Warning: Creating default object from empty value in /home/customer/www/palestinaculturaliberta.org/public_html/wp-content/themes/helpinghands/framework/admin/ReduxCore/inc/class.redux_filesystem.php on line 29
Chi sono i manifestanti israeliani alla porta di Netanyahu? - Palestina Cultura Libertà
CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

Chi sono i manifestanti israeliani alla porta di Netanyahu?

I diversi gruppi di protesta che riempiono le strade di Gerusalemme sono stati etichettati dalle autorità israeliane come anarchici e persino traditori. Ma chi sono i manifestanti e che cosa vogliono?

Robert Swift July 27, 2020

Ad un incontro organizzato in seguito ad una protesta svoltasi a metà luglio di fronte alla residenza del primo ministro Benjamin Netanyahu, in Balfour Street a Gerusalemme, il capo della polizia della città, Doron Yedid, ha raccontato ai reporter che le manifestazioni sono state organizzate “dalla sinistra”. La sua dichiarazione è stata immediatamente contestata: “Non c’era solo la sinistra! Che assurdità!” ha urlato una manifestante con una mascherina nera sulla bocca. “C’erano anche sostenitori [di destra] del partito Likud, c’erano tutti, basta parlare a vanvera!”.

Dati i vari slogan e i simboli che animano l’ondata di proteste, questo conflitto solleva questioni importanti. Chi sono le persone scese in piazza nelle ultime due settimane – con una partecipazione senza precedenti negli ultimi anni – e cosa vogliono?

L’opposizione a Netanyahu è un tema centrale delle proteste, molti manifestanti chiedono le sue dimissioni, criticandone la corruzione e l’agenda politica antidemocratica. Alcuni sostengono che Netanyahu abbia governato come un “re” troppo a lungo, mentre altri ritengono che il partito al potere Likud e i sostenitori della coalizione siano anch’essi corrotti.

Cannone ad acqua per disperdere i manifestanti presso la residenza del Primo Ministro Benjamin Netanyahu 25 luglio 2020 Photo by Olivier Fitoussi/Flash90

Un simbolo significativo che appare durante le proteste è la bandiera nera, che rappresenta la morte della democrazia in Israele, e che i manifestanti spesso sventolano sui ponti delle autostrade del paese. Altri hanno indossato magliette e portato poster con la scritta “Ministro del crimine”, sottolineando così le accuse di corruzione mosse al premier.

Alcuni manifestanti raramente sono scesi in piazza in passato, mentre altri hanno protestato contro Netanyahu per anni – come Amir Haskel, generale di brigata dell’aeronautica militare apparso in pubblico quando è stato arrestato dalla polizia a giugno da cui gli è stato vietato di entrare a Gerusalemme (in seguito un giudice ha annullato l’ordine). L’arresto di Haskel ha fatto aumentare il numero di manifestanti contro Netanyahu.

Haskel viene considerato come un leader del movimento di protesta contro la corruzione “Bandiere nere”. Spesso viene visto indossare una maglietta con una croce rossa su sfondo nero, simbolo di divieto di passaggio, che fa riferimento al rifiuto dei manifestanti di avere un primo ministro in carica processato per corruzione pubblica. I manifestanti che portano questo simbolo sono spesso ebrei israeliani anziani orgogliosamente sionisti e prioritariamente interessati alla sicurezza di Israele. Molti di questi manifestanti “no way” che accusano Netanyahu di tradimento hanno sottolineato lo scandalo “sottomarino” – in cui sono coinvolti il premier e diversi altri colleghi accusati di aver agito in modo inappropriato in merito alla gara d’appalto con il costruttore navale tedesco ThyssenKrupp per ottenere un guadagno finanziario

“Non era mai successo in Israele prima d’ora: che il nostro primo ministro tradisse il suo paese per soldi”, spiega Iftach Tami, un ex agricoltore e colonnello. “Sta mettendo in pericolo lo stato di Israele”.

L’attivista israeliano Amir Haskel durante un’udienza nella pretura di Gerusalemme giugno 2020 photo by Yonatan Sindel/Flash90

Una seconda richiesta dei manifestanti è che il governo faccia di più per migliorare la qualità della vita dei cittadini che ha il compito di servire. Gli imprenditori e i lavoratori impiegati nel settore del turismo e terziario stanno esprimendo la loro rabbia nei confronti del governo e della sua mancanza di sostegno durante la pandemia, diretta conseguenza della pressione senza precedenti che la crisi di corona virus esercita sull’economia del paese.

Itamar Shay, proprietario di un bar a Gerusalemme arrestato durante una manifestazione, ha raccontato che gli imprenditori hanno trovato dei nuovi modi per affrontare quella che viene percepita come l’incapacità governativa di gestire la pandemia. Non solo le persone stanno protestando, ma i commercianti si stanno anche opponendo alle restrizioni imposte dal governo, ha raccontato. All’inizio di questa settimana, quando il governo stava considerando l’idea di imporre una seconda quarantena, i ristoratori hanno dichiarato che non avrebbero chiuso.

Un’altra lamentela che concerne il sistema economico del paese proviene dai manifestanti più giovani, frustrati a causa delle possibilità limitate per il loro futuro. Queste lamentele sono direttamente connesse alle proteste del 2011 per la giustizia sociale. Sono inoltre legate al movimento anti corruzione, con persone che fanno fatica a provvedere alle loro famiglie o a impedire che il loro business fallisca durante la pandemia, il tutto mentre il primo ministro si concentra sull’ottenimento – per sé stesso – di sgravi fiscali

La Polizia rimuove manifestanti durante una protesta contro Benjamin Netanyahu fuori dalla sua residenza a Gerusalemme July 25, 2020. Photo by Olivier Fitoussi/Flash90

Conosciuti anche come i “padroni di casa” – nome che si riferisce al desiderio di riprendersi il controllo del paese – questi manifestanti infondono un tono di leggerezza in queste proteste accese. Vengono spesso visti con della vernice rosa sul volto o con indosso travestimenti mentre cercano di distribuire fiori agli agenti di polizia. Un messaggio sulla pagina facebook del gruppo che precede le manifestazioni di sabato sera esortava gli israeliani a protestare contro “un governo disconnesso e fallimentare”, ed esortava gli agenti di polizia ad astenersi dalla violenza e a “proteggere i loro cittadini”. Una portavoce del gruppo ha rifiutato di farsi intervistare per questo articolo.

Per completare la lista delle richieste dei manifestanti dobbiamo menzionare il gruppo anti-occupazione: quelli che chiedono un cambiamento del modo in cui il governo israeliano tratta i palestinesi. La solidarietà con il movimento Black Lives Matter negli Stati Uniti e la condanna dell’uccisione da parte di agenti di polizia di Gerusalemme di Iyad al-Hallaq, un giovane autistico palestinese, hanno dato maggior rilevanza alle voci di questi manifestanti, che sembrano essere in minoranza. Dei quindici intervistati per questo articolo, due o tre sembrano aver posto l’oppressione israeliana dei palestinesi al centro della loro lotta, mentre altrettanti hanno menzionato l’occupazione dopo la corruzione o il desiderio di cambio di governo.

Se il movimento include una gamma di ideologie politiche e messaggi, sembra che molti manifestanti abbiamo deciso di evitare di esprimere le loro rivendicazioni in termini politici più espliciti. La strategia scelta è invece quella di ritardare qualsiasi discorso che riguarda le loro contraddizioni al momento in cui Netanyahu verrà esautorato. La politica è “quello che ci divide, è un argomento delicato”, ha detto Ariel Bernstein, un manifestante con in mano un cartello con su scritto “Giustizia per Iyad” e che è stato poi arrestato.

I vari gruppi che compongono queste proteste sono stati spesso nominati dalla polizia, dai contro-manifestanti e politici come gruppi di sinistra, anarchici e persino traditori. Queste affermazioni sono preoccupanti per diversi manifestanti. Accusare di tradimento è una deliberata strategia dei politici per mettere a tacere il dissenso, ha sottolineato Itamar Miron, uno studente di matematica che ha recentemente partecipato ad una protesta. “Non voglio che questa situazione diventi la normalità nella nostra politica, l’idea che se non sei dalla parte di questi politici allora sei contro il paese intero”, ha detto.

Robert Swift è un giornalista e scrittore scozzese, con sede a Gerusalemme. Scrive su tecnologia, politica in Medio Oriente, Questioni relative a sicurezza e militari.

Traduzione a cura di Claudia Vlad da https://www.972mag.com/netanyahu-protests-jerusalem-corruption/

PalestinaCeL

VIEW ALL POSTS

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato