CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

Come la guerra Russia-Ucraina ha messo in luce l’ipocrisia europea sulla Palestina

Alaa Tartir: 9 marzo 2022

È sorprendente assistere alla rapida risposta europea, alla capacità di mobilitarsi velocemente e alla celebrazione della resistenza quando è “bianca, bionda e con gli occhi azzurri”

Una manifestante accanto a una bandiera ucraina durante una manifestazione a Tokyo contro le azioni della Russia in Ucraina, il 5 marzo 2022 (AFP)

Prima dell’invasione  russa dell’Ucraina , durante diverse conversazioni con i responsabili politici europei, mi è stato chiesto: “Cosa possono fare gli europei per affrontare l’ingiustizia in Palestina ?” Ma quando ho suggerito un elenco di interventi desiderati, ho ricevuto in cambio sorrisi falsi, occhi al cielo o suggerimenti che si trattava di richieste irrealistiche.

Ad esempio, quando ho suggerito agli europei di sostenere il movimento per il boicottaggio, il disinvestimento, le sanzioni (BDS), la risposta è stata: “No, no, quella appartiene a un’altra epoca”. Quando ho raccomandato una risposta europea rapida e unificata alle atrocità israeliane , mi è stato detto: “Questo non esiste; siamo frammentati e molto diversi, e il processo per stabilire un consenso non è fattibile”. Sulla resistenza, “non è una parola che ci piace sentire nei nostri ambiti politici. È intrinsecamente aggressiva e molto probabilmente violenta”. 

Che ne dici di solidarietà, ho chiesto? “Beh, preferiamo la diplomazia. Questa è più moderna e meno attivista”. Liberazione? “Questo è irraggiungibile. Che ne dici dell’autogoverno?”

Leggi il testo e pensa alla Palestina. Leggilo di nuovo e pensa all’Ucraina.

Benvenuti nell’ipocrisia europea.

Mi chiedo spesso, una volta finita la guerra in Ucraina, se farò lo stesso elenco di richieste, ora che l’asticella è più alta e sappiamo meglio cosa può fare l’Europa quando c’è una volontà politica. 

Un momento di riflessione

È terribile confrontare le tragedie, soprattutto quando sono coinvolti vittime civili e rifugiati.

Il “momento dell’Ucraina” offre ai palestinesi l’opportunità di mettere le cose in chiaro per quanto riguarda la resistenza, la libertà, la liberazione e il BDS

In quanto rifugiato anch’io, so benissimo cosa comporta questo status. Ma i momenti e i processi delle tragedie sono anche, purtroppo, momenti di riflessione e di valutazione.

Sono momenti che espongono soggetti complici, rivelano ipocrisie e smascherano realtà. Lo abbiamo visto negli ultimi 100 anni in Palestina e anche nelle ultime due settimane in Ucraina. 

È stato sorprendente assistere alla rapida risposta europea, allo slancio per dichiarazioni  che condannano l’aggressione russa, all’accoglienza incondizionata dei profughi europei, all’imposizione di sanzioni, alla capacità di mobilitarsi rapidamente e collettivamente quando esiste la volontà politica, alla celebrazione della resistenza quando è “bianco, biondo e con gli occhi azzurri” – e l’elenco potrebbe continuare. 

Non sono invidioso che i miei colleghi ucraini ricevano tutto il supporto di cui hanno bisogno. Ma mi trovo costretto, alla luce del “momento ucraino” che sta attraversando il mondo, a chiedere ai miei concittadini europei, individui e istituzioni: potete ripensare ai vostri atteggiamenti ipocriti e ai vostri doppi standard di vecchia data?

Certamente, l’ordine mondiale ha bisogno di essere scosso. Le istituzioni di governance globale, compreso il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, hanno bisogno di un rinnovamento totale e le ingiustizie dovrebbero essere affrontate ovunque. Ma né le guerre né l’ipocrisia sono le strade da perseguire nel tentativo di raggiungere questo obiettivo.

Affrontare gli squilibri di potere e reinventare le istituzioni di governance globale sono prerequisiti fondamentali per risolvere conflitti e ingiustizie di vecchia data, ma senza uguaglianza, responsabilità e sincerità, ciò non sarà possibile.   

Opportunità strategica 

Pertanto, il “momento ucraino”, con tutte le tragedie che comporta e le preziose vite perse, offre alla comunità internazionale – e agli europei in particolare – un’opportunità per riflettere e avviare un processo di creazione di misure correttive per sostenere i principi e i valori europei da tutte le parti. 

Come ci ricordano sempre i responsabili politici europei, ogni crisi porta un’opportunità ed è tempo di esplorare le opportunità che potrebbero nascere dalla crisi ucraina. Questo potrebbe sembrare ingenuo, insensibile, opportunistico o addirittura offensivo per i cittadini ucraini attualmente sotto attacco, ma è fondamentale per garantire che giustizia, diritti e libertà siano per tutti, e non solo per alcuni.

Pertanto, per quanto doloroso possa sembrare, il “momento ucraino” offre ai palestinesi un’opportunità strategica per mettere le cose in chiaro per quanto riguarda la resistenza, i rifugiati, la libertà, la liberazione, i diritti politici e il BDS.

I palestinesi sollevano cartelli durante una manifestazione che chiede sostegno internazionale per i palestinesi contro Israele, simile a quello mostrato per gli ucraini contro la Russia, a Gaza il 5 marzo 2022 (AFP)
Le persone a Gaza chiedono un sostegno simile a quello offerto all’Ucraina il 5 marzo 2022 (AFP)

Questa è un’opportunità strategica per ritenere gli attori europei responsabili non solo dei danni passati e delle rimostranze che hanno causato, ma anche dei danni presenti e futuri causati dalla negazione dei loro diritti ai palestinesi.

I palestinesi dovrebbero intensificare le loro richieste BDS contro l’apartheid, l’Israele coloniale, sostenendo il semplice principio che i palestinesi hanno diritto agli stessi diritti del resto dell’umanità. Questo è un modo efficace per garantire la responsabilità e ha chiaramente una certa forza nei circoli politici europei.

Narrativa di resistenza 

Allo stesso tempo, i palestinesi dovrebbero intensificare le loro azioni per difendere il diritto internazionale e perseguire la responsabilità attraverso la Corte penale internazionale.

I palestinesi dovrebbero ricordare ogni giorno al mondo che il trasferimento forzato della popolazione palestinese e l’introduzione di cittadini della potenza occupante sono grave violazione del diritto umanitario internazionale e costituiscono un crimine di guerra. 

Andando avanti, non sarà accettabile che i politici europei mi dicano, quando chiedo loro di trattare la Palestina come l’Ucraina: ‘È diverso!’

I palestinesi non dovrebbero rifuggire dalla narrativa e dalla pratica della resistenza e dovrebbero spingere contro la sua criminalizzazione, non solo perché è un modo efficace per cambiare le dinamiche del potere e ottenere diritti, ma anche perché la resistenza è giustificata e necessaria di fronte all’occupazione militare e all’ oppressione.  

L’intenzione qui non è quella di costruire o strumentalizzare il dolore degli altri per realizzare nostri guadagni politici. Ma se vogliamo costruire un ordine mondiale diverso, dobbiamo prima affrontare le questioni fondamentali.

Europa, ora sappiamo cosa puoi fare quando vuoi. E sappiamo meglio come ritenerti responsabile. Per ora, manteniamo l’attenzione sul “momento ucraino”. Domani, usiamolo per riparare altre ingiustizie nel mondo.

Andando avanti, non sarà accettabile che i politici europei mi dicano, quando chiedo loro di trattare la Palestina come l’Ucraina: “È cosa diversa!”

Alaa Tartir è consulente del programma di Al-Shabaka, Palestine Policy Network, ricercatore e coordinatore accademico presso il Graduate Institute of International and Development Studies (IHEID) a Ginevra, Svizzera, e Global Fellow presso il Peace Research Institute Oslo (PRIO) . Tartir è co-editore di Palestine and Rule of Power: Local Dissent vs. International Governance (Palgrave Macmillan, 2019) e co-editore di Political Economy of Palestine: Critical, Interdisciplinary, and Decolonial Perspectives (Palgrave Macmillan, 2021) . È possibile accedere alle pubblicazioni di Tartir all’indirizzo www.alaatartir.com

traduzione a cura della redazione

PalestinaCeL

VIEW ALL POSTS

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato