CALL US NOW 333 555 55 65
DONA ORA

Ramadan a Gaza, sotto lockdown. Le foto eloquenti di Mohammed Zaanoun

Con i grandi raduni vietati e le moschee chiuse per la preghiera, i residenti della Striscia stanno facendo tutto il possibile per sentire lo spirito dei giorni di festa.

di Mohammed Zaanoun da +972 magazine

Con il mondo devastato da COVID-19, i musulmani di tutto il mondo celebrano quest’anno il mese santo del Ramadan in modo diverso. Gaza non fa eccezione.
Sebbene le autorità di Hamas abbiano vietato grandi raduni e le moschee siano chiuse per la preghiera, i residenti della striscia hanno inaugurato le feste con fuochi d’artificio e decorato le strade con luci e lanterne.

Giovani danno il benvenuto all’inizio del mese sacro del Ramadan con fuochi d’artificio, Gaza City, 30 aprile 2020. (Mohammed Zaanoun)

La frenesia dei mercati si è calmata, ha affermato Abu Mohammad, 42 anni, un responsabile della logistica, di Gaza City. E gli ricorda il modo in cui i palestinesi a Gaza hanno celebrato il Ramadan durante la guerra del 2014. Le direttive del governo per arginare la diffusione della malattia da coronavirus hanno reso difficile sentire lo spirito della festa, ha aggiunto. Cercando di farlo, ha osservato il Taraweeh, la preghiera della sera del Ramadan guidata in genere dall’imam della moschea, a casa con la sua famiglia di 10 persone.

I residenti del quartiere Shuja’iyya di Gaza si stringono attorno al calderone di minestra di Walid Hattab per l’ Iftar

La pandemia ha messo in luce ancor più la povertà dilagante di Gaza. Dopo 13 anni di blocco israeliano e diverse guerre, l’infrastruttura di Gaza è debilitata.

I residenti del quartiere Shuja’iyya di Gaza si stringono attorno al calderone di minestra Walid Hattab per l’ iftar

I 2 milioni di residenti della striscia non hanno accesso all’acqua pulita, subiscono regolari tagli di elettricità e soffrono di gravi carenze di attrezzature mediche essenziali. I tassi di disoccupazione, in particolare per i giovani, sono tra i più alti al mondo.

Pensando a questo, Walid Hattab era determinato a continuare la sua tradizione annuale di cucinare un pasto comune per gli abitanti del quartiere di Shuja’iyah, nonostante il blocco.

I residenti del quartiere Shuja’iyya di Gaza si stringono attorno al calderone di minestra di Walid Hattab per l’ iftar

Questa iniziativa, da lui iniziata diversi anni fa e che finanzia di tasca propria, lo ha reso famoso nel quartiere. Bambini e adulti si sono rannicchiati attorno al suo calderone per la strada, allungando le braccia per un po ‘di zuppa, che Hattab ha preparato con molta cura.

Abu Mahmoud che vende qatayef, un raviolo dolce di solito servito durante il Ramadan, ha detto che le vendite sono state particolarmente lente quest’anno. Ha sottolineato che il lockdown del coronavirus non ha solo bloccato i mercati, ma la conseguente crisi economica ha comportato che le persone siano anche meno disposte a spendere soldi.

per Abu Mahmoud neanche la riduzione del prezzo ha aumentato le vendite dei qatayef. Gaza City, April 27, 2020. (Mohammed Zaanoun)

Di conseguenza, quest’anno Abu Mahmoud ha deciso di vendere qatayef a un prezzo scontato. Tuttavia, è riuscito a fare solo metà dei NIS 700 ($ 200) che guadagna di solito nella prima settimana del Ramadan. “Grazie a Dio per tutto”, ha detto

Il coronavirus ha aumentato la crisi economica a Gaza. Abu Mahmoud, ha ridotto il prezzo dei qatayef, ma non è stato di aiuto. Gaza City, April 27, 2020. (Mohammed Zaanoun)

Ramadan è un mese in cui in genere i bambini prendono lezioni di recitazione del Corano nella loro moschea locale. Le precauzioni hanno impedito quest’anno che questi incontri si svolgessero.

Una bambina da sola legge il Corano Gaza City, April 26, 2020. (Mohammed Zaanoun)

“Abbiamo dovuto prendere decisioni pesanti per evitare quello che sarebbe stato un risultato ancora più duro”, ha dichiarato Toufiq Abu Na’im del Ministero degli Interni di Gaza. “Chiudere le moschee e proibire gli iftar in comune [la rottura del digiuno] e le festività di gruppo che rendono il Ramadan così speciale sono stati passaggi difficili ma necessari per contenere la diffusione del coronavirus”, ha spiegato.

traduzione Alessandra Mecozzi da https://www.972mag.com/ramadan-gaza-coronavirus-photos/

Mohammed Zaanoun è fotogiornalista a Gaza

PalestinaCeL

VIEW ALL POSTS

NEWSLETTER

Iscriviti e resta aggiornato