli è un simbolo della resistenza italiana. La rivolta del settembre 1943 , nota come “Le Quattro Giornate di Napoli” – è stato un momento di svolta nella storia della città in quanto si è liberata dall’occupazione nazista tedesca.

Il murale di Castaldo con i lavoratori palestinesi non è la sua unica opera sulla Palestina e il Medio Oriente. Ha fatto altre mostre artistiche. Inoltre, ha trascorso anni in Palestina lavorando come fotoreporter.

Abbiamo parlato con l’artista italiano per capire il suo legame con la Palestina e il mondo arabo, le sue ispirazioni e la sua continua lotta contro l’ingiustizia in tutte le sue forme.

Catturare l’occupazione 

 Questo lavoro è nato dalla mia esperienza come fotoreporter in Medio Oriente  , ha detto Castaldo riferendosi a ‘Benvenuti a Betlemme’.

Castaldo ha lavorato come fotoreporter in Palestina per circa quattro anni, dal 2007 al 2011. Questi anni gli hanno permesso di immergersi nell’esperienza palestinese e di “testimoniare direttamente le dinamiche crudeli dell’occupazione militare israeliana”.

“Ho visitato diverse volte il posto di blocco di Betlemme, dove ho scattato molte foto. La mia arte di strada è un collage di foto che ho scattato all’epoca “, ci dice.

“È stata un’esperienza particolarmente aconvolgente”, riflette Castaldo:

“Ero in piedi fuori dalle sbarre del checkpoint, a fotografare lavoratori palestinesi di età compresa tra i 30 ei 60, anche 70 anni, ammucchiati uno sopra l’altro per ore per attraversare il checkpoint e raggiungere Gerusalemme per lavorare. Queste persone ripetevano la stessa routine ogni giorno, dalle 4:00 alle 8:00. E ogni giorno, erano costretti dalle circostanze a subire la stessa esperienza disumanizzante, semplicemente per guadagnare magre somme di denaro (per sfamare le loro famiglie) “.

Castaldo si sentiva “a disagio a fare il fotoreporter occidentale, fuori dai bar, a scattare foto” di lavoratori palestinesi intrappolati. Spiega le ragioni del suo disagio:

“Queste persone erano già private della loro dignità e non sentivo di avere il diritto di fotografarle come se fossero animali in uno zoo. Questa sensazione era così spiacevole che ho deciso di non mostrare o vendere quelle immagini ai giornali “.

Ma quel sentimento non lasciò la coscienza di Castaldo; infatti, è diventato “sempre più forte” al punto che Castaldo ha abbandonato del tutto il fotogiornalismo. Inutile dire che quelle esperienze in Palestina sono rimaste impresse nella mente di Castaldo fino ad oggi.

“Dopo diversi anni, intorno al 2018, ho deciso di rielaborare queste foto e le ho trasformate in qualcos’altro completamente”, dice, spiegando:

“Ho messo insieme 40-50 immagini in un’unica immagine, che ha vinto diversi premi, tra cui i Sony World Photography Awards nel 2018. Sentendo il bisogno di trasmettere le dolorose esperienze dei palestinesi al mondo, ho trasformato quella foto in un’opera d’arte di strada. Come artista, quello era il mio modo di raccontare quell’esperienza: sia il mio senso di disagio che l’umiliazione e l’abuso che i palestinesi furono costretti a subire “.

Da Napoli alla Palestina

Il murale di Betlemme non è l’unica opera d’arte di strada che Castaldo ha dedicato alla Palestina. In via San Giovanni a Pignatelli, sempre a Napoli, c’è un altro murale mozzafiato di una donna napoletana che scarica un secchio d’acqua contro due soldati israeliani che stanno tentando di scalare il muro.

Castaldo afferma che anche quest’opera è “la ricostruzione di una foto scattata durante un’operazione militare israeliana in Palestina”.

“L’atto di gettare l’acqua è abbastanza comune a Napoli, soprattutto dalle donne che vogliono spaventare i bambini quando fanno troppo rumore per strada”, dice. “Associando questa tipica reazione ai soldati israeliani ho cercato di incarnare la solidarietà di Napoli con il popolo palestinese. Nella mia mente, quel gesto è diventato un simbolo della Napoli antisionista “.

Ma l’ispirazione palestinese di Castaldo supera quella dei confini geografici della Palestina con l’Italia stessa. “Successivamente, ho deciso di aggiungere un elemento alla bandiera palestinese”, che è presente nel murale, ovvero un ritratto di Ali Oraney , un attivista italo-palestinese che vive a Napoli dall’inizio degli anni ’80 ed è morto a causa del Covid-19 alcuni mesi fa.

“Ali ha svolto un ruolo importante nel sostenere la lotta del popolo palestinese a Napoli. È stato una delle figure chiave per l’attivismo filo-palestinese a Napoli e, più in generale, in Italia e questo è un omaggio della mia città al popolo palestinese e ad Ali ”.

Connessione umana

Come altri artisti, giornalisti e visitatori in Palestina, la connessione umana, per Castaldo, era un rapporto molto più potente dei libri e dei notiziari. Trascorrere del tempo con i palestinesi è di solito la migliore risposta alla disumanizzazione che subiscono per mano dei media mainstream.

“Vivere in Palestina e nel mondo arabo mi ha permesso di creare un forte legame con la gente comune che vive lì, con le loro esperienze e con le loro lotte quotidiane”, dice.

“Ho stretto amicizia con molte persone lì e ho avuto la possibilità di sperimentare alcune di queste cose in prima persona, come giornalista e come essere umano. Questo è essenzialmente ciò che ha creato il mio legame con il popolo palestinese “.

Arte e cambiamento

Abbiamo chiesto a Castaldo se crede che l’arte sia in grado di modificare la realtà in qualche modo.

Come artista “non mi illudo che la mia arte possa cambiare le cose sul campo”, dice. “Tuttavia, è un modo per offrire le mie capacità a ciò che ritengo importante. Indubbiamente ha un valore personale per me. E credo che il valore politico delle mie opere sia intrinsecamente legato ai luoghi in cui sono ambientate “. L’obiettivo finale di Castaldo è “collegare la città di Napoli, dove vivo, a questa causa”.

Su arte, politica e libertà, l’affermato artista italiano dice:

“Sono perfettamente consapevole che la mia arte non cambierà una situazione politica così drammatica né avrà un ruolo chiave, ma penso anche che possa contribuire perché l’arte è libertà. E, per me, è importante sottolineare che questa libertà non è neutra, deve stare da un lato, dal lato giusto “.

Oltre la Palestina

L’opera d’arte di Castaldo, moralmente motivata e politicamente consapevole, abbraccia altre aree e soggetti oltre la Palestina, sebbene, in fondo, tutte queste questioni siano collegate.

Castaldo, che ha lavorato anche come fotoreporter durante la rivoluzione egiziana , ha dedicato un altro murale a Giulio Regeni, un giovane studioso italiano assassinato in Egitto, presumibilmente dalle forze di sicurezza egiziane.

“Il murale non era dedicato solo a Giulio Regeni, ma alla situazione egiziana nel suo insieme, perché Regeni ne faceva parte. Inoltre, il mio obiettivo finale non era solo quello di denunciare la singola violazione contro Regeni, ma il sistema repressivo in Egitto nella sua interezza “.

Castaldo è particolarmente felice che le sue opere d’arte siano molto popolari in Medio Oriente, dove continua a ricevere molto sostegno e riconoscimenti dalle persone e dai colleghi artisti della regione.

“Grazie ai social media, i miei lavori sono più popolari in Medio Oriente che in Europa. E devo dire che le loro reazioni positive, il loro sostegno e la loro solidarietà mi rendono orgoglioso “, dice.

Castaldo non è un artista tipico. L’etica e la moralità giocano un ruolo cruciale in tutto ciò che fa. Si ispira alle persone e, quando possibile, espone il suo lavoro anche alle persone. Si nutre dell’amore e del sostegno che ottiene dalla gente comune, sia in Palestina che a Napoli.

Questo artista del popolo ha la missione di trasmettere il tipo di dolore, sofferenza e umiliazione che le persone orgogliose spesso subiscono in isolamento. La sua arte racconta anche la storia dell’orgoglio, della bellezza e della speranza per un futuro più luminoso.

– Romana Rubeo è una scrittrice italiana e caporedattore di The Palestine Chronicle. I suoi articoli sono apparsi su molti giornali online e riviste accademiche. Ha conseguito un Master in Lingue e Letterature Straniere ed è specializzata in traduzione audiovisiva e giornalistica.

– Ramzy Baroud è un giornalista e redattore di The Palestine Chronicle. È autore di cinque libri. Il suo ultimo è ” These Chains Will Be Broken : Palestinian Stories of Luggle and Defiance in Israeli Prisons” (Clarity Press). Il dottor Baroud è un ricercatore senior non residente presso il Center for Islam and Global Affairs (CIGA) e anche presso l’Afro-Middle East Center (AMEC). Il suo sito web è www.ramzybaroud.net

PalestinaCeL

VIEW ALL POSTS

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato