Warning: Creating default object from empty value in /home/customer/www/palestinaculturaliberta.org/public_html/wp-content/themes/helpinghands/framework/admin/ReduxCore/inc/class.redux_filesystem.php on line 29
Sciopero di lavoratori palestinesi alla Yamit: chiediamo urgente sostegno internazionale - Palestina Cultura Libertà
CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

Sciopero di lavoratori palestinesi alla Yamit: chiediamo urgente sostegno internazionale

il logo della Nuova Federazione dei Sindacati Palestinesi

7 gennaio 2021 by New Unions

Il 1 ° gennaio 2021, quando il mondo celebrava il nuovo anno, 75 lavoratori palestinesi della fabbrica Yamit Sinoun di una colonia israeliana hanno iniziato uno sciopero aperto chiedendo all’azienda di rispettare i loro diritti. L’azienda produce sistemi di filtraggio dell’acqua per il mercato globale e gli operai in sciopero richiedono condizioni di lavoro umane, salari migliori, congedi per malattia e ferie pagati e un fondo pensione che conservi i loro soldi. Dopo sette giorni consecutivi di sciopero, l’azienda si rifiuta di soddisfare queste richieste.

La Palestine New Federation of Trade Unions chiede all’Organizzazione Internazionale del Lavoro, alla Confederazione Internazionale dei Sindacati, alla Federazione Mondiale dei Sindacati, ai sindacati internazionali e ai gruppi per i diritti umani di sostenere il giusto sciopero dei lavoratori, di lanciare un boicottaggio della fabbrica di Yamit e la solidarietà con la lotta palestinese per smantellare il sistema di apartheid israeliano.

Questo sciopero non è il primo del suo genere; piuttosto, è una risposta al rifiuto della società Yamit di rispettare i termini di un accordo, per negoziare con i lavoratori, a seguito di uno sciopero svoltosi per 20 giorni lo scorso novembre. In precedenza, nel 2007, i lavoratori hanno organizzato uno sciopero per chiedere salari più alti e l’organizzazione di formazione su come i lavoratori dovrebbero proteggersi nel loro pericoloso posto di lavoro. Questo sciopero è stato preceduto da un altro nel 1998, in cui i lavoratori chiedevano diritti fondamentali come il miglioramento delle condizioni di lavoro disastrose e la loro protezione sul lavoro.

La schiavitù esiste ancora

Lo sciopero in corso è coordinato da un comitato di cinque operai che lavorano nella fabbrica e sostenuto dalla Nuova Federazione Sindacale Palestinese; Khalil Shehab, uno dei lavoratori in sciopero e membro del comitato dei lavoratori che guida lo sciopero, lavora nella fabbrica dal 1995. Ha dichiarato:

Anche se questo non è il primo sciopero nel suo genere, l’arrogante datore di lavoro israeliano si è rifiutato di darci gli stessi diritti di cui godono i lavoratori israeliani. Stiamo conducendo questo sciopero perché vogliamo essere trattati come esseri umani e non come schiavi, senza diritti. Non siamo schiavi perché l’era della schiavitù è finita. Le nostre richieste sono semplici e fondamentali. Abbiamo bisogno di protezione sul posto di lavoro pericoloso, soprattutto durante la diffusione della pandemia COVID-19, congedi per malattia e ferie pagati come i lavoratori israeliani, salari più alti e un fondo pensione che assicuri che i nostri soldi siano tenuti per noi fino alla pensione. Nel 2016 l’azienda ci ha costretti a firmare un accordo che ha congelato l’apporto di ulteriori soldi al nostro fondo pensione; la quantità di denaro congelata era di circa un milione di dollari. In seguito ci siamo resi conto che la società ha speso metà dei nostri fondi pensione congelati.

Anche noi siamo esseri umani!

“NO” in lettere maiuscole è stata la risposta scritta che Yamit ha inviato a tutte le richieste dei lavoratori. Peggio ancora, invece di aumentare i salari dei lavoratori come parte delle richieste, che sono al di sotto dei tassi salariali minimi da decenni, l’azienda ha deciso di diminuire i loro salari. Ogni protesta dei lavoratori contro queste nuove decisioni, ha dichiarato l’azienda, farà perdere loro il lavoro.

Ofer Talmi, il datore di lavoro, ha scandalosamente giustificato il rifiuto delle richieste dei lavoratori in una lettera inviata agli organizzatori dello sciopero dal titolo “Tutto è genetica ed educazione”. In questa lettera spiega come il suo rifiuto di concedere ai lavoratori palestinesi i loro diritti non sia solo motivato da interessi capitalistici per ridurre i costi di produzione, ma si basi fondamentalmente sulla sua convinzione suprematista che i palestinesi sono inferiori e non possono avere uguali diritti. Egli afferma:

“I lavoratori che lavorano per 25-30 anni presso un datore di lavoro sono lavoratori soddisfatti.

“Non vengono sfruttati.

“Se pensavano di essere sfruttati avrebbero trovato un altro lavoro, anche se decenza e onestà mi fanno aggiungere che le opzioni per loro sono minori che per gli israeliani. […] “Mi dispiace di non avere un’azienda hi-tech che produce chip per computer.

E sai una cosa? Se avessi una azienda simile, i palestinesi non ci verrebbero impiegati. “Ogni dipendente che guadagna più del salario minimo verrà licenziato e al suo posto ne arriverà un altro più economico e noi gli insegneremo come lavorare.

“Sapete perché? Perché è lì che ci state spingendo, è lì che vi state dirigendo. State incitando i lavoratori contro il loro datore di lavoro dicendo loro che non ricevono i benefici dalla legge israeliana, anche se sapete che lavoriamo secondo la legge giordana. Anche se sapete che ognuno dei nostri lavoratori ha firmato un contratto secondo la legge giordana. A proposito, sapete perché Yamit è l’unica azienda del Paese che lavora secondo la legge giordana?

“Perché i dipendenti non hanno una carta d’identità israeliana e non sono lavoratori stranieri come quelli della Thailandia e di altri paesi. E un’altra cosa, lavorano in un’azienda di mia proprietà, e sono uno che sa che “la terra di Israele appartiene al popolo di Israele” e non permetterò a un lavoratore palestinese di legarsi in alcun modo allo stato di Israele. […]

“Ricorda, nessun lavoratore palestinese lavorerà a Yamit secondo la legge israeliana. Non importa quello che dice la legge o il tribunale. Se il tribunale decide che devo lavorare secondo la legge israeliana, li licenzierò tutti “.

(traduzione dell’autore dall’ebraico)

 La discriminazione di Talmi contro i palestinesi come gruppo “razziale” distinto, senza diritti, corrisponde all’intera politica israeliana che sottomette i palestinesi come sub-umani per impossessarsi della loro terra. Questa discriminazione fa parte del più ampio regime israeliano di apartheid come definito nella Convenzione sull’apartheid (1973), Articolo II:

“Atti disumani … commessi nel contesto di un regime istituzionalizzato di oppressione e dominio sistematico da parte di un gruppo razziale su qualsiasi altro gruppo o gruppi razziali e commessi con l’intenzione di mantenere quel regime.”

Mohammed Blaide, il segretario generale della Nuova Federazione sindacale palestinese ha affermato che “attraverso questo sciopero, i lavoratori rivendicano i diritti che chiedevano in scioperi precedenti ignorati dall’azienda”. Blaide ha aggiunto che “questo sciopero deve continuare; se i lavoratori perdono questa battaglia, le conseguenze costeranno loro la loro fonte di reddito facendoli morire di fame nel corso dello strangolamento dell’economia palestinese causato dalle pratiche di apartheid israeliane di lunga data “.

i lavoratori in sciopero

Le zone industriali israeliane: zone di morte per i lavoratori palestinesi

Yamit Sinoun si trova nella zona industriale di Nitzanei Shalom, che ospita 12 fabbriche chimiche israeliane costruite su terreni palestinesi rubati a Tulkarem. Ci sono 19 zone industriali israeliane costruite illegalmente nella Cisgiordania occupata. Le autorità di occupazione israeliane stanno progettando di erigere quattro nuove zone industriali in Cisgiordania, per usurpare più terra palestinese e ghettizzare ancora di più i palestinesi.

Le zone industriali sono considerate un fondamento dell’economia israeliana, in particolare per la prosperità economica degli insediamenti illegali vicino alle zone industriali, mentre si de-sviluppa l’economia palestinese e si aumenta lo sfruttamento del lavoro, della terra e delle risorse naturali palestinesi. Le zone industriali nell’area “C” della Cisgiordania generano profitti per le società israeliane e multinazionali. La prevista costruzione di più zone industriali in Cisgiordania non farebbe che minare lo sviluppo dell’economia palestinese e aumentare la sua dipendenza da quella israeliana.

Le zone industriali costruite nelle vicinanze di città e villaggi palestinesi hanno gravi effetti sulle loro vite e sull’ambiente. I rifiuti chimici e le emissioni degli stabilimenti situati in queste zone hanno portato alla rovina dei terreni agricoli circostanti, alle falde acquifere e all’inquinamento atmosferico. Ciò ha aumentato il tasso delle malattie, comprese le malattie respiratorie, le infezioni agli occhi e il cancro.

Il nostro appello: basta complicità internazionale con l’apartheid

Secondo Blaidi, i lavoratori palestinesi a Yamit producono attrezzature che vengono utilizzate da Netafim ed esportate in diverse parti del mondo.

documento che mostra un accordo tra Yamit e Netafim.

Netafim è stata fondata nel 1965 nel Kibbutz Hatzerim, un insediamento agricolo israeliano nel Naqab (Negev), poco dopo che Israele aveva completato l’espulsione della maggior parte delle comunità beduine palestinesi dall’area. Lavora con diversi insediamenti nella Valle del Giordano, Hebron e oltre per sviluppare la tecnologia che garantisca loro di trarre i migliori profitti dalla terra rubata. Netafim è stata in grado di vendere il suo marchio come leader globale nell’agricoltura sostenibile a 25 paesi in tutto il mondo, mentre, di fatto, svolge un ruolo chiave nel sostenere insediamenti agro-aziendali illegali su terreni palestinesi rubati e irrigati con acqua palestinese rubata.

Oltre a Netafime le seguenti aziende multinazionali operano con Yamit

  1. S & A Engineering Solutions, Russian Federation
  2. Rivulis Plastro S.A, Argentina
  3. BEIJING YI HE SHENG TONG TRADING Co. Ltd, China
  4. Beijing Sinokylin International Co. Ltd, China 
  5. NAANDAN JAIN IBERICA, Spain
  6. A.I.K- AGRICULTURAL INTERNATIONAL KOMPANY Ltd, Ukraine
  7. Aqua Global s.r.o., Czech Republic
  8. DURMAN COLOMBIA S.A.S, Colombia
  9. Yamit USA Inc., United States
  10. HBIS GROUP BEIJING INTERNATIONAL, China 
  11. Riegos de Chirique S.A, Panama

L’azienda ha contratti con aziende e amministrazioni locali nel mondo.

A proposito della complicità aziendale con lo sfruttamento dei lavoratori in sciopero, Blaide ha detto:

Molti palestinesi non hanno altra scelta che lavorare nelle aziende israeliane a causa del sistematico de-sviluppo israeliano dell’economia palestinese; quindi, parte del sostegno allo sciopero dei palestinesi e ai loro diritti contro le società israeliane, consiste nel boicottare Netafim e nel chiedere a tutte le multinazionali di interrompere qualsiasi attività commerciale con Yamit e altre società che operano nelle zone industriali di insediamento in Cisgiordania. Il boicottaggio di queste società dovrebbe anche essere parte di una visione più ampia per smantellare il sistema di apartheid di Israele, con la società Yamit come micro modello di questo sistema, in modo che i nostri lavoratori non debbano in primo luogo lavorare per le società israeliane.

Per esercitare pressioni sulla società Yamit affinché rispetti i diritti dei lavoratori, la Palestine New Federation of Trade Unions sollecita l’Organizzazione Internazionale del Lavoro, la Confederazione Internazionale dei Sindacati e i sindacati di tutto il mondo:

  • ad ampliare la loro lotta attraverso la comunicazione
  • chiedere alle società e istituzioni internazionali che trattano con Yamit di chiudere la loro attività con Yamit.
  • A tali società dovrebbe essere ricordato che trattare con una società costruita illegalmente su terreni palestinesi rubati è in primo luogo incompatibile con il diritto internazionale; continuare a comprare i prodotti di Yamit mentre calpesta i diritti dei suoi lavoratori palestinesi raddoppia la loro complicità con il regime di apartheid israeliano, che rastrella i profitti sulle spalle dei lavoratori palestinesi sfruttati.
  • ritenere Israele responsabile aderendo al movimento guidato dai palestinesi per il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni (BDS)

(1) collaborare con i sindacati degli agricoltori, i movimenti sociali e i governi per ritenere Netafim responsabile e interrompere qualsiasi attività commerciale con la società.

(2) garantire che nessuno dei loro fondi pensione investa in società elencate nel database delle imprese delle Nazioni Unite impegnate in attività relative agli insediamenti israeliani rilasciati il 12 febbraio 2020 e opporsi a qualsiasi rapporto con le società.

(3) esercitare pressioni efficaci e urgenti sui loro governi affinché riconoscano Israele come uno stato di apartheid secondo la definizione delle Nazioni Unite nella Convenzione sull’apartheid (1973) e chiedono la riattivazione del Comitato speciale delle Nazioni Unite contro l’apartheid.

(4) esercitare pressioni efficaci ed urgenti sui loro governi affinché vietino beni e servizi degli insediamenti israeliani e interrompano qualsiasi attività commerciale con società israeliane e internazionali che operano e traggono profitto dagli insediamenti israeliani.

Traduzione a cura di Alessandra Mecozzi da: The Palestinian New Federation of Trade Unions

PalestinaCeL

VIEW ALL POSTS

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato