CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

Questi israeliani sotto il fuoco di Hamas pensano che Netanyahu sia più pericoloso

di Judy Maltz da HAARETZ 30 Agosto 2020

Le proteste settimanali anti-Netanyahu nella regione di confine con Gaza bombardata rappresentano un punto critico nella battaglia tra i “due Israele”

Moshe Kuperman, 89 anni, partecipa regolarmente alle proteste di sabato sera contro il primo ministro Benjamin Netanyahu che si tengono all’incrocio di Sderot, a pochi chilometri a est del confine di Israele con la Striscia di Gaza.

“Non sono sicuro se e quanto queste proteste serviranno a cambiare le cose, ma io sento il bisogno di farlo”, dice. Kuperman è uno dei circa 60 partecipanti alla cosiddetta protesta della bandiera nera in questo luogo sabato sera. Negli ultimi due mesi, ogni sabato sera, manifestanti anti-Netanyahu si riuniscono su circa 300 ponti e incroci in tutto il paese, sventolando le loro bandiere nere – e anche quelle israeliane – di fronte ai veicoli che passano.

Moshe Kuperman from Kibbutz Erez at the weekly protest against Prime Minister Netanyahu outside Sderot. "I feel that I need to do this."
Moshe Kuperman del Kibbutz Erez alla protesta settimanale contro Netanyahu fuori da Sderot.  Credit: Eliyahu Hershkovitz

Secondo molti partecipanti abituali, la folla di questa settimana fuori dall’ingresso di Sderot sull’autostrada 34, è più numerosa del solito. La maggior parte dei manifestanti è di mezza età e anche più anziana. Ma ci sono anche genitori con bambini piccoli. Circa una mezza dozzina di poliziotti sono stati inviati a proteggerli.

Uno stereo portatile situato in mezzo alla folla suona canzoni popolari di protesta, e molti dei manifestanti cantano, c’è anche chi balla. Un’energica adolescente, incaricata del megafono, guida i manifestanti con slogans anti-Netanyahu. Stasera quello di maggior successo è: “Netanyahu to Maasiyahu”, riferito a una prigione nel centro di Israele. Quando le auto di passaggio suonano il clacson per mostrare il loro sostegno, i manifestanti rispondono con entusiasmo.

Data la recente esplosione delle tensioni con Gaza, in questo momento e a questo incrocio, potrebbe essere il punto di ritrovo all’aperto più pericoloso in Israele. Solo sabato i palloni esplosivi lanciati da Gaza hanno provocato 25 incendi attraverso la zona di confine e più di 500 incendi nelle ultime settimane. Decine di razzi sono stati anche lanciati da Gaza contro i kibbutz e le città lungo il confine, scatenando attacchi di rappresaglia da parte dell’esercito israeliano. Lo scorso fine settimana una casa a Sderot è stata colpita direttamente.

A house in Sderot after taking a direct hit from a rocket fired from Gaza, August 21, 2020.
Casa di Sderot colpita da un razzo lanciato da Gaza Credit: Eliyahu Hershkovitz

Esattamente una settimana fa, proprio a questo incrocio, un allarme rosso – che segnalava un razzo in arrivo – è suonato mentre i locali stavano tenendo la loro protesta settimanale. In un luogo così vicino al confine, chi si trova lì, ha solo 15 secondi per correre ai ripari dopo il lancio del razzo. Quando hanno sentito il temuto avvertimento, i manifestanti all’incrocio si sono semplicemente buttati a terra e si sono coperti la testa con le braccia. Alla domanda se ha paura di rischiare un altro Allarme Rosso questa settimana, Kuperman ridacchia. “Vivo in questa parte del paese da quasi 70 anni”, dice. “Ti abitui a queste cose. Ma se vuoi sapere cosa mi spaventa davvero, è quanto i sostenitori più fanatici di Netanyahu odino le persone come me. Non riesco a capirlo. “

Forse da nessuna parte in Israele il divario politico menzionato da Kuperman è più evidente che in questo particolare incrocio. Da un lato c’è Sderot, una città in gran parte operaia, conosciuta come una roccaforte chiave del partito Likud di Netanyahu. Nelle ultime elezioni, tenutesi il 2 marzo, più della metà degli elettori di Sderot ha votato per il Likud, rispetto a poco meno del 30% a livello nazionale. La maggioranza dei residenti di Sderot sono ebrei mizrahi, le cui famiglie sono immigrate in Israele dal Medio Oriente e dal Nord Africa. Intorno a Sderot e lungo tutto il confine di Gaza ci sono più di una dozzina di kibbutz, forse gli ultimi baluardi della sinistra Ashkenazi in Israele.

Nel Kibbutz Nir Am, dall’altra parte della strada, i partiti di centrosinistra hanno ricevuto più del 75 per cento dei voti nelle ultime elezioni, mentre il Likud ha ottenuto solo il 13 per cento. Nel vicino Kibbutz Kfar Aza, il Likud ha avuto risultati ancora peggiori, raccogliendo solo il 6 percento dei voti. La battaglia tra questi due Israele, per così dire, si svolge qui ogni sabato sera, mentre i devoti di Netanyahu, che passano nelle loro auto entrando e uscendo da Sderot, si confrontano con i manifestanti. Poco più di un mese fa è finita male: un residente di Sderot ha accoltellato al collo uno dei manifestanti in un incrocio a circa un chilometro da qui. Quel manifestante, il 40enne Nir Saar del Kibbutz Gevim, ha riportato ferite lievi dopo aver tentato di aiutare un altro amico che era stato aggredito.

A blaze caused by an incendiary balloon launched from Gaza at Kibbutz Alumim on the border, August 28, 2020.
Incendio causato da un pallone incendiario lanciato da Gaza al kibbutz Alumim sul confine August 28, 2020. Credit: Eliyahu Hershkovitz

Alcuni rituali si sono sviluppati negli ultimi mesi. I sostenitori di Netanyahu che passano nelle loro auto rallentano, abbassano i finestrini e mostrano il dito medio ai manifestanti, gridando: “Bibi”. I manifestanti rispondono: “In prigione”. La scorsa settimana, e i sabato sera precedenti, i manifestanti sono stati definiti “puzzolenti di sinistra”, “traditori”, “nazisti” e anche peggio.

“Sono stata chiamata puttana e mi hanno detto di tornare al bordello”, dice Dvora Galiani, una nonna di 70 anni di Nir Am. Galiani, il cui marito è disabile, dice che per lei è difficile allontanarsi anche solo per un’ora perché è colei che lo assiste principalmente. “Ma mi preme venire qui ogni settimana perché è quel poco che posso fare”, dice. “Sento che, dopo tutto quello che ho dato a questo paese – tutti i miei figli hanno prestato servizio in unità di combattimento, e ora il mio nipote maggiore sta per arruolarsi – stanno cercando di prendermi in giro”.

A passerby responds to the anti-Netanyahu protest at the entrance to Sderot, August 29, 2020.
Un passante in auto risponde alle proteste anti-Netanyahu all’entrata di Sderot, August 29, 2020.Credit: Eliyahu Hershkovitz

Galiani si ferma un attimo e annusa. “Lo senti?” lei chiede. “Questo è un altro incendio che scoppia. Il mio naso può già rilevarli a miglia di distanza”. Alla domanda se non ha paura di stare all’aperto con palloncini in fiamme provenienti da Gaza che fluttuano nell’aria, lei risponde: “L’unica cosa di cui ho paura è per il futuro di questo paese”. Quasi tutti i manifestanti riuniti a questo incrocio provengono dai vicini kibbutzim. Ariella Elbaz, una 53enne residente a Sderot, è un’eccezione. Viene ogni settimana con sua figlia.

“Sono sempre stata a sinistra”, dice Elbaz. “Ma nonostante quello che pensano molte persone, ci sono molti altri che la pensano come me a Sderot. A dire il vero, non sono la maggioranza, ma sicuramente esistono. ” Elbaz, che lavora in un asilo nido in uno dei kibbutzim della regione, porta un cartello fatto in casa con la scritta “Primo ministro o mercante di armi?” “Netanyahu ha già approvato la vendita di sottomarini in Egitto e solo di recente ha approvato la vendita di aerei da combattimento ad Abu Dhabi”, spiega. “Quindi penso che questa sia una domanda molto legittima.”

Gil Yasur, 50 anni, vive a Sderot da 25 anni. “Sono qui [alla protesta] perché non credo che un criminale dovrebbe fare il primo ministro”, dice Yasur, un economista di professione. “Penso che ci siano molte persone a Sderot che condividono questa convinzione anche se hanno problemi con la sinistra”.

Ciò non includerebbe Alon Davidi, il sindaco della città e un schietto sostenitore di Netanayahu. Parlando domenica con un giornalista dell’emittente pubblica israeliana, ha affermato che, nonostante le sue riserve sulla gestione del conflitto con Gaza da parte del governo, voterebbe comunque per Netanyahu se domani si tenessero le elezioni. “Non direi che ha fallito e sostengo il Likud a causa di una serie di valori in cui credo”, ha detto Davidi a Kan News.

Sono passati quasi 30 anni da quando Gonen Samid ha partecipato a una protesta. Ma il 51enne ci tiene a presentarsi ogni settimana a questo incrocio con le sue bandiere bianco-blu e nere. Questa volta, ha persino convinto suo figlio adolescente Alon a unirsi a lui. Samid ha in mano un cartello di cartone scritto a mano che dice: “Licenziate Bibi”. “Ritengo Bibi responsabile di tutto ciò che è andato storto in questo paese, e questo comprende lo stato della sicurezza qui nel sud”, dice. “Ho una figlia in cura adesso per attacchi di ansia, e lo biasimo per averci portato a questa situazione.”

Era un membro del suo kibbutz Gevim che è stato attaccato al vicino incrocio il mese scorso. Non solo questo non ha scoraggiato Samid dal venire alle proteste, dice, ma in realtà lo ha motivato maggiormente a partecipare. “Non dirò che qui mi sento sempre al sicuro”, dice. “La settimana in cui Nir è stato accoltellato, ho chiesto a un poliziotto di accompagnarmi alla macchina. Sono stato anche picchiato un po ‘quel giorno. I guidatori ci sono venuti molto vicini, non indossavano mascherine e io mi sono sentito molto minacciato. Ma ora che ci sono più poliziotti che ci sorvegliano, mi sento meglio riguardo alla situazione. “

Accanto a lui ci sono Ilan ed Eitan Arad, due fratelli, entrambi sulla cinquantina, cresciuti con lui a Gevim. Hanno in mano un grande striscione con la scritta “Ministro del crimine”. È anche il nome di uno dei gruppi che organizzano le proteste anti-Netanyahu. Un uomo anziano che si unisce alle proteste riceve un caloroso saluto dal gruppo di Gevim. “Era il nostro insegnante di educazione civica al liceo”, spiega Ilan.

Michah Ben-Hillel, l’insegnante in pensione, recupera un poster della bandiera israeliana dalla sua borsa. “Sono un patriota israeliano che teme per il destino del nostro paese”, dice, mentre procede a spiegarlo. Qualcuno gli chiede cosa pensa dello striscione “Ministro del crimine” che tengono in mano i suoi ex studenti. Non gli piace, dice. “In questo paese, sei ancora innocente fino a prova contraria”, spiega Ben-Hillel.

Sharon Stav, ex newyorkese, fa parte del vicino Kibbutz Dorot da quasi 50 anni. Avrebbe voluto unirsi ai suoi figli nella principale protesta del sabato sera a Gerusalemme, davanti alla residenza del primo ministro, ma pensa che sia meglio alla sua età evitare grandi folle durante una pandemia. “Venire a questo bivio è il minimo che posso fare”, dice Stav, 71 anni. “È l’unico modo per me di esprimere ciò che provo su ciò che sta accadendo in questo paese”.

A protester holds up a sign reading "Red Alert for democracy" at the anti-Netanyahu protest at the entrance to Sderot, August 29, 2020.
Manifestante con un cartello “Red Alert for democracy” alla protesta all’entrata di Sderot, August 29, 2020.Credit: Eliyahu Hershkovitz

Molti dei cartelli e delle magliette in mostra fanno riferimento a questioni locali. Irit e Rafi Danan, una coppia del Kibbutz Erez, ad esempio, portano un cartello con la scritta “Allarme rosso per la democrazia”. Sempre di Erez, Mor Katzman, 41 anni, indossa una maglietta stampata con la scritta: “Prima la sovranità alle comunità di confine di Gaza”. È un riferimento al tentativo fallito di Netanyahu di estendere la sovranità israeliana agli insediamenti della Cisgiordania. (Il leader israeliano ha accettato di sospendere l’annessione, su richiesta degli Stati Uniti, in cambio della normalizzazione dei legami con gli Emirati Arabi Uniti.)

Katzman, che ha portato con sé i suoi due figli, di 8 e 10 anni, porta un cartello che dice: “Anche le comunità di confine con Gaza fanno parte di Israele”. I membri di questo governo, dice, non hanno mostrato alcuna solidarietà con i residenti del sud, che ora vivono sotto la rinnovata minaccia di attacchi missilistici e palloni incendiari. “Hanno persino paura di venire qui e incontrarci”, dice.

Traduzione a cura di Alessandra Mecozzi da https://www.haaretz.com/israel-news/.premium-these-israelis-under-fire-from-hamas-think-netanyahu-is-a-bigger-risk-1.9113808?

PalestinaCeL

VIEW ALL POSTS

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato