CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

Israele è stato aggiunto alla lista nera delle Nazioni Unite: cosa significa?

La maggioranza delle persone uccise da Israele sono donne e bambini (Foto via WAFA)

9 giugno 2024

Di Robert Inlakesh

È molto probabile che il governo israeliano reagisca impedendo completamente alla maggior parte dei funzionari delle Nazioni Unite di entrare nel territorio da loro controllato.

Il 7 giugno, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha informato l’ambasciatore israeliano all’ONU Gilad Erdan che le “forze di sicurezza israeliane” sarebbero state menzionate nel loro rapporto annuale che nomina e svergogna gli Stati/gruppi che fanno del male ai bambini. 

Ciò collocherebbe Israele in una famigerata “lista nera” delle Nazioni Unite che include soggetti del calibro di ISIS e Al-Qaeda.

Rispondendo a una chiamata di cortesia da parte del Segretario generale delle Nazioni Unite il 7 giugno, l’ambasciatore israeliano presso le Nazioni Unite, Gilad Erdan, ha risposto condannando le Nazioni Unite e sostenendo che si erano schierate con Hamas, affermando che l’esercito israeliano era “l’esercito più morale” ”. 

Il video da cartone animato dell’ambasciatore israeliano è stato ampiamente condiviso da tutti i media internazionali, mentre anche altri funzionari israeliani hanno rilanciato la presunta moralità delle loro forze armate.

Il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, ha risposto definendolo “vergognoso” e affermando che “l’ONU si è messa oggi sulla lista nera della storia quando si è unita a coloro che sostengono gli assassini di Hamas. L’IDF è l’esercito più morale del mondo e nessuna decisione assurda delle Nazioni Unite può cambiare questa situazione”. Il leader dell’opposizione israeliana e membro del governo di guerra di unità, Benny Gantz, ha definito la decisione dell’ONU un “minimo storico” per le critiche nei confronti delle forze israeliane.

L’“esercito più morale del mondo” è accusato da Amnesty International, Human Rights Watch e dal massimo gruppo israeliano per i diritti umani, B’Tselem, di amministrare un sistema di apartheid. Ha anche commesso azioni che hanno spinto il procuratore capo della Corte penale internazionale (CPI) a richiedere mandati di arresto contro il primo ministro israeliano e il suo ministro della Difesa Yoav Gallant. In aggiunta a ciò, Israele è plausibilmente accusato di genocidio presso la Corte Internazionale di Giustizia (ICJ) e l’enorme volume di rapporti sui diritti umani, le opinioni di esperti presso le Nazioni Unite e l’innegabilmente elevato numero di morti infantili, rendono impossibile negare la condotta di questo esercito.

Il Global delle Nazioni Unite è incluso come parte di un rapporto sui danni ai bambini nei conflitti armati che il Segretario generale delle Nazioni Unite Guterres ha deciso di presentare al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC) il 14 giugno. Si dice che in realtà non nomini “Israele” in particolare, etichettando invece le “forze di sicurezza israeliane” come responsabili dei crimini, il che potrebbe aiutare Tel Aviv a evitare una reazione giuridicamente vincolante. A ciò si aggiunge il fatto che gli Stati Uniti proteggono costantemente il governo israeliano presso il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

La prima volta che gli Stati Uniti non hanno posto il veto su una risoluzione del Consiglio di Sicurezza relativa a Israele, dopo la fine dell’amministrazione Obama, è stato durante la metà del Ramadan. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha presentato un progetto di risoluzione che chiede un cessate il fuoco temporaneo a Gaza fino alla fine del mese santo musulmano, su cui il governo degli Stati Uniti si è astenuto. Subito dopo, però, l’amministrazione americana Biden ha dato il via libera agli israeliani per violare la risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, sostenendo che, a loro avviso, essa “non era vincolante”; una prima volta storica poiché è ben noto che tutte le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sono, per loro natura, giuridicamente vincolanti. 

Dove potrebbero esserci conseguenze immediate, tuttavia, è nelle stesse Nazioni Unite. Secondo il ministro degli Esteri israeliano, Israel Katz, “la misura del Segretario generale avrà conseguenze sui rapporti di Israele con l’ONU”, dopo aver affermato che la decisione presa è “un’ulteriore prova dell’ostilità [di Guterres] verso Israele, e della sua deliberata non considerazione – e non è la prima volta – dell’attacco di Hamas del 7 ottobre”. 

È molto probabile che il governo israeliano reagisca impedendo completamente alla maggior parte dei funzionari delle Nazioni Unite di entrare nel territorio che controlla e utilizzando i loro collegamenti con il governo degli Stati Uniti per punire ulteriormente gli organismi legati alle Nazioni Unite, entrambe le mosse hanno già preso nel corso di questa guerra. .

Mentre è improbabile che nazioni come il Regno Unito e gli Stati Uniti battano ciglio sul fatto che l’ONU abbia inserito Israele nella sua “lista nera” per aver ucciso più di 15.000 bambini a Gaza, oltre a liquidarla come una mossa sbagliata, altri paesi, che attribuiscono valore a il parere delle Nazioni Unite e il diritto internazionale, possono scegliere di agire. 

La decisione potrebbe finire per esercitare pressioni su alcune nazioni affinché adottino misure più forti contro Israele, mentre un impatto maggiore potrebbe avere sulla condotta di aziende e società che fanno affari con il regime israeliano. Possibili fardelli legali, diffuse campagne di boicottaggio e macchie sulla reputazione delle imprese che lavorano con uno Stato registrato in una “lista nera” per aver fatto del male ai bambini potrebbero scoraggiare molti rapporti di lavoro e infliggere ulteriori danni all’ economia israeliana.

Inoltre, non è un bel vedere la propria nazione inclusa in una lista, insieme a ISIS, Al-Qaeda, Al-Shabab e Boko Haram. All’inizio della guerra di Gaza, la campagna di propaganda israeliana ha cercato disperatamente di collegare Hamas con l’Isis, quindi questo rappresenta un altro colpo alle pubbliche relazioni. 

https://www.palestinechronicle.com/kill-em-all-us-politicians-and-their-genocidal-comments-against-palestinian-since-october-7/embed/#?secret=8po7hIdR4l#?secret=v4xrNBldR4

In effetti, se si considera il numero totale di bambini uccisi dall’ISIS durante la sua intera esistenza, non si avvicina nemmeno lontanamente al numero di bambini uccisi dall’esercito israeliano in poco più di 8 mesi. Ad esempio, durante i primi due anni di rivolta dell’Isis in Iraq, l’ONU ha riferito che il gruppo ha ucciso 18.800 civili in totale; questi due anni furono i più sanguinari del gruppo e furono davvero scioccanti. 

Tuttavia, l’esercito israeliano ha ucciso oltre 15.500 bambini solo a Gaza in un periodo di tempo molto più breve e se si includono anche quelli dispersi sotto le macerie, Israele ha ucciso più bambini del totale delle vittime civili dell’Isis nei suoi peggiori anni di terrore. .

L’aggiunta di Israele alla famigerata lista nera delle Nazioni Unite potrebbe avere un impatto minimo o nullo nel breve termine, ma potrebbe aggiungersi all’accumulo di prove presentate contro gli israeliani all’ICJ e rimarrà per sempre come una macchia sul loro curriculum. Questa decisione è una delle tante che rendono la situazione a Gaza ancora più chiara.

(The Palestine Chronicle)

– Robert Inlakesh è un giornalista, scrittore e regista di documentari. Si concentra sul Medio Oriente, specializzandosi in Palestina. Ha contribuito con questo articolo a The Palestine Chronicle.

Traduzione a cura della redazione

PalestinaCeL

VIEW ALL POSTS

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato