CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

IN FOTO: La neve ricopre Gerusalemme mentre la tempesta invernale Elpis colpisce Israele

La tempesta invernale Elpis ha portato quasi otto pollici di neve a Gerusalemme e continua a ricoprire la montagna più alta di Israele

Giovedì un uomo prega nella neve al Muro Occidentale

Giovedì un uomo prega nella neve al Muro Occidentale Credit: RONEN ZVULUN/ REUTERS

Nir HassonZafrir RinatAdi Hashmonai 27 gennaio 2022

La tempesta invernale Elpis ha ricoperto Gerusalemme con quasi otto pollici di neve durante la notte fino a giovedì dopo aver ricoperto le alture del Golan settentrionale, l’Alta Galilea e il Monte Hermon.

Giovedì il comune di Gerusalemme ha chiuso le scuole e ha raccomandato ai residenti di rimanere vicino a casa, dopo che circa 20 centimetri di neve sono scesi sulla città.

Giovedì neve a Gerusalemme.
Giovedì neve a Gerusalemme. Credito: Ohad Zwigenberg

La strada 1, l’autostrada principale tra Tel Aviv e Gerusalemme, è stata bloccata a causa della neve ma da allora è stata riaperta.

Circa un metro e mezzo di neve ha già ricoperto il monte Hermon, che è stato chiuso ai visitatori, e nei prossimi giorni è previsto altro nella zona. Il livello dell’acqua nel Mar di Galilea è già aumentato di cinque centimetri e mezzo a causa delle nevicate.  

Gli studenti delle alture del Golan settentrionale e centrale studieranno a distanza a causa della tempesta.

Giovedì i palestinesi si godono la neve vicino alla Moschea della Cupola della Roccia

Giovedì i palestinesi si godono la neve vicino alla Moschea della Cupola della Roccia Credit: Mahmoud Illean /AP

Cupola della roccia ricoperta di neve il giovedì

Giovedì dovrebbe essere piovoso e tempestoso da nord a nord del Negev, con neve in montagna. Più tardi giovedì, la neve si trasformerà in pioggia, tranne che sul monte Hermon, sulle alture settentrionali del Golan e sul monte Meron. I corsi d’acqua possono allagarsi.

Venerdì vedrà pioggia a intermittenza da nord a nord del Negev, con neve sul monte Hermon e forse nel nord del Golan. Sabato sarà insolitamente freddo, con piogge leggere al nord e al centro.

Mercoledì, bambini che giocano nella neve nell'insediamento di Efrat in Cisgiordania.
Mercoledì, bambini che giocano nella neve nell’insediamento di Efrat in Cisgiordania. Credito: Emil Salman
Mercoledì la neve sulle alture del Golan
Snow in the Golan Heights on WednesdayCredit: Gil Eliahu

Netivei Israel – la National Transport Infrastructure Company – ha rafforzato il suo personale nel Golan e ha portato spazzaneve, veicoli pesanti e distributori di sale. La polizia ha anche bloccato diverse strade nell’area delle alture del Golan.

Le segnalazioni di lancio di pietre e palle di neve contro polizia e pedoni mercoledì notte hanno portato all’arresto di 22 palestinesi a Gerusalemme est. Le nevicate nella capitale negli ultimi anni sono state regolarmente accompagnate da scontri tra polizia e palestinesi.

Secondo il climatologo Dr. Amit Givati, il fronte freddo è iniziato in Russia ed è insolito per la regione del Mediterraneo orientale. Ha aggiunto che, sebbene possa sembrare in contraddizione con la tendenza del riscaldamento globale, un clima così anomalo è un risultato diretto del cambiamento climatico.

Neve a Gerusalemme, mercoledì.
Neve a Gerusalemme mercoledì Credit: Ohad Zwigenberg
Mercoledì cavalli nella neve sulle alture del Golan
Golan Heights on Wednesday Credit: Gil Eliahu

Con l’aumento della temperatura terrestre, i percorsi delle tempeste vengono alterati, provocando esplosioni di aria fredda dalle regioni polari che scendono alle latitudini più basse. Questo andamento climatico ha causato condizioni meteorologiche atipiche in varie località del mondo e questo particolare fronte freddo si è già fatto strada in gran parte della Turchia e della Grecia .

La località turistica turca, Antalya, ha visto la sua prima neve in 29 anni e Istanbul è stata colpita da oltre 80 centimetri negli ultimi giorni. Il governatore della provincia di Istanbul Ali Yerlikaya ha vietato il traffico di veicoli privati ​​dopo che la nevicata di lunedì notte ha lasciato numerosi residenti bloccati nelle loro auto a temperature gelide.

Ad Atene, domenica i viaggiatori hanno dovuto essere soccorsi dai loro veicoli e portati al riparo in aeroporto. Migliaia di auto sono rimaste bloccate sulla strada fino a martedì, con spazzaneve al lavoro per districarle.

PalestinaCeL

VIEW ALL POSTS

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato