CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

Sii coraggiosa, sii audace nella ricerca del giusto

Ritratto
Libera te stessa, [e] libererai la tua terra, disse il padre ad Hanan Ashrawi. È diventata la prima donna nel Comitato esecutivo dell’OLP.

di Mariam Barghouti

Questo articolo fa parte del nostro dossier “No Women – No Peace: 20th Anniversary of UNSC Resolution 1325 on Women, Peace and Security”.

Dr. Hanan Ashrawi è un nome familiare alla maggior parte delle famiglie palestinesi e che persiste attraverso le generazioni. E’ a capo del Dipartimento di diplomazia e politica pubblica dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina (OLP), nonché membro rieletto del Comitato esecutivo dell’OLP.

Nonostante il suo robusto e ricco curriculum, fatica a trovare le parole per descrivere se stessa. “Questa è probabilmente una delle domande più difficili”, confessa con una risatina. ‘Mi vedo sempre fondamentalmente come un essere umano: una donna, una madre, creatrice di famiglia, moglie, nonna. Ma anche come accademica, attivista politica, scrittrice, capo dipartimento. ” Riassume Ashrawi:” Sono una raccolta di tutte le mie esperienze di vita”. Con voce piena di una fiducia radicata nell’umiltà, afferma:” Spero che questo mi renda pienamente un essere umano.”‘

Dopo la dichiarazione dello Stato di Israele nel 1948, essendo palestinese è rimasta impigliata negli elementi che accompagnano l’imposizione del l’occupazione israeliana. Ashrawi, come la maggior parte dei palestinesi, non ha fatto eccezione. ‘[I palestinesi] sfidano le definizioni facili’, spiega, ‘perché abbiamo una situazione di ingiustizia così sfaccettata e complessa.’ Nonostante sia profondamente consapevole di questo fatto, Ashrawi fa teneramente eco al motto che ha ereditato da suo padre, Daoud Ashrawi, ‘libera te stessa, [e] libererai la terra’.

Avere e dare spazio

Il viaggio di Ashrawi per diventare un “essere umano completo” è iniziato nello spazio intimo della casa. Le lezioni che avrebbe imparato da sua madre e suo padre, rispettivamente Wadia e Daoud, risuonano ancora nelle sue parole. Come genitori di cinque figlie, Wadia era una femminista, mentre Daoud difendeva con forza i diritti delle donne. “[Mio padre] ci ha cresciuto tutte con due aspettative: primo, non accettare mai i limiti e le restrizioni che ti vengono imposti dagli altri e dalla società”, ricorda Ashrawi: ‘e secondo: “l’unica cosa che mi aspetto da voi è che otteniate diplomi di istruzione superiore”.

Avendo passione per il mondo accademico, Ashrawi fondò il dipartimento di inglese alla Birzeit University nel 1973-78 e in seguito divenne preside della Facoltà di Arti. Nonostante il sostegno della sua famiglia, compreso suo marito Emile, e due figlie Amal e Zeina, c’era un intero mondo che imponeva necessariamente le proprie sfide. Consapevole di questo, ammette che mentre “il sostegno immediato era forte, la realtà complessiva era estremamente difficile”. Come donna, le esperienze di Ashrawi non sono state prive di ostacoli. “Ogni volta che c’è una donna che lavora in base a principi, mirando ad obiettivi chiari, troverai molti uomini che cercheranno di spezzarla e ridefinirla secondo il loro linguaggio”, sospira. ‘È stato molto difficile per me. Mi guardavano come se stessi usurpando un posto di loro diritto. “

Il lavoro di Ashrawi sui diritti umani, i diritti delle donne, la formazione politica, la costruzione della pace e la costruzione della nazione è stato significativo, ma è stato un accumulo di esperienze – a volte dolorose – tra l’essere un’attivista durante i suoi anni universitari presso l’Università americana di Beirut (AUB ), e i viaggi attraverso gli Stati Uniti, con gli incontri con vari attivisti, dalle alleanze di studenti neri ai minatori, fino a diventare membro del Consiglio nazionale palestinese.

Pensa in grande, sii corggiosa

Gli anni del suo attivismo all’AUB le sono ancora molto presenti, e ricordando l’ organizzazione di studenti osserva affettuosamente: “ci siamo protetti a vicenda, ci siamo presi cura l’una dell’altra”. Ma protezione significa anche non avere visioni limitate dei diritti delle donne. In modo determinato e imperturbabile, la ricerca della giustizia sociale di Ashrawi come attivista si sarebbe intrecciata politicamente con l’impegno nella costruzione della nazione. E ciò ha provocato pesanti accuse a cui ha dovuto far fronte.

Un ricordo che le torna ancora alla mente è quando il Ministero Palestinese per gli affari delle donne era ancora in fase di formazione, Ashrawi si impegnava contro. Con una mossa coraggiosa, tentava invece di far pressione per un consiglio di donne con poteri, al livello del primo ministro o del presidente. Ciò portava a una serie di accuse da parte di funzionari e gruppi di donne di cercare una posizione politica per se stessa. Ma per Ashrawi, “è facile avere un ministero degli affari delle donne, scarichi tutte le questioni delle donne in quel ministero e poi tutte le altre istituzioni sono libere di fare quello che vogliono”. Sorridendo, Ashrawi riflette su quel momento: “Era, come si dice in arabo,” vai, bella ragazzina a giocare nell’angolo “”.

Nel 2009, Ashrawi è diventata la prima donna nella storia palestinese a occupare un seggio nel più alto organo esecutivo in Palestina, il Comitato Esecutivo dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP). Due cose hanno continuato a spingerla avanti, “primo, non lavorare da sola, [e] secondo, attenersi ai miei principi”. In effetti, Ashrawi riconosce con orgoglio che la sua posizione deriva da uno sforzo collettivo di donne che si elevano a vicenda. Afferma che sono state le donne a votare per la sua nomina ufficiale nel Comitato Esecutivo, spiegando che aiuta a “sfatare il mito che le donne non votano per altre donne”. Il contributo di Ashrawi nel costruire spazio per le donne include anche i suoi rigorosi sforzi nel progetto di costruzione della nazione. E’ costruendo “le istituzioni che si possono davvero sfidare i sistemi chiusi che limitano lo spazio e il potere per le donne”. Ciò significa non adottare un principio che mina i suoi principi di giustizia sociale e uguaglianza, non solo per le donne, ma per tutta la società.

Dirigere non è solo governare

All’inizio degli anni ’90, appartenendo ad una generazione che è stata determinante nella costruzione dell’organo di governo dell’Autorità Nazionale Palestinese, Ashrawi ha assistito alla trasformazione dei comitati locali formati durante la prima intifada(1) in una struttura sociale istituzionalizzata. Molti palestinesi veterani che erano politicamente attivi negli anni precedenti finivano per ricoprire incarichi ufficiali. Come membro del Comitato diplomatico e del Comitato politico dell’Intifada nel 1988-1993, Ashrawi ha svolto un ruolo importante nella Conferenza di pace di Madrid del 1991. Faceva parte della delegazione palestinese di alto livello guidata dal venerato dottor Haidar Abdel Shafi e dal leggendario Faisal Husseini, di Gerusalemme. Come portavoce della delegazione, e unica donna, è diventata ben presto famosa sulla scena diplomatica, rappresentando con determinazione e orgoglio le posizioni palestinesi. Nonostante la sua prestazione eccezionale e la fama acquisita durante questi difficili negoziati, Ashrawi non era interessata a far parte di un governo nazionale che non vedeva ancora pronto per la sua comunità. “Abu Ammar (2) e io abbiamo avuto grandi discussioni sul perché non volevo essere un ministro nel governo dell’Autorità nazionale palestinese”, ricorda, usando il nome di battaglia di Yasser Arafat con cui è conosciuto. ‘Ho continuato a dire che voglio far parte della società civile.’

Mentre i rappresentanti dell’OLP firmavano gli accordi di Oslo nel 1993, le riserve di Ashrawi e il sostegno di Arafat, l’avrebbero spinta a istituire la commissione indipendente per i diritti dei cittadini. Questa sarebbe poi diventata la Commissione indipendente per i diritti umani, formalmente riconosciuta con decreto presidenziale e incorporata nella legge con il potere di esercitare istituzionalmente la supervisione.

Avendo una unica nomina ufficiale come Ministro dell’istruzione superiore e della ricerca nel 1996, Ashrawi dice con audacia: “Non volevo far parte del nostro sistema. Volevo far parte di una forza con funzione correttiva che assicurasse che il sistema di governance fosse basato sulla giustizia e sui diritti umani. “Ashrawi ha continuato il suo impegno per dare importanza alla assunzione di responsabilità e alla trasparenza. “La salute di una nazione [non è] un sistema esecutivo astratto di politici seduti al vertice”, spiega, “ma una società civile attiva, plurale e basata su principi.” Forte delle sue convinzioni, avrebbe fondato MIFTAH, l’Iniziativa palestinese per la promozione del dialogo globale e della democrazia nel 1998 e AMAN, la Coalizione nazionale per la responsabilità e l’integrità nel 1999.

Essere umano, non superdonna

Nonostante i suoi successi, con la lotta generale palestinese contro l’occupazione imposta dai militari, le questioni delle donne erano spesso relegate a preoccupazioni secondarie. Ma Ashrawi ha rifiutato i binari di primaria e secondaria. “Non puoi negare l’autodeterminazione, la giustizia e l’uguaglianza alle donne nella tua stessa società e affermare che stai lottando per loro come un tutto nella lotta contro l’occupazione”, afferma con fermezza. “Non è qualcosa che metti sullo scaffale e aspetti di essere liberato”, sottolinea, “non puoi rimandare la costruzione di una società sana”.

Su questo, ricorda una conversazione tra l’ex presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter e Yasser Arafat. ‘Carter ha detto [ad Arafat], “non hai abbastanza donne nel tuo gabinetto”, al che Arafat ha risposto: “Ho Hanan Ashrawi, e lei vale dieci uomini”. E io allora ho detto: “Sono disposta ad andarmene e puoi nominare dieci donne al mio posto.” ‘In effetti, Ashrawi continuava a sottolineare che c’è bisogno di più donne in posizioni di potere, e attribuisce il fallimento di questo alla cosiddetta “sindrome da superdonna”. Con amarezza, spiega: “Le donne sono generalmente giudicate con gli standard più severi. Conosci la sindrome della superdonna: devi essere perfetta per essere riconosciuta e accettabile. “

La visibilità di Ashrawi non era solo intimidente per gli uomini, dopo tutto le donne devono lottare due volte più duramente per i già limitati spazi di leadership. Essendo una delle poche donne dirigenti, Ashrawi ha riconosciuto che essere usata come simbolo era un modo per escludere altre. Acutamente consapevole dei pericoli di tale simbolismo, Ashrawi ci ricorda: “È importante per ogni donna che arriva da qualche parte non solo essere un modello, ma anche aprire lo spazio ad altre donne.” Cerca di trovare le parole per consigliare le future leader della prossima generazione: “Se adotti tu stessa l’ethos maschile e il sistema di valori maschili e il sistema di potere all’interno del sistema politico, allora non diventi diversa dai maschi che sono al potere.” Teneramente, ripete le parole di suo padre ancora una volta: “sii coraggiosa, sii audace nella ricerca di ciò che è giusto”.

1 La prima intifada palestinese è stata una rivolta di massa della società civile contro le pratiche israeliane e l’occupazione. È iniziato nel 1987 e si è concluso con la firma degli accordi di Oslo nel 1993.

2Abu Ammar, noto anche come Yasser Arafat, è stato il primo presidente eletto nei Territori palestinesi occupati.

Traduzione a cura di Alessandra Mecozzi da https://www.boell.de/en/2020/10/20/be-courageous-be-daring-in-the-pursuit-of-right?dimension1=dossier1325&fbclid=IwAR0ZDZ2bDIN8iU6M74qQd3vtFUvMdhp0hiODk-FebEdUZEiBDrRSz3-K_2E

PalestinaCeL

VIEW ALL POSTS

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato