CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

Genocidio in cifre: questo è ciò che Israele ha fatto a Gaza

11 febbraio 2024

Palestinesi in fila per andare a prendere dell’acqua in un campo profughi a Gaza. (Foto: Mahmoud Ajjour, The Palestine Chronicle)

A cura dello staff del Palestine Chronicle  

I numeri possono essere disumanizzanti. Da soli, difficilmente potrebbero trasmettere la realtà del genocidio israeliano in corso a Gaza. Gli ultimi numeri ufficiali, tuttavia, sono cruciali. 

L’Ufficio stampa governativo di Gaza ha pubblicato un aggiornamento sull’entità della distruzione da parte dell’esercito israeliano nella Striscia di Gaza assediata, a partire dal 7 ottobre.

Il conteggio non è definitivo, poiché oltre 7.000 palestinesi risultano dispersi e si presume siano morti, sotto le macerie delle loro case o sparsi per le strade in aree che gli operatori della protezione civile non possono raggiungere. 

I numeri, le statistiche e le stime seguenti coprono il periodo compreso tra il 7 ottobre 2023 e l’11 febbraio 2024. 

Genocidio in cifre

  • 128 giorni di guerra.
  • 2.438 massacri.
  • 35.176 martiri e dispersi.
  • 28.176 martiri i cui corpi sono giunti negli ospedali.
  • 12.300 bambini martiri.
  • 8.400 donne martiri.
  • 340 operatori sanitari martiri.
  • 46 martiri della protezione civile.
  • 124 giornalisti martiri.
  • 7.000 dispersi; Il 70% di loro sono bambini e donne.
  • 67.784 feriti.
  • 11.000 feriti che necessitano di viaggiare per cure essenziali e salvavita.
  • 10.000 malati di cancro a rischio di morte.
  • 700.000 abitanti di Gaza sono stati contagiati da malattie infettive a seguito dello sfollamento.
  • 8.000 casi di infezione da epatite virale dovuta allo sfollamento.
  • 60.000 donne incinte sono a rischio a causa della mancanza di accesso all’assistenza sanitaria.
  • 350.000 pazienti cronici sono a rischio per la mancata somministrazione di farmaci.
  • 99 arresti di operatori sanitari.
  • 10 arresti di giornalisti di cui si conoscono i nomi.
  • 2 milioni di sfollati nella Striscia di Gaza.
  • 142 sedi governative distrutte dall’occupazione.
  • 100 scuole e università completamente distrutte dall’occupazione.
  • 295 scuole e università parzialmente distrutte dall’occupazione.
  • 184 moschee completamente distrutte dall’occupazione.
  • 266 moschee parzialmente distrutte dall’occupazione.
  • 3 chiese prese di mira e distrutte dall’occupazione.
  • 70.000 unità abitative completamente distrutte dall’occupazione.
  • 290.000 unità abitative parzialmente distrutte dall’occupazione.
  • 66.000 tonnellate di esplosivo sono state sganciate dall’occupazione su Gaza.
  • 30 ospedali messi fuori servizio dall’occupazione.
  • 53 centri sanitari messi fuori servizio dall’occupazione.
  • 150 centri sanitari parzialmente distrutti dall’occupazione.
  • 123 ambulanze completamente distrutte dall’occupazione.
  • 200 siti archeologici e del patrimonio distrutti dall’occupazione.

traduzione a cura della redazione

PalestinaCeL

VIEW ALL POSTS

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato