Warning: Creating default object from empty value in /home/customer/www/palestinaculturaliberta.org/public_html/wp-content/themes/helpinghands/framework/admin/ReduxCore/inc/class.redux_filesystem.php on line 29
Israele sta commettendo il crimine di apartheid, dice Human Rights Watch - Palestina Cultura Libertà
CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

Israele sta commettendo il crimine di apartheid, dice Human Rights Watch

Israeli soldiers patrol next to the separation barrier in Bethlehem, West Bank
Soldati israeliani pattugliano il muro a Betlemme Photograph: Emmanuel Dunand/AFP/Getty Images

Human Rights Watch chiede al tribunale penale internazionale di indagare sulla “discriminazione sistematica” contro i palestinesi

Oliver Holmes da Gerusalemme per The Guardian

Human Rights Watch ha accusato i funzionari israeliani di aver commesso i crimini di apartheid e persecuzione, sostenendo che il governo applica una politica generale per “mantenere il dominio degli ebrei israeliani sui palestinesi”.

In un rapporto pubblicato martedì , il gruppo di difesa con sede a New York è diventato il primo importante organismo internazionale per i diritti umani a livellare tali accuse. Ha detto che dopo decenni di avvertimenti che una presa radicata sulla vita palestinese avrebbe potuto portare all’apartheid, aveva scoperto che la “soglia” era stata superata.

“Questa è il risultato più netto che Human Rights Watch abbia raggiunto sulla analisi condotta israeliana negli ultimi 30 anni in cui abbiamo documentato gli abusi sul campo”, ha detto Omar Shakir, direttore del gruppo per Israele e Palestina. Shakir ha detto che la sua organizzazione non aveva mai accusato direttamente i funzionari israeliani di crimini contro l’umanità.

Rispondendo alle affermazioni, il ministero degli Esteri israeliano ha accusato Human Rights Watch di un “programma anti-israeliano di lunga data” e ha affermato che il rapporto è un “opuscolo di propaganda” che “non aveva alcun collegamento con i fatti o la realtà sul campo”.

“Le affermazioni fittizie che HRW ha inventato sono sia assurde che false”, ha detto.

I funzionari e le agenzie palestinesi hanno accolto con favore il rapporto, compreso il ministero degli esteri, che ha affermato di aver esposto “l’occupazione coloniale israeliana e le sue politiche discriminatorie e razziste contro il popolo palestinese”.

Il rapporto si è basato su anni di documentazione sui diritti umani, analisi delle leggi israeliane, una revisione dei documenti di pianificazione del governo e dichiarazioni di funzionari.

Human Rights Watch ha confrontato le politiche e le pratiche nei confronti di quasi 7 milioni di palestinesi nei territori occupati e all’interno di Israele con quelle riguardanti all’incirca lo stesso numero di ebrei israeliani che vivono nelle stesse aree.

Ha concluso che esiste una “realtà odierna di un’unica autorità, il governo israeliano … privilegiando metodologicamente gli ebrei israeliani mentre reprimeva i palestinesi, in modo più severo nel territorio occupato”.

Utilizzato per la prima volta in relazione alla segregazione razzista del Sud Africa contro i cittadini non bianchi, l’apartheid – che in afrikaans significa “separazione” – è un crimine contro l’umanità ai sensi del diritto internazionale.

Secondo lo statuto di Roma del 1998 che ha istituito la Corte penale internazionale (CPI), l’apartheid è definito come un “regime istituzionalizzato di oppressione e dominio sistematico da parte di un gruppo razziale su qualsiasi altro” con l’intento di “mantenere quel regime”. La persecuzione, che è anche un crimine contro l’umanità, è definita come “la privazione intenzionale e grave dei diritti fondamentali” di un gruppo di persone.

Human Rights Watch ha affermato che all’interno di Israele – dove circa un quinto dei 9 milioni di cittadini sono palestinesi – e nei territori occupati, le autorità hanno cercato di massimizzare la terra disponibile per le comunità ebraiche e concentrare la maggior parte dei palestinesi in densi centri abitati.

“Le autorità hanno adottato politiche per mitigare quella che hanno apertamente descritto come una ‘minaccia’ demografica da parte dei palestinesi”, ha detto, riferendosi alle preoccupazioni espresse dai politici israeliani che una popolazione a maggioranza palestinese metterebbe in pericolo lo stato ebraico. “A Gerusalemme, ad esempio, il piano del governo per la municipalità … pone l’obiettivo di ‘mantenere una solida maggioranza ebraica nella città’ e specifica persino i rapporti demografici che spera di mantenere”.

Ha detto che le autorità israeliane “discriminano sistematicamente i palestinesi”. Questo è stato il più estremo nei territori occupati, ha detto, compresa la Cisgiordania, che Israele ha occupato nella guerra dei sei giorni nel 1967. Diverse centinaia di migliaia di coloni israeliani ora vivono lì come cittadini mentre circa 2,7 milioni di palestinesi non lo sono e vivono sotto il controllo militare.

Il direttore esecutivo di Human Rights Watch, Kenneth Roth, ha detto che questa non era semplicemente “un’occupazione abusiva”. “Queste politiche, che garantiscono agli ebrei israeliani gli stessi diritti e privilegi ovunque vivano e discriminano i palestinesi a vari livelli ovunque vivano, riflettono una politica per privilegiare un popolo a scapito di un altro”, ha detto Roth.

Quando in passato sono state sollevate accuse simili, Israele si è particolarmente offeso per l’affermazione che discrimina i cittadini palestinesi del paese, noti anche come arabi israeliani. Cita le leggi sulla parità dei diritti e il fatto che gli arabi sono rappresentati nel governo e nel sistema giudiziario.

Per quanto riguarda la Cisgiordania occupata, Israele fa riferimento agli accordi firmati negli anni ’90 che offrivano ai palestinesi un autogoverno limitato. Tuttavia, Human Rights Watch afferma che il governo israeliano “mantiene ancora il controllo primario su molti aspetti” della propria vita, inclusi i confini, le risorse naturali e il movimento di persone e merci.

Nel frattempo, circa 2 milioni di palestinesi vivono sotto un rigido blocco a Gaza. Le forze israeliane si sono ritirate da Gaza nel 2005 ma mantengono ancora il controllo dei suoi confini, del mare e dello spazio aereo.

Il rapporto segue risultati simili da parte di organismi israeliani per i diritti, compreso un annuncio di gennaio di B’Tselem che affermava che il paese non era una democrazia ma un “regime di apartheid”. Un altro gruppo nazionale, Yesh Din, ha pubblicato l’estate scorsa un parere legale in cui sosteneva che l’apartheid fosse applicato, ma ha limitato i suoi risultati alla Cisgiordania. Israele ha respinto con forza queste affermazioni.

Un cambiamento nella percezione dell’apartheid fa parte di un movimento guidato da attivisti che hanno guadagnato spazio in seguito alle minacce di annessione israeliana che, sostengono, dimostrano che l’occupazione è permanente, così come le leggi che sanciscono diritti politici extra per gli ebrei sugli arabi , due fatti citati da Human Rights Watch nella sua relazione.

Ha invitato il pubblico ministero della Corte penale internazionale a “indagare e perseguire coloro che sono credibilmente implicati” e ha chiesto sanzioni tra cui divieti di viaggio e congelamento dei beni per i funzionari responsabili, senza nominarli.

L’anno scorso lo stesso gruppo per i diritti ha scoperto che anche gli abusi del governo del Myanmar contro i musulmani Rohingya equivalgono a crimini di apartheid e persecuzione.

PalestinaCeL

VIEW ALL POSTS

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato